venerdì 20 maggio 2016

AVELLINO LE TENTA TUTTE, MA ALLA FINE E' REGGIO EMILIA CHE VINCE GARA-2 E VA SUL 2-0

Nella foto, Stefano Gentile, il top-scorer di Reggio Emilia

Stefano Gentile è stato certamente l'MVP di gara-2 tra Reggio Emilia e Avellino. Il play casertano della Grissin Bon, che proveniva da un lunghissimo infortunio, stasera è stato l'asso vincente di Max Menetti per scardinare le zone difensive di Avellino. Infatti, le tre triple messe a segno dal più grande dei due fratelli Gentile, insieme a qualche buon recupero difensivo, hanno dato modo a Reggio di tenere sempre a distanza un Avellino pugnace e determinato fino all'ultimo secondo di gara. Ma, questa sera, se è stato Gentile il migliore dei suoi (13 punti e 19 di valutazione), diversi suoi compagni si sono alternati alla guida della propria squadra con prodezze individuali, come quelle di Silins, quelle di Della Valle, e ancora quelle di Lavrinovic e, per ultimo, quelle dell'ultimo arrivato, Dereck Needham, grande in difesa, ma pure decisivo in almeno tre occasioni in attacco.
Insomma, ancora una volta Reggio Emilia ha saputo superare con il talento dei propri giocatori un Avellino minaccioso e assai produttivo, specie sotto canestro, servendo al bacio palloni su palloni per i due lunghi, Cervi e Buva, che coach Sacripanti ha saputo assai bene alternare sul campo. Ebbene, la tattica di Sacripanti ha avuto ragione per quasi tutta la gara, perchè insieme Cervi e Buva (39 punti in due) hanno messo a segno ben 15/21 canestri da sotto, tenendo sempre sotto pressione la difesa reggiana. Se Avellino non è stata capace di arrivare fino in fondo vittoriosa, è stato perchè Reggio ha controllato assai bene in difesa le iniziative del temuto Nunnally, che ha dovuto accontentarsi di un 3/8 al tiro arrotondandolo con un buon 5/5 dalla lunetta, per complessivi 12 punti. Degli altri compagni, il solo Ragland è stato all'altezza dei tempi migliori.
Ma dalla prossima gara-3, che si giocherà domenica 22 ad Avellino, tutto potrebbe cambiare, visto che, in casa propria, la squadra campana sa bene come farsi rispettare da chiunque.
Intanto, domani sera, a partire dalle ore 20,45, nel palasport di Desio, Milano e Venezia disputeranno gara-2 di semifinale. Venezia è in vantaggio di una partita avendo battuto Milano per 84-77 in gara-1.

Nessun commento:

Posta un commento