lunedì 16 marzo 2015

UN BRINDISI A CORTO DI FIATO SI FA SUPERARE DA UN BOLOGNA FURBO E PROTETTO DAGLI ARBITRI

Nella foto di Michele Longo, David Cournooh, mentre spara una delle sue triple contro Bologna.

Brindisi ha perso ieri sera una grande occasione per strappare altri due punti preziosi da aggiungere alla sua già buona classifica. Non era proprio trascendentale la Granarolo Bologna di coach Giorgio Valli, anzi era stata facilmente attaccabile quando Brindisi ha difeso con la zona dispari rubando così diversi palloni da trasformare in altrettanti canestri. E invece l'attacco brindisino ha sciupato tutto gettando al vento un numero considerevole di contropiede e transizioni che avrebbero anche potuto creare il varco decisivo tra le due squadre. Ancora una volta, però, uomini importanti dello starting-five, come James, Denmon e Turner, sono venuti meno clamorosamente, sia pure per motivi del tutto diversi. James è stato maltrattato vergognosamente da una terna arbitrale assolutamente inetta e scandalosa nel metro di giudizio, facendosi buttar fuori anche per un tecnico susseguente alle proprie proteste. Sahin, Seghetti e Lo Guzzo hanno in pratica ripetuto quanto seppero fare assai bene nella gara contro Milano, in semifinale di Final Eight, Taurino e Bettini, fischiando anche i sospiri ai brindisini e concedendo fin troppo alla difesa della squadra di casa. Il conto finale parla fin troppo chiaramente: Brindisi si è vista assegnare appena 13 tiri liberi contro i 32 elargiti con profusione a Bologna!
E' vero, a Brindisi è mancata quella continuità che sarebbe stata necessaria in tale occasione, ma Bulleri e compagni hanno dovuto pure ingoiare rospi davvero amari da buttar giù, giocando spesso contro otto avversari invece di cinque. All'assenza fin troppo prolungata (ha giocato appena 7') di James si sono pure aggiunte quelle, davvero inattese, di Turner e di Denmon, apparsi come due fantasmi sul campo. Se non fosse stato per il giovane David Cournooh, autore di una prestazione davvero considerevole e meritoria, l'Enel Brindisi avrebbe preso una bella imbarcata d'acqua finendo con l'affondamento di ogni speranza. Il non ancora 25enne giovane veronese, partito come sempre dalla panchina, è stato il migliore in campo in senso assoluto, soprattutto perchè ha retto quasi da solo le sorti della sua squadra, proprio quando essa era apparsa in grandi difficoltà nella prima parte della gara, tradita dai suoi giocatori migliori e più esperti. Il bravo David, appena Bucchi lo ha gettato nella mischia, ha messo in fila subito, una dietro l'altra, una micidiale terna di triple dall'angolo, distruggendo così la zona difensiva avversaria e costringendo coach Valli a ricorrere ad un'altra formula per frenarne la pericolosità. Ma non si è fermata soltanto lì la produttività di Cournooh, perchè egli ha continuato ad attaccare e difendere con grande vitalità e precisione chiudendo poi con 16 punti, 7 rimbalzi, 3 assist e 20 punti di valutazione complessiva la propria prestazione. Insieme a Cournooh si è visto poi un James Mays tirato a lucido, vivace e produttivo, anch'egli autore di 16 punti, ai quali ha pure aggiunto 13 rimbalzi, un assist e una stoppata, per complessivi 23 punti di valutazione complessiva.
L'unica nota positiva di questa trasferta è stata aver salvato la differenza-canestri. E non è cosa da poco. In definitiva, avrebbe anche potuto vincerla questa partita, la squadra di Bucchi, ma probabilmente le è mancata nel finale la freschezza atletica e l'apporto di troppi uomini insieme per sperare in un esito migliore. L'uscita dal trofeo europeo probabilmente servirà a Brindisi per riprendere un po' delle energie che ha largamente speso in questo periodo. Domenica, intanto, Brindisi riceverà la visita di Cantù, ma non dovrà assolutamente sbagliare questa partita, altrimenti rischierà davvero di uscir fuori dal novero delle squadre da play-off.

3 commenti:

  1. In una frase: "La fiera del ciapa no"! Ma quanti palloni abbiamo buttato via...?!? Ma che occasione abbiamo sprecato...? Bologna non è una squadra di primo livello eppure ieri sembrava una compagine istrionica e navigata, al nostro confronto... Ci sono mancati Harper e Turner, d'accordo. Ci hanno fatto fuori troppo presto anche James. Mannaggia. E sia. Ma anche Pullen nella prima parte della gara mi è sembrato alquanto ectoplasmatico, poi un po' meglio dalla pausa lunga in poi... Sì, effettivamente dobbiamo ringraziare il capolavoro di Cournooh e il lavoro sotto le plance di Mays e in misura minore di Eric, ma la partita ce la siamo portata in salita sin dall'inizio. I bolognesi non mi hanno impressionato. Da tre sono stati abbastanza insignificanti. Sotto le retine hanno invece hanno raccolto una marea di palloni che rimbalzavano da tutte le parti sul ferro, e lì l'assenza di un James si è sentita abbastanza, a coadiuvare il centro di turno... Mi sa che bisogna vivere alla giornata, a partire dalla prossima in casa, provare a mettere in cascina due punti, volare bassi, sudare parecchio più del necessario e provare a non farsi turlupinare da terne arbitrali che non ci tengono in gran simpatia. Forza ragazzi, proviamo a non perdere la possibilità di centrare i play-offs!

    RispondiElimina
  2. Cournooh mentre spara una delle sue triple contro bologna..... con la maglia usata nell'eurochallenge!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma Cournooh può anche essere effigiato con una foto di repertorio, non è questo l'importante. Quello che conta è la sostanza e se proprio dovevamo pagare dazio per dover giocare una partita come quella con Bologna, abbiamo già dato. E non troveremo mica tutte le domeniche una terna arbitrale casalinga come quella che ha martoriato James sin dall'inizio, no...?! E magari con lo stesso James che farà tesoro dell'esperienza di Casalecchio e proverà ad essere un po' più furbo, e Pullen un po' più sveglio, in modo da non regalare l'intero primo quarto alla squadra avversaria. Poi i vari Denmon e Turner provino che domenica la loro assenza è stato solo un episodico Forse i playoffs non sono così difficili da centrare. Sappiamo giocare meglio di così e con molta più determinazione agonistica... o no?!?

      Elimina