domenica 4 dicembre 2016

BRINDISI TRAVOLGE UN SASSARI INCONSISTENTE CON UNA PRESTAZIONE SPLENDIDA DI TUTTI I SUOI UOMINI

Nella foto, Robert Carter, l'MVP della partita contro Sassari

I quindici punti finali (76-61) con i quali Brindisi ha battuto Sassari non sono stati proprio l'immagine migliore dell'andamento della partita, ma hanno testitmoniato comunque la superiorità espressa dalla squadra di Meo Sacchetti sulla rivale. Infatti, alla metà della 3^ frazione, Brindisi aveva doppiato la squadra sarda (56-28), apparsa in quel momento davvero ben poco consistente. Sappiamo bene, però, che la vera Sassari non è quella vista a Brindisi, probabilmente perchè affaticata dalla doppia trasferta cui è stata sottoposta dal calendario delle coppe europee. Prima di Brindisi, infatti, il team di coach Pasquini aveva vinto in coppa contro una squadra jugoslava dimostrando di essere una formazione di tutto rispetto, quadrata e motivata in tutti i suoi componenti.
Ma, senza stare qui a sottilizzare troppo sugli esiti e sulla storia della partita, ieri sera l'Enel Basket Brindisi ha surclassato la rivale prendendo un consistente vantaggio numerico in vista della prossima (mancano ancora cinque partite alla fine del girone di andata) composizione delle Final Eight, alla quale Brindisi e Sassari guardano come obiettivo primario più immediato. Sacchetti, in realtà, si è tolto un dente che lo tormentava da diversi mesi, dopo essere stato cacciato via da Sassari non proprio nel migliore dei modi, dopo averla portata ai risultati più importanti della sua storia.
Condotta splendidamente sul parquet da Moore (8 punti e 5 assist), da Goss (11 punti e 3 assist), da M'Baye (14 punti) e dall'irresistibile Carter (17 punti, 7 rimbalzi e 27 punti di valutazione complessiva, che hanno fatto di lui l'MVP della partita ), Brindisi è partita con la lancia in resta mettendo subito tanti punti tra sè e la rivale (27-13, 41-28, 64-42, i parziali, prima del 76-61 finale). Insomma, non c'è stata proprio alcuna speranza per i sardi, ai quali Brindisi ha tolto ogni spazio in difesa attaccandola poi in continuazione in velocità. E questa è parsa anche la migliore partita difensiva che Brindisi ha disputato, visto che il bottino di 61 punti di Sassari è stato il peggiore conseguito in campionato in questa stagione.
In definitiva, la vittoria raggiunta da Brindisi non fa una grinza e dà piena ragione al lavoro svolto in settimana da Sacchetti e dai suoi uomini, nonostante l'assenza di Kris Joseph, nuovamente infortunato dopo essere apparso in pieno recupero tecnico ed agonistico.

Nessun commento:

Posta un commento