mercoledì 29 giugno 2016

DOPO LA CONFERMA DI CARDILLO, L'ENEL BRINDISI PARE INTENZIONATA A RIPRENDERSI CRAIG CALLAHAN

Nella foto, Marco Cardillo in azione contro la Juve Caserta

Dopo l'ingaggio dei due lunghi coloured Agbelese e M'Baye, oltre che del playmaker triestino Spanghero, l'Enel Basket Brindisi ha provveduto per tempo al rinnovo del contratto di Marco Cardillo, al quale la società ha concesso un biennale che sta a testimoniare ampiamente la fiducia nei confronti del 31enne ala-pivot beneventano, ormai trapiantato stabilmente a Brindisi. La conferma di Cardillo suona come un riconoscimento del valore umano e tecnico del giocatore, il quale, pur non essendo un elemento da sballo, ha dimostrato di avere qualità tecniche, ma soprattutto dinamiche e caratteriali, per ben figurare anche per il prossimo campionato di Lega A. Ricordo con piacere che in sala stampa, specie all'inizio della scorsa stagione sportiva, si sussurrava nei suoi confronti l'aumento progressivo - da intendere partita dopo partita - del credito che Cardillo si stava conquistando ogni volta di più, tanto da meritarsi spesso perfino l'ingresso nello "starting five".
Coach Bucchi lo impiegava quasi sempre con scopi di contenimento difensivo, affidandogli quasi sempre gli elementi di spicco da tenere sotto controllo, ma, specie nel finale di campionato, a Cardillo venne concesso di tentare anche il tiro visto che si era perfezionato parecchio anche in quella specialità.
Tra l'altro, è probabile che Cardillo venga nominato capitano della squadra, visto che al momento è rimasto l'unico italiano e, probabilmente, anche l'unico giocatore del gruppo dello scorso torneo, a meno che venga confermato Durand Scott, sul quale la società pare voglia puntare decisamente dopo l'ottimo campionato da lui disputato.
Insomma, un pezzo alla volta, Meo Sacchetti e Alessandro Giuliani stanno componendo il roster della squadra per la prossima stagione. A tal proposito, anzi, va detto che appare molto probabile il ritorno a Brindisi addirittura di Craig Callahan, l'ala-pivot che quattro campionati fa disputò un'ottima stagione con la squadra biancoazzurra e che mise a segno la tripla decisiva per la promozione in Lega A in gara-4 a Pistoia. "Non abbiamo fretta", hanno dichiarato sia Sacchetti che Giuliani, "di costruire la nostra squadra. Abbiamo tutto il tempo a disposizione per mettere su un roster che sia competitivo come lo è stato nelle ultime stagioni".

Nessun commento:

Posta un commento