sabato 10 ottobre 2015

BRINDISI E BOLOGNA SARANNO DI FRONTE DOMANI ALL'ORA DI PRANZO

Il regista Scottie Reynolds, uomo-guida di Brindisi

L'Enel Basket Brindisi è ormai pronta per sostenere la gara d'esordio in campionato davanti al proprio pubblico. L'avversario non è proprio dei più facili, perchè la Virtus Bologna è squadra di rango e di grandissime tradizioni. Non per niente il suo palmarès è ricco di prodezze di ogni genere, tra scudetti tricolori, Coppe dei Campioni d'Europa e Coppe d'Italia. Per questa stagione il presidente Renato Villalta e il coach Giorgio Valli hanno pensato bene di confermare giocatori importanti, come Allan Ray, Abdul Gaddy, Valerio Mazzola, Simone Fontecchio e Gino Cuccarolo, ai quali poi hanno aggiunto un pivot importante come Dexter Pittman, che ha subito dimostrato il proprio, indubbio valore nella vittoriosa gara d'esordio contro la Reyer Venezia (69-65) di Carlo Recalcati. Si tratta, quindi, di un avversario solido e affiatato, contro il quale Brindisi dovrà soffrire per vincere.
Infatti, al momento, se c'è una lacuna evidente che la squadra bianco-azzurra ha messo chiaramente in evidenza a Pistoia, questa è stata proprio la mancanza di affiatamento tra i giocatori e di intesa tra i reparti, senza dimenticare lo scarso apporto fornito dai lunghi brindisini. Bucchi ha avuto un buon apporto da Kadji e da Zerini, ma quasi nulla dai due slavi Gagic e Milosevic, visti in chiaro ritardo di preparazione rispetto ai compagni. Non così, per fortuna, si è visto nel settore degli esterni, dove, tra play e guardie, la squadra ha potuto reggere a lungo il confronto con gli avversari grazie al talento di Reynolds e di Harris, ma pure alla freschezza atletica e alla voglia di emergere che ha saputo dare il giovane e promettente Cournooh. Un po' in ombra, invece, è parso Scott, che pure è un elemento di primo piano e certamente potrà dimostrarlo contro Bologna.
Insomma, sono tanti i motivi perchè la gara di domani a mezzogiorno tra Brindisi e Bologna possa rivelarsi interessante e combattuta, davanti alle telecamere di mamma RAI.

Nessun commento:

Posta un commento