mercoledì 23 settembre 2015

DOMANI SERA RITORNERA' IL "MEMORIAL PENTASSUGLIA", CON IL CONFRONTO A DUE SQUADRE TRA BRINDISI E PESARO

Nella foto, Elio Pentassuglia è accanto a Lucio Montanile, altra vecchia gloria dello sport brindisino

Domani sera l'Enel Basket Brindisi farà il suo esordio davanti al pubblico di casa in occasione del "Memorial Pentassuglia", la manifestazione che ogni anno la società brindisina organizza in onore del suo vecchio allenatore, nonchè illustre concittadino, Elio Pentassuglia. In questa occasione, la società ha deciso di allestire la manifestazione non con un quadrangolare, come avvenne nella scorsa edizione, bensì con una gara singola, con una partita secca. Alle ore 20,30, Brindisi affronterà Pesaro, come accadde già due stagioni fa, e domenica prossima il confronto si ripeterà a parti invertite: Pesaro riceverà Brindisi per ricordare la memoria del suo ex giocatore Alphonso Ford, prematuramente scomparso.
I coach delle due squadre, Piero Bucchi e Riccardo Paolini, avranno così modo di fare le rispettive verifiche con due partite contro la stessa squadra a distanza di pochi giorni, quando mancherà appena una settimana all'inizio del campionato di Lega A.
Pesaro ha cambiato moltissimo la squadra dello scorso campionato, confermando il solo Niccolò Basile e rivoluzionando l'intero gruppo degli stranieri, ma Brindisi non le è da meno avendo tenuto i soli Zerini e Cournooh a rappresentare la continuità di squadra. D'altro canto, dopo il magnifico torneo disputato nello scorso campionato, i dirigenti responsabili della società non sono riusciti a mantenere neppure uno dei giocatori stranieri, sui quali sono piovute numerose richieste da parte di società europee ricche ed ambiziose. E così il presidente Marino, il diesse Giuliani e il coach Bucchi hanno dovuto in pratica rifare l'intera squadra potendo contare su un bilancio poco più che modesto contando sulla bravura di Giuliani, uno dei migliori talent-scout d'Europa.
E così accanto agli italiani Zerini, Cournooh, Marzaioli, Cardillo e al giovane De Gennaro, vedremo i due nuovi pivot, il montenegrino Milosevic e il serbo Gagic, le guardie Banks e Reynolds (un ritorno di fiamma, il suo, sperando che si ripeta con il meglio di se stesso), i due esterni Harris e Scott, unitamente all'ala-pivot Kadji, fresco di scudetto tricolore con la Dinamo Sassari.
Il confronto tra Brindisi e Pesaro rappresenterà l'esordio assoluto della squadra davanti al proprio pubblico e siamo più che certi che le gradinate del vecchio e glorioso "Pentassuglia" torneranno nuovamente a riempirsi di presenze, di tifo e di entusiasmo per le prodezze dei propri, nuovi beniamini.


Nessun commento:

Posta un commento