domenica 7 gennaio 2018

BRINDISI VINCE A REGGIO EMILIA CON UNA GRANDISSIMA PRESTAZIONE DI TUTTA LA SQUADRA

Nella foto, Smith va al tiro in sospensione contro Varese

Ci ha pensato ancora una volta un grandissimo Donta Smith a portare l'Happy Casa Brindisi alla sua prima vittoria esterna (73-77) di questo campionato. Quanto ha fatto il 34enne giocatore americano di Lousville, soprattutto nell'ultimo quarto, è stato davvero grandioso, di un'importanza monumentale per la squadra di Frank Vitucci. Ma, ancor prima di entrare nei particolari della prestazione di Smith e dei suoi compagni, ci sentiamo in dovere di commentare quanto sia stato importante il successo di Brindisi sul parquet del PalaBigi emiliano. Grazie a questa preziosissima vittoria esterna, Brindisi non solo ha lasciato l'ultimo posto a Pesaro, ma ha pure raggiunto in classifica Varese. Si è trattato, insomma, di un successo davvero brillante, perchè Reggio Emilia, con l'arrivo di Julian Wright (stasera, autore di 27 punti, con 31 di valutazione) e con il positivo ritorno di Della Valle (15 punti stasera), aveva sistemato per bene la squadra, che era in fase positiva da alcune giornate.
Ecco perchè questo grande risultato esterno di Brindisi potrà significare la gara della svolta definitiva del suo campionato. Va detto pure che, per la 2^ volta consecutiva, Brindisi ha vinto senza Marco Giuri (a letto con la varicella), un elemento fondamentale per la squadra, della quale risulta essere uno dei giocatori più esperti. Ebbene, qui si è vista la bravura del tecnico, che ha dato una scossa importante al morale e alla tenuta tecnico-tattica di Brindisi. Vitucci ha schierato in posizione di playmaker della squadra più Tepic che Moore, soprattutto perchè Nic era marcatissimo e poi perchè ha dovuto fare i conti con i falli, qualcuno dei quali imputatogli da un arbitraggio troppo severo nei suoi confronti. Ebbene, Tepic è stato di una positività eccellente (10 punti, 7 rimbalzi, 4 assist per un bel 18 in valutazione complessiva), guidando la squadra senza errori. Oltre al grandissimo Smith (15 punti messi a segno, con un 6/6 davvero eccellente, 5 falli subiti, 4 rimbalzi catturati, per un totale di 22 punti di valutazione), al quale abbiamo dedicato l'apertura di questo articolo, buona è stata anche la gara di Scott Suggs (16 punti, con 7/11 al tiro), sia in fase di attacco che in appoggio al play; come pure quella di Mesicek, ripresosi con un gran finale (10 punti) con penetrazioni che hanno creato scompiglio nella difesa avversaria; e, infine, Nic Moore (13 punti e 6 rimbalzi) e il solito, positivo Cady Lalanne (13 punti, 9 rimbalzi, 3 stoppate, per 15 punti di valutazione). Hanno giocato in sei uomini per quasi tutta la partita e sono andati tutti e sei in doppia cifra, rintuzzando la forza e la volontà di Reggio Emilia, rimasta annichilita dalla grandissima voglia di Brindisi di portarsi via la vittoria.


1 commento:

  1. Prova di grandissimo carattere. Se proviamo a perdere solo qualche pallone in meno andiamo anche meglio. Avanti cosi.

    RispondiElimina