mercoledì 7 settembre 2016

PER IL FINE SETTIMANA BRINDISI SARA' IMPEGNATA A VERONA E NEL QUADRANGOLARE DI TORINO

Nella foto di Vito Massagli, Meo Sacchetti dirige l'allenamento della sua squadra

Prosegue senza soste la preparazione dell'Enel Basket Brindisi al campionato di Lega A. Dopo una ventina di giorni la squadra di coach Meo Sacchetti comincia a venir fuori e a mettere in mostra le proprie individualità insieme ad una discreta parvenza nel gioco di squadra. E' ancora troppo presto per poter esprimere i primi giudizi, soprattutto perchè questa è una squadra che ha cambiato quasi del tutto la propria fisionomia: infatti, tranne Scott e Cardillo, gli altri nove giocatori sono tutti nuovi. E chi sa di basket - come per qualunque altro sport di squadra - sa bene che l'intesa e l'amalgama di una squadra non si improvvisano da un giorno all'altro. Dalla prima esperienza di squadra, sostenuta giorni fa a Conversano per il Memorial intestato a Vito Grattagliano contro il Ferentino, buona squadra di Lega-due, si è potuto riscontrare il primo vagito della nuova creatura che Sacchetti ed i suoi collaboratori stanno svezzando giorno dopo giorno.
Per la cronaca, la gara è stata vinta da Ferentino per 90-81, ma, come si sapeva già, Brindisi ha potuto alternare momenti di bel gioco ad altri piuttosto confusionari e infruttuosi. Non hanno preso parte alla gara capitan Cardillo, Joseph e Donzelli, tutti e tre fermi per infortuni di poco conto. Queste assenze non hanno consentito ovviamente a Sacchetti di poter fare tutte le scelte necessarie, oltre al fatto che il tecnico non ha potuto vedere impegnati in gara i tre atleti, soprattutto l'ala piccola Joseph, sul quale la società fa pieno affidamento e che ha buone qualità per diventare il leader di questa squadra.
Ora Sacchetti ed i suoi giocatori torneranno in campo per tre impegni: domani sera, a Verona, contro la locale Tezenis e poi, sabato e domenica. a Torino, dove saranno impegnati in un bel quadrangolare insieme con Varese, Casale Monferrato e lo stesso Torino.
Intanto, la società ha provveduto a inserire in prima squadra i giovanissimi Fiusco, Pacifico e Invidia, tutti e tre prodotti del sempre florido vivaio brindisino.

1 commento:

  1. Buon pro ci faccia! Vai Meo sei tutti noi!!!
    Ai tempi del grande quintetto con Charlie Caglieris, il povero Pino Brumatti, con l'indimenticabile Bruce "Soup" Campbell e con quello stakanovista di Ernst Wansley hai fatto tremare i palasport di tutta l'Italia, Milano compresa...

    RispondiElimina