lunedì 30 ottobre 2017

CONTRO UN FORTE BRESCIA, L'HAPPY CASA BRINDISI RICADE ANCORA NEGLI STESSI ERRORI E PERDE PER LA 5^ VOLTA CONSECUTIVA

Nella foto, Blaz Mesicek va a canestro in entrata contro Torino

Ieri sera, Brindisi è ricaduta nel medesimo errore compiuto contro Venezia, dopo aver rimontato con grande forza d'animo i 10-12 punti che Brescia era riuscita ad accumulare nel 3° quarto. Ma, quando si è trattato di superare quel maledetto 72-69, bloccato per almeno tre minuti, Brindisi non ha avuto più la forza di annullare quel solco che lo divideva da Moss e compagni. Il buon risultato era lì, a pochi centimetri di distanza. Sarebbe bastato un tiro favorevole, un passaggio smarcante per colmare il divario minimo (in assoluto era stato di 61-63 al termine della 3^ frazione)  che divideva le due squadre a pochi secondi dalla sirena, per andare in vantaggio e concludere vittoriosamente la gara. Invece, di fronte ad un Brescia stanco, che era ormai groggy e in balia dell'avversario, nessuno dei frombolieri brindisini riusciva più a mettere la palla dentro. Brescia ha ringraziato per il favore e se n'è andato tranquillamente a conquistare due punti preziosi (78-69) per la sua classifica davvero eccellente, che lo vede ancora primo in classifica insieme a Venezia.

domenica 29 ottobre 2017

COMINCIA OGGI CONTRO BRESCIA IL VERO CAMPIONATO DELL' HAPPY CASA BRINDISI

Nella foto, coach Sandro Dell'Agnello, che arringa i propri uomini

Comincia oggi pomeriggio il vero campionato della Happy Casa Brindisi, quello nel quale essa dovrà vedersela con le squadre della sua categoria, quelle che mirano alla salvezza e alla permanenza nel massimo campionato. Finora, Brindisi ha incontrato Torino, Venezia e Milano, che guardano alla vetta della classifica, oltre al Pistoia, con il quale la squadra di Dell'Agnello si è giocata la partita punto a punto fino al 77-83 finale. Oggi pomeriggio, quindi, l'Happy Casa dovrà lottare per il suo vero campionato, contro il Brescia che, pur se oggi è al primo posto della classifica insieme a Milano e a Venezia, è squadra di 2^ fascia e ha goduto in questo inizio di torneo di un calendario tutto sommato facile. La squadra di coach Andrea Diana è partita di gran carriera potendo contare su un roster già affiatato e composto dai fratelli Luca e Michele Vitali, da Dario Hunt e Marcus Landry, David Moss e Brian Sacchetti, tutti giocatori di sicuro affidamento che giocano insieme da vari anni  e risultano assai esperti di questo campionato.

lunedì 23 ottobre 2017

BRINDISI GIOCA SOLTANTO 20' DA SOGNO, MA POI CROLLA DAVANTI AD UNA MILANO DA BERE

Nella foto, Cady Lalanne schiaccia contro Torino

Alla vigilia della partita più o meno tutti eravamo coscienti che il confronto con Milano sarebbe stato assai difficile e quasi impossibile da vincere. Sta di fatto, però, che nel corso della gara e, soprattutto, alla fine della 2^ frazione, un po' in tutti quanti noi si era fatto strada il convincimento che forse ci eravamo sbagliati e che con un pizzico di fortuna e di audacia in più, avremmo potuto sperare in qualcosa di più di una semplice prova gagliarda da parte della nostra squadra. Proprio così, perchè l'Happy Casa Brindisi di ieri sera era molto di più della semplice squadra da immolare sull'altare della superiorità riconosciuta allo squadrone della capitale del basket italiano.

sabato 21 ottobre 2017

DOMANI SERA, CONTRO MILANO, BRINDISI CERCHERA' DI COGLIERE DI SORPRESA L'AVVERSARIO

Nella foto, il serbo di Brindisi, MilenkoTepic, va a canestro con un jump dalla lunetta

Se nelle tre gare precedenti la Happy Casa Brindisi non è riuscita a fare bottino pieno, sarà veramente difficile che ciò possa accadere domani sera contro Milano, una squadra ancor più forte e quadrata di Torino, Pistoia e Venezia. E' vero che nello sport tutto è possibile e mai bisogna darsi per vinti, ma, nel basket specialmente, quasi sempre i valori effettivi emergono prima o poi. E questo assunto lo si è potuto constatare proprio contro Venezia lunedì scorso, quando la completezza dell'organico dei lagunari ebbe la meglio soltanto nell'ultimo minuto di gara, dopo che Brindisi li aveva dominati nei 39' precedenti. Comunque sia, in quell'occasione, Brindisi ha disputato una gara superba, nella quale ha fatto riscontrare notevoli miglioramenti e questo è ciò che conta maggiormente in una squadra che ha mutato quasi interamente il proprio roster.

giovedì 19 ottobre 2017

LO SLOVENO DI BRINDISI, BLAZ MESICEK, E' STATO CONVOCATO NELLA SUA NAZIONALE

Blaz Mesicek cerca l'entrata contro Torino

La squadra dell'Happy Casa Brindisi sarà pure ultima in classifica in buona compagnia a zero punti, ma la buona sorte non si è del tutto dimenticata di essa, perchè, oltre al nostro Marco Giuri, un altro giovanotto di belle speranze è stato convocato tra i 22 giocatori della Slovenia, laureatasi di recente campione d'Europa. Blaz Mesicek, infatti, ha ricevuto anch'egli la convocazione nella sua nazionale dopo essersi messo in grande evidenza nelle prime partite di questo campionato.
Insomma, buon giorno Brindisi! Adesso, però, bisognerà fare di tutto per riportare in carreggiata la squadra rinforzandola in un paio di settori (point guard e pivot) che finora hanno parecchio scricchiolato, specie nelle prime due gare contro Torino e Pistoia.

