domenica 19 novembre 2017

HAPPY CASA BRINDISI SUPERA LA VIRTUS BOLOGNA CON UN GRANDISSIMO NIC MOORE

Nella foto, Nic Moore al tiro contro Milano

Eccolo qui "Nic il Terribile", in una foto di repertorio dello scorso campionato contro Milano.  Il piccolo "grande" regista della Happy Casa Brindisi ha annichilito e distrutto nel pomeriggio di oggi la Virtus Segafredo Bologna (79-75, il finale di gara) con i tocchi del suo immenso talento. Non sono bastati i vari Gentile, Aradori, Ndoja, Lafayette, che pure erano in grande serata di tiro, a vanificare la bravura e la determinazione di Nic Moore, che a Brindisi aveva voluto tornare ad ogni costo, lontano dalla squadra francese del Nanterre, il cui allenatore non lo teneva nella giusta considerazione lasciandolo spesso in panca a soffrire. Bene, Nic Moore è tornato e stasera ha lasciato il segno indelebile della propria classe, aiutando i suoi nuovi compagni a vincere questa partita davvero determinante per la salvezza di Brindisi. Non ci era riuscito nel suo esordio a Pesaro, quando Brindisi aveva sfiorato la vittoria cedendo soltanto di misura nel finale.
Oggi, però, insieme ai suoi compagni di squadra, ha compiuto una prodezza davvero eccellente, esaltando i suoi tifosi e rimandando a casa a mani vuote la squadra bolognese. Non era per niente facile battere la Virtus Bologna, ricca di grandi giocatori tra nazionali azzurri e americani di buon valore. Brindisi ci è riuscita soltanto quando ha giocato di squadra e lasciando ogni tanto libero di tentare le sue scorribande personali il solo Nic Moore. Basti leggere il suo tabellino per rendersi conto delle sue prodezze: nei 28' giocati, egli ha messo a segno 26 punti, con ottime percentuali di tiro (4/7 da due punti, 4/5 da tre, 6/6 nei tiri liberi), ha preso 3 rimbalzi, ha dato 3 assist ai compagni, ha compiuto 3 falli e 6 ne ha subiti, per un totale di 31 punti in valutazione complessiva. Insomma, una grande performance, questa di Moore, che resterà indelebile nella memoria sua e di tutti gli appassionati brindisini di basket
Per fortuna, però, non c'è stato soltanto Moore in campo. Brian Randle ha voluto a tutti i costi questa vittoria, prima di andar via da Brindisi a causa dei suoi malanni fisici. E lo ha fatto con 6 punti e 6 rimbalzi, compiuti quasi tutti nel terribile finale di gara. Gli altri componenti della squadra hanno messo anch'essi il proprio zampino per rendere possibile questa vittoria, con un sempre più convincente Mesicek (13 punti), e con l'ottimo Suggs del finale, con il sacrificio difensivo di Cardillo e con l'esplosione di Lalanne nei minuti finali.
La gara è stata assai interessante e combattuta dall'inizio alla fine e lo conferma il punteggio dei quattro tempi di gioco: 18-17, 34-29, 56-58, 79-75. Questo grande successo consentirà alla squadra di Sandro Dell'Agnello di andare a Sassari nel prossimo turno con uno spirito del tutto diverso.

Nessun commento:

Posta un commento