martedì 8 dicembre 2015

BANKS E' IL CAPOCANNONIERE DELLA LEGA A E IL PRIMO IN CLASSIFICA DELLA SPECIALE GRADUATORIA DELLA VALUTAZIONE COMPLESSIVA

Nella foto, Adrian Banks, il match-winner di Orlandina-Brindisi

Il talento sopraffino di Adrian Banks prima o poi doveva venir fuori, perchè un giocatore della sua levatura non poteva restare nell'ombra più di tanto. La sua grandissima prestazione di Capo d'Orlando, coronata dai 27 punti segnati e dai 38 punti di valutazione complessiva, ha proiettato Banks ai vertici di queste due speciali statistiche. Infatti, il 29enne gioiello di Memphis è balzato prepotentemente in testa alla classifica dei marcatori di Lega A con la media di 18,3 punti a partita davanti all'avellinese Nunnally e al pesarese Christon. Altrettanto egli ha fatto con la statistica della valutazione complessiva, arrivando ai 20,3 punti di media-partita davanti al pistoiese Kirk e al sassarese Logan. Per di più, Banks è pure quarto nella classifica dei falli subiti, con la media di 5,6 a partita. Appare evidente, insomma, che, dopo essersi assuefatto a sufficienza nella squadra e nell'ambiente cittadino che ruota attorno ad essa, la guardia americana sta esprimendo con i fatti il meglio delle proprie capacità tecniche e caratteriali, al punto da assumersi in pieno le responsabilità che spettano ai grandi campioni.
Contro Capo d'Orlando, infatti, il bravo Adrian ha messo in grande evidenza leadership e carisma, prendendo la squadra in pugno e trascinandola con un finale strepitoso (sette punti suoi consecutivi nei secondi finali) ad una vittoria di prestigio e di grande valore carismatico.
Intanto, la società dovrà risolvere quanto prima la situazione, diventata ormai incresciosa fino ai limiti della ragionevolezza, di Scottie Reynolds, il regista della squadra. Si vanno facendo sempre più largo notizie di un suo prossimo abbandono della squadra e, addirittura, di un suo presunto ritorno negli States, pungolato dalle richieste d'ingaggio di una squadra americana. Comunque sia, sta di fatto che questa situazione non fa bene alla squadra e a tutto l'ambiente che le gira attorno, visto che, nonostante le assenze di due giocatori da quintetto di partenza, l'Enel Basket Brindisi,sta effettuando un percorso di assoluto prestigio, con 6 vittorie e 4 sconfitte, due delle quali, quelle di Pesaro e di Avellino, avrebbero ben potuto essere due vittorie, visto che si sono perse di un nonnulla. E' dell'ultima ora la notizia di un probabile arrivo del play Langston Hall, che ha giocato finora a Cantù, poi sostituito dal nuovo arrivato Hodges. Comunque, si tratterà di avere ancora qualche giorno di pazienza e la situazione interna alla squadra dovrebbe sistemarsi a dovere.
Domani sera, intanto, Brindisi giocherà la sua ultima gara interna di Euro Cup, affrontando la squadra tedesca del Riesen Ludwigsburg con inizio alle ore 20,45. Domenica prossima, poi, sarà la volta della Grissin Bon Reggio Emilia a scendere sul parquet del Pentassuglia per la 11^ giornata di campionato.

Nessun commento:

Posta un commento