sabato 6 maggio 2017

BRINDISI E' PARTITA PER VENEZIA CON UN SOLO RISULTATO DA CONSEGUIRE: LA VITTORIA!

Nella foto, la singolare richiesta fatta ieri dai tifosi alla squadra

Siamo ormai alla resa dei conti. Domani sera si disputerà l'ultima partita della stagione regolare, la 30^ giornata della Lega A. Un appuntamento che per l'Enel Basket Brindisi varrà una stagione intera, visto che giocherà contro la Reyer Venezia nel palasport del Taliercio mestrino. Mentre la squadra lagunare si è matematicamente assicurato il 2° posto della graduatoria dietro Milano, per Brindisi non ci sarà via d'uscita se non quella della vittoria: infatti, dovrà vincere necessariamente, altrimenti resterà fuori dalle prime otto squadre che si disputeranno i play-off per lo scudetto tricolore. Un'eventuale sconfitta segnerà per la squadra di Meo Sacchetti la fine immediata del campionato con il consequenziale "tutti a casa". D'altro canto, non sarà neppure pensabile che Pistoia e Orlandina - appaiate con Brindisi a 28 punti in classifica - possano perdere in casa rispettivamente contro Brescia e Pesaro, avversari che ormai nulla hanno più da chiedere a questo campionato.
Brindisi è in grado di contendere la vittoria alla squadra amaranto, in virtù di una indubbia potenza tecnica e caratteriale di squadra, ma il problema maggiore dei bianco-azzurri è sempre stato la sua discontinuità, l'alternanza del rendimento. Proprio per questo motivo non c'è da fare affidamento su una prestazione d'eccellenza assoluta di Brindisi nei confronti di una fuoriserie del valore di Venezia. Contro Ress ed i suoi compagni, se non giochi al loro livello, non puoi assolutamente sperare di vincere. Guardiamo, quindi, a questa partita senza aspettarci nulla di speciale, ma con la sola speranza che, almeno sul piano della determinazione e della grinta, la nostra squadra impegni fino fondo l'avversario, come tante altre volte ha fatto, cedendo quasi sempre nei secondi finali. E chissà che, almeno per una volta, la buona sorte voglia soffiare dalla parte giusta! Sarebbe il regalo più bello che Sacchetti e i suoi giocatori potrebbero fare alla società ed ai propri affezionati tifosi, parecchi dei quali hanno raggiunto Mestre per stare ancora una volta vicini alla propria squadra.
Intanto, il mondo del basket italiano - e, in particolare, quello brindisino - salutano affettuosamente il 40enne capitano Massimo Bulleri, che ha comunicato il suo addio ufficiale al basket giocato.


Nessun commento:

Posta un commento