martedì 7 giugno 2016

REGGIO EMILIA SI BATTE CON LA GRINTA DEI PIU' FORTI, MENTRE MILANO VA SUBITO SOTTO E PERDE GARA-3

Nella foto, Amedeo Della Valle, il match-winner di gara-3 per Reggio Emilia


Reggio Emilia ha compiuto un vero miracolo di determinazione e di decisione, respingendo così le velleità di Milano di sbancare il Pala Bigi e di andare sul 3-0 in gara-3. La squadra biancorossa di coach Menetti è stata irreprensibile nel proprio atteggiamento di forza e di concentrazione, lavorando benissimo in difesa sui p&r di Milano e quasi annullando del tutto gli "uno vs. uno" di Gentile (solo 2 punti) e di Sanders (solo 3 punti), che questa sera hanno dovuto abbassare la voce, contrariamente  a quanto fecero nelle due prime partite in casa. Le due squadre ora sono sul 2-1 e giovedì sera si ritroveranno di fronte con obiettivi opposti: Milano cercherà subito il possibile 3-1 per poi chiudere i conti sabato 11 giugno con lo scudetto in mano; Reggio Emilia, invece, si batterà per portarsi sul 2-2 e rimandare il tutto alle partite successive.
Stasera, Reggio Emilia è stata più squadra, mentre Milano ha puntato maggiormente sulle individualità dovendo, però, subire una difesa implacabile da parte dei reggiani, apparsi più volitivi e in palla grazie alla verve di De Nicolao e alla classe purissima di Amedeo Della Valle. L'ex-play di Ohio State ha disputato un'altra prestazione strabiliante (17 punti, 5 assist e 4 recuperi), ma, a differenza di gara-2, questa volta egli è risultato determinante anche nel finale di gara, vuoi portando a termine ottime iniziative individuali di tiro, vuoi servendo assist illuminati ai compagni, specie all'ottimo Lavrinovic (20 punti), rivisto in una delle sue migliori prestazioni offensive. Buono anche l'apporto di Kaukenas (10 punti), mentre Polonara (9 punti e 10 rimbalzi) lo si è visto soltanto nel finale di gara, insieme all'ottimo Needham (10 punti e 6 assist), uscito allo scoperto proprio nei minuti finali, quando Reggio Emilia, dopo aver toccato il massimo vantaggio di 19 punti (75-56) ha chiuso i conti sul punteggio di 81-72.
Milano nulla ha potuto contro la forza di volontà dei padroni di casa: annullati del tutto Gentile e Sanders, è toccato a McLean (13punti), Kalnietis (15) e Simon (14) tenere a galla la barca, che faceva acqua da tutte le parti.

Nessun commento:

Posta un commento