domenica 1 gennaio 2017

DOMANI SERA, A CAPO D'ORLANDO, BRINDISI CERCHERA' ANCORA LA VITTORIA

Nella foto, Durand Scott tira in jump contro Varese

Voglio aprire le immagini e la storia di questo nuovo anno cestistico dell'Enel Basket Brindisi con la foto di Durand Scott e con quella di coach Meo Sacchetti, ripreso nella foto in secondo piano, per significare l'importanza che questi due personaggi stanno avendo nel corso di questo campionato. Scott sul parquet, Sacchetti dalla panchina, sono gli uomini-guida della squadra brindisina, i maggiori artefici di quanto Brindisi sta compiendo nel corso della prima parte di questo campionato. Dopo una partenza un po' a singhiozzo, dovuta in gran parte ai numerosi infortuni (Moore due volte, Joseph, Donzelli) che l'hanno colpita, la squadra brindisina ha dato una svolta decisiva, prima con l'arrivo di Phil Goss, e successivamente con quello di Mesitek. Sta di fatto che Brindisi ha vinto per tre volte nelle ultime quattro partite, evidenziando progressi importanti per la crescita complessiva della squadra. Dopo la vittoria strepitosa sul Caserta, Brindisi ha addirittura conquistato il 5° posto in classifica a sole due giornate dalla fine del girone di andata. Ciò significa che, se la squadra dovesse vincere almeno una delle due prossime gare (domani sera a Capo d'Orlando, domenica 8 gennaio in casa con Venezia), si classificherebbe matematicamente per le Final Eight di Coppa Italia.
In tal caso, questo sarebbe già il primo degli obiettivi che la società si è ripromessa di raggiungere.
Intanto, però, incalza l'impegno di Capo d'Orlando, sul cui parquet Brindisi si presenterà domani sera, con inizio della partita alle ore 20,30, che verrà diretta dalla terna arbitrale composta da Filippini, Caiazza e Attard. E' del tutto superfluo ribadire che Brindisi punterà decisamente alla vittoria, come ha già dichiarato alla stampa coach Sacchetti, il quale, nell'occasione, sarà un ex della partita.
Il tecnico di Altamura, poi, ha aggiunto che è rimasto pienamente soddisfatto della prova di qualità offerta dai propri giocatori e che essi cercheranno di tutto per confermare anche in questa trasferta siciliana il buon momento vissuto, specie da parte dei giovani come Carter, Moore e Mesitek, ma soprattutto dai più affermati Scott, M'Baye, Goss e capitan Cardillo. Tra l'altro, la conquista dei due punti darà modo alla squadra vincente delle due di avvantaggiarsi in classifica, visto che oggi esse sono alla pari con 14 punti. Domani sera, per altro, per la prima volta, il pubblico orlandino non vedrà schierato sul campo il suo ormai ex beniamino Fitipaldo, artefice principale fino a una settimana fa del "miracolo" compiuto dalla squadra soprattutto nelle gare casalinghe. Va tenuto da conto, infatti, che a Capo d'Orlando fino ad ora ha vinto soltanto la capolista Milano.

Nessun commento:

Posta un commento