lunedì 16 maggio 2016

MERCOLEDI' SERA RIPARTIRA' LA SERIE A DI BASKET CON LA PRIMA SEMIFINALE TRA REGGIO EMILIA E AVELLINO

Nella foto, l'avellinese James Nunnally

Il campionato di Lega A di pallacanestro sta per entrare ormai nella sua fase terminale, con la disputa delle semifinali dei playoff per lo scudetto di campione d'Italia. Le quattro formazioni che hanno guadagnato la qualificazione sono senza dubbio alcuno le più forti del torneo, quelle che hanno dimostrato di avere la compattezza e la capacità di arrivare fino in fondo in virtù di qualcosa che soltanto esse avevano rispetto alle altre formazioni. Mercoledì 18 maggio si darà inizio a gara-1 della prima semifinale, che vedrà di fronte sul parquet del PalaBigi di Reggio Emilia la Grissin Bon padrona di casa contro la Sidigas Avellino. Si replicherà, poi, due giorni dopo, per gara-2, sempre con la stessa formula, che prevede le prime due gare in casa della meglio classificata delle due contendenti, seguite da gara-3 e gara-4, che si disputeranno sul parquet avellinese. Se si dovesse ricorrere, poi, a gara-5, si tornerebbe a Reggio Emilia, mentre l'eventuale gara-6 si avrebbe ancora ad Avellino. Se, poi, si dovesse far ricorso a gara-7, quella definitiva, verrebbe giocata a Reggio Emilia.
C'è molta incertezza circa le previsioni del confronto tra le due squadre, perchè Avellino ha trovato l'optimum del proprio rendimento soltanto nella seconda parte della stagione regolare, con l'esplosione del suo gioiello James Nunnally, terzo cecchino del campionato con 18,4 punti a partita dietro al nostro Adrian Banks, mentre Reggio Emilia è stata di una continuità rimarchevole soprattutto grazie all'apporto eccellente delle due vere rivelazioni, i giovani play-guardie De Nicolao e Della Valle.
Lo stesso iter tenuto per la prima semifinale tra Reggio Emilia e Avellino seguiranno, ovviamente, l'Emporio Armani Milano e la Reyer Umana Venezia, che giocheranno la prima semifinale giovedì 19 maggio sul parquet del Forum di Assago. La parità di valori esistente tra Reggio Emilia e Avellino difficilmente si potrà riscontrare tra Milano e Venezia, visto che la squadra meneghina di coach Repesa è più lunga e completa di quanto potrà mettere in campo coach De Raffaele, che ha dovuto far ricorso a tre nuovi giocatori per sostituire gli infortunati Goss, Owens e Peric. Sono arrivati così la guardia Jeremy Pargo, l'ala-pivot Ousman Krubally e l'ex-romano Melvin Ejim, ala-pivot anch'egli. Venezia è riuscita a far fuori l'entusiasmo e la grinta di Cremona nei quarti, ma non sarà facile rimpiazzare tre giocatori da quintetto, pur se il fenomeno Pargo sta dimostrando per intero il proprio valore alternandosi assai bene in regia con il solido Mike Green. Milano, dal canto suo, ha recuperato appena in tempo utile dal lungo infortunio il suo capitano Alessandro Gentile, che ha liquidato Trento con il suo jump vincente a una manciata di secondi dalla fine, per il decisivo 3-0, che è valsa la qualificazione immediata per Milano.

Nessun commento:

Posta un commento