mercoledì 18 ottobre 2017

MARCO GIURI VESTIRA' LA MAGLIA AZZURRA DELLA NAZIONALE NELLE PROSSIME DUE PARTITE

Nella foto, Marco Giuri in azione con la maglia di Brindisi

Il periodico Supporters Magazine, diretto dal giornalista brindisino Marino Petrelli, ci informa che il play-guardia Marco Giuri è stato convocato nella nazionale azzurra da coach Meo Sacchetti in occasione delle prossime due partite di qualificazione per i mondiali di basket. La notizia non ha colto di sorpresa la stampa qualificata e l'opinione pubblica, soprattutto perchè il 28enne regista brindisino ha messo in luce tutte le sue non poche virtù cestistiche in questo breve inizio di campionato. C'è da dire che non sono molti, in questo momento, i playmakers italiani di un certo livello tecnico e, di conseguenza, bene ha fatto coach Sacchetti a designare per il delicato ruolo del regista l'esperto Giuri, insieme a Filloy e De Nicolao.

martedì 10 ottobre 2017

A PISTOIA HA GIOCATO LO STESSO BRINDISI DELUDENTE VISTO GIA' CON TORINO

Nella foto, Blaz Mesicek va a segno in lay-up

Fosse durata qualche minuto in più la partita di Pistoia, probabilmente l'esito della gara avrebbe potuto essere diverso. E sì, perchè il Brindisi che mette a segno ben 28 punti nell'ultima frazione di gioco ha fatto vedere che ci può stare benissimo nel novero delle 16 squadre di Lega A. Infatti, contrariamente a quanto si è visto nei primi 3/4 di gara, quando la squadra di Dell'Agnello è parsa per davvero un'armata Brancaleone, senza capo nè coda, senza un gioco con il quale potesse sperare di mettere in difficoltà l'avversario, si è vista tutt'altra squadra. Pare opportuno partire proprio dal finale dell'Happy Casa Brindisi, perchè almeno si può nutrire la speranza di vedere una squadra diversa, solida, compatta, che combatte in difesa con quel Brian Randle, pugnace e grintoso, capace di trascinare i compagni all'attacco dell'avversario, affidandosi poi a quel Marco Giuri, che ha fatto da punto di riferimento offensivo costante (21 punti, con un ottimo 5/9 nelle triple) per i compagni, assai diverso da quel Cat Barber, bravino sì, ma che non ha le doti e le qualità del trascinatore al pari di Giuri e di Randle.

lunedì 9 ottobre 2017

STASERA, A PISTOIA, BRINDISI CERCA UNA RISPOSTA IMMEDIATA CONTRO UN AVVERSARIO ESPERTO

Nella foto, Anthony Barber va a canestro in lay-up

Pistoia e Brindisi hanno avuto 24 ore in più di tempo per mettere a posto le proprie cose e prepararsi allo scontro diretto di questa sera, ultimo confronto valido per la 2^ giornata di campionato di Lega A. Pertanto, alle ore 20,45, le due squadre si schiereranno in campo per dar vita ad un nuovo confronto, molto sentito da entrambe le società, fin da quando si scontrarono in quel fatidico play-off del 2012, con Brindisi che fece saltare il pronostico andando a sbancare il PalaCarrara in gara-4 e a conquistarsi la promozione in Lega A. Da allora una forte rivalità divide le due squadre, anche se entrambe si sono spartite equamente vittorie e sconfitte nel massimo campionato.
Le due squadre hanno avuto nella gara d'esordio un esito assai diverso, perchè Pistoia è andata a vincere a Capo d'Orlando con ben 16 punti (57-73) di scarto, mentre Brindisi ha ceduto clamorosamente in casa di fronte ad una Fiat Torino apparsa superiore nell'arco dell'intera partita.

lunedì 2 ottobre 2017

BRINDISI CEDE AL TORINO NELLA GARA D' ESORDIO DEL CAMPIONATO DI LEGA A

Nella foto, il brindisino Marco Giuri, vero regista della squadra
Happy Casa Brindisi ha toppato clamorosamente l'esordio casalingo davanti ai propri tifosi manifestando un evidente stato emotivo al cospetto della solida Fiat Torino. Insomma, un brutto scherzo, che ha lasciato l'amaro in bocca ai sostenitori brindisini suscitando più di qualche giudizio un po' troppo frettoloso, visto che si è giocata ancora una sola giornata di campionato e qualcuno si è affrettato subito a tirare in ballo retrocessione e rovesci di ogni genere. Insomma, andiamoci piano, mancano ancora 29 partite e qui si crocifiggono già Dell'Agnello e i suoi giocatori. E' vero, nessuno nega che la gara d'esordio sia stata non poco deludente, ma c'è ancora tutto il tempo di rimediare e di trovare soluzioni idonee, come si fece già nella scorsa stagione con l'arrivo di Phil Goss, che fu subito di grande giovamento alla squadra. In fin dei conti, Brindisi ha come primo obiettivo quello di puntare alla salvezza, lo stesso di quanto fece nello scorso campionato senza eccessive difficoltà.