lunedì 9 ottobre 2017

STASERA, A PISTOIA, BRINDISI CERCA UNA RISPOSTA IMMEDIATA CONTRO UN AVVERSARIO ESPERTO

Nella foto, Anthony Barber va a canestro in lay-up

Pistoia e Brindisi hanno avuto 24 ore in più di tempo per mettere a posto le proprie cose e prepararsi allo scontro diretto di questa sera, ultimo confronto valido per la 2^ giornata di campionato di Lega A. Pertanto, alle ore 20,45, le due squadre si schiereranno in campo per dar vita ad un nuovo confronto, molto sentito da entrambe le società, fin da quando si scontrarono in quel fatidico play-off del 2012, con Brindisi che fece saltare il pronostico andando a sbancare il PalaCarrara in gara-4 e a conquistarsi la promozione in Lega A. Da allora una forte rivalità divide le due squadre, anche se entrambe si sono spartite equamente vittorie e sconfitte nel massimo campionato.
Le due squadre hanno avuto nella gara d'esordio un esito assai diverso, perchè Pistoia è andata a vincere a Capo d'Orlando con ben 16 punti (57-73) di scarto, mentre Brindisi ha ceduto clamorosamente in casa di fronte ad una Fiat Torino apparsa superiore nell'arco dell'intera partita.
Stasera, quindi, Brindisi avrà una nuova occasione per dimostrare di essere una squadra più solida di quanto fece vedere domenica scorsa. Non sarà un compito agevole violare il parquet toscano, perchè Pistoia è apparsa subito squadra esperta, nella quale le stelle sono Tyrus McGee e Ronald Moore, due giocatori che conoscono assai bene il campionato italiano. Brindisi ha evidenziato nella gara d'esordio cedimenti sul piano emotivo, ma pure delle puerilità veramente incredibili per giocatori del massimo campionato. C'è da augurarsi che coach Dell'Agnello sia riuscito a riscontrare la causa di tali pericolosi difetti e a trovar quanto prima i rimedi opportuni. Soprattutto nel settore dei lunghi, Brindisi è parsa in netta difficoltà, perchè in quello della regia Marco Giuri e Anthony Barber hanno giocato da pari a pari con i propri avversari. Insomma, da questa partita ci si aspetta una bella risposta, che, indipendentemente dal risultato finale, fornisca motivi validi per ritenere che, quanto prima possibile, la squadra bianco-azzurra saprà mettersi in carreggiata e combattere da pari a pari con le squadre avversarie. A dirigere le operazioni in campo sarà la terna di arbitri composta da  Sabetta, Vicino e Ranaudo.


Nessun commento:

Posta un commento