mercoledì 18 novembre 2015

L'ENEL BRINDISI BAGNA LA SUA PRIMA VITTORIA IN EURO CUP CONTRO REGGIO EMILIA

Nella foto, Adrian Banks, il miglior uomo in campo in assoluto

Brindisi rompe finalmente il ghiaccio e conquista la sua prima vittoria in Euro Cup. Sua vittima è stata la squadra italiana della Grissin Bon di Reggio Emilia, che ha battuto con il punteggio di 87-81. La soddisfazione di essersi guadagnato il primo successo è davvero grande, anche perchè esso ha un doppio significato: aver  battuto la squadra italiana contro la quale essa si era lasciata sfuggire sei mesi fa la possibile qualificazione alla semifinale-scudetto proprio sul parquet del Pentassuglia. Ma quel che conta soprattutto è aver cancellato quello zero nella casella delle vittorie in Coppa che dava tanta rabbia e delusione ai propri tifosi. Per la verità, la partenza di Brindisi stasera era stata davvero allucinante, perchè Reggio Emilia era schizzata subito via come un razzo (11-2 al 3') prendendosi subito una decina di punti di vantaggio nella prima frazione, anche perchè Bucchi era partito con il quintetto meno forte, per far riposare un po' di più i suoi giocatori migliori, apparsi un po' stanchi nella partita di Pesaro persa domenica scorsa.
Ma già nella 2^ frazione, Brindisi si era ripresa gradualmente, quando Bucchi ha messo dentro capitan Zerini insieme a Gagic, Banks, Scott ed Harris. Questo quintetto ha permesso quasi subito il recupero chiudendo il 2° quarto sotto di un solo punto (40-41) Poi, Brindisi ci ha pure preso gusto e le riuscivano tante cose positive, a cominciare dalla buona difesa a zona e proseguendo con un buon gioco di transizione condotto dai brillanti Harris (18 punti alla fine) e Banks (25 punti), che sono stati i migliori in campo in assoluto. Dall'altra parte, quando Lavrinovic e Kaukenas hanno finito la birra, Reggio Emilia ha cominciato a balbettare, sorretta soltanto da un grande Aradori e, in parte, dal giovane Della Valle. Si è arrivati così all'ultima frazione con l'equilibrio della gara che si spostava un po' alla volta, ma decisamente dalla parte brindisina, anche perchè Bucchi aveva saputo ruotare bene i propri uomini e si è trovato nel finale con Zerini e Gagic che hanno avuto la meglio su Lavrinovic e Polonara, apparsi fuori fase rispetto a quei mostri sacri visti a maggio nel quarto di finale. Gagic, poi, ha messo dentro i tiri liberi decisivi della gara, dopo aver sottratto in difesa un pallone d'oro proprio su un anticipo nei confronti del lituano. La soddisfazione è stata poi ancor più grande perchè questa vittoria è giunta nonostante l'assenza per infortunio dei due playmaker Reynolds e Cournooh.
Beh, ora si potrà andare ad Avellino, domenica prossima, con uno spirito diverso, dopo aver bagnato questa prima vittoria in Euro Cup, cioè nella seconda Coppa Europea per importanza.




Nessun commento:

Posta un commento