domenica 7 febbraio 2016

BRINDISI SBANCA DECISAMENTE TRENTO CON LA FORZA DELLA SUA "BANDA BASSOTTI"

Nella foto, Adrian Banks e Scottie Reynolds, grandi protagonisti contro Trento

La "Banda Bassotti" dell'Enel Basket Brindisi colpisce ancora, vincendo anche a Trento (89-92) e mettendo in mostra nuovamente una precisione di tiro e una potenza di fuoco tali da colpire senza rimedio gli avversari. Era già capitato domenica scorsa contro Sassari, quando il quintetto dei piccoli (Reynolds, Banks, Scott, Cournooh, Harris) di Brindisi mise a segno ben 71 punti trascinando la squadra alla vittoria. Beh, stasera l'intero reparto degli esterni ha messo a ferro e a fuoco la difesa trentina con 70 punti sui 92 complessivi, con percentuali davvero fantastiche: 56,1 da sotto, 57,9 nelle triple. Forse mai come stasera la squadra si era esibita con una precisione di tiro così eccellente, pur se davanti aveva un Trento assai bravo e determinato, che ha ribattuto punto su punto all'avversario spinto dal talento di Wright, di Pascolo e di Lockett.
Ma Brindisi gli è stata superiore almeno di una spanna comandando la partita tranne che nei minuti iniziali, quando è andata sotto per 8-0. Da quel momento, però, Reynolds, Zerini e i loro compagni sono cresciuti moltissimo alzando l'asticella fin dove Trento non riusciva più ad arrivare. Nei primi due quarti - terminati con Brindisi avanti per 20-24 e 40-47 - la squadra brindisina ha preso in mano il comando delle operazioni con un grande Reynolds in regia, ma anche al tiro (12 punti nei primi 20' e 18 alla fine della gara, con 5 assist, 5 rimbalzi e 24 di valutazione complessiva) e con un Banks che, come al solito, era partito in sordina, ma che poi è venuto fuori alla grande nella ripresa (22 punti al tiro e 23 in valutazione). Harris non è stato da meno rispetto ai due connazionali, ha giocato di meno rispetto alla gara con Sassari, ma, con i suoi 12 punti, ha portato tanta acqua al mulino della squadra. Cournooh e Scott, poi, hanno completato con 9 punti ciascuno la batteria dei tiratori della squadra. Per i lunghi stasera non c'è stata molta gloria, ma hanno svolto un lavoro eccellente in difesa e al rimbalzo contenendo gli avversari.
Nel terzo quarto, Brindisi ha avuto un leggero calo concedendo a Trento di rientrare, ma sempre e soltanto per pochissimi punti di margine, tanto è vero che al 30' Trento è stata avanti per 65-64.
Una tripla di Milosevic, però, segnata proprio all'inizio dell'ultima frazione, metteva nuovamente le ali all'attacco brindisino, che ritornava subito davanti ingaggiando una lotta asperrima con Wright e Pascolo. Si arrivava così agli ultimi secondi, davvero terribili per le emozioni che la partita suscitava, quando Scottie Reynolds, a 38" dalla fine, piazzava una bomba fantastica, quella del sorpasso decisivo, portando Brindisi avanti di due punti (87-89). Si vivevano così momenti palpitanti, con le due squadre impegnate con il fallo sistematico. Brindisi, però, con Banks dalla lunetta, non tremava più e arrivava per prima sul filo di lana con il punteggio di 89-92 conquistando così una vittoria stupenda su un campo minato e contro una squadra che, nella gara d'andata, era passata vittoriosa da Brindisi con 81-71.

1 commento:

  1. Ohhhh... finalmente. Una prova convincente contro una squadra autorevole come "banco di prova"! E dai che i playoff sono ancora alla nostra portata!!

    RispondiElimina