sabato 31 gennaio 2015

BRINDISI E CASERTA SI BATTERANNO DOMANI AL PENTASSUGLIA CON PROPOSITI ASSAI BELLICOSI

Delroy James e Carleton Scott in lotta sotto canestro nella gara di andata 

Brindisi e Caserta rinnoveranno domani pomeriggio la serie dei confronti che da almeno 50 anni rappresentano il meglio del basket meridionale. Dai tempi dei Giuri e Calderari - che si opponevano ai Donadoni, Gavagnin e Maggetti - ad oggi, il confronto tra le due realtà cestistiche è risultato sempre bello, avvincente e contrastato, con avvicendamenti continui e multiformi. Da un paio d'anni almeno, però, Caserta sta attraversando una profonda crisi societaria che si è poi riflessa pure sui risultati ottenuti sul campo. Quest'anno, per di più, la società campana ha avuto una partenza terribilmente difficile, con 14 sconfitte consecutive che l'hanno confinata stabilmente in fondo alla classifica. I risultati negativi hanno prodotto, di conseguenza, il cambio di due allenatori, prima di Lele Molin e poi quello di Zare Markowski. A questo punto, la società ha deciso di giocarsi il tutto per tutto, affidando la panchina ad una "vecchia gloria" casertana, ma giovanissimo come coach, Vincenzino Esposito, che fungeva da assistente ai due tecnici sollevati dall'incarico. L'acquisto del play Capin, ma soprattutto della guardia Domercant, uniti al grande carisma di Esposito, ha prodotto quasi subito ottimi risultati, perchè Caserta ha battuto di seguito in casa prima Pesaro e poi Roma, ridando così animo alla squadra e tantissima fiducia ai propri sostenitori.
Ora Caserta è sempre ultima, ma ha eliminato quasi del tutto lo svantaggio in classifica rispetto a Pesaro, dal quale dista solo due punti. Brindisi ha giocato finora tutto un altro campionato rispetto a Caserta. Pur dovendo spesso fare i conti con l'infermeria e con più di qualche cambio di giocatore - tra i quali c'è pure l'ex Dejan Ivanov, che domani sera rivedremo come avversario al Pentassuglia - la squadra bianco-azzurra ha tenuto fede ai propositi ambiziosi della propria dirigenza e, al momento, detiene il quinto posto solitario in classifica.
Domani, allora, a partire dalle ore 18:15, sotto la direzione degli arbitri Lanzarini, Vicino e Aronne, Brindisi e Caserta se le daranno di santa ragione, come da sempre accade nelle migliori tradizioni di questi autentici derby del Sud. Contrariamente a quanto oggi dichiara la classifica delle due squadre, Brindisi dovrà stare molto attenta a non ritenere facile e scontato il risultato di domani. Oggi Caserta è tutt'altra squadra rispetto alla gara di andata, quando Brindisi prevalse abbastanza nettamente per 69-78. Esposito le ha dato un volto e una consistenza tecnica assai diversi e non a a caso sono arrivati i due ultimi successi. Oltre all'arrivo di Capin e Domercant, c'è stato un miglior inserimento di Antonutti, un giocatore che, quando gioca contro Brindisi, tira sempre fuori qualche magata di troppo e crea guai seri alla difesa brindisina. Potrebbe esserci qualche assenza di rilievo, oggi pomeriggio, visto che non si sono allenati in settimana Mays e Bulleri per il Brindisi, oltre al casertano Michelori.
La squadra della Pasta Reggia Caserta giocherà con il lutto al braccio per la morte della signora Ornella Maggiò, figlia del presidente Giovanni Maggiò, ex presidente della Juve Caserta, ed ella stessa dirigente della squadra per vari anni. Prima dell'inizio della partita verrà osservato un minuto di raccoglimento da parte delle due squadre. 

Nessun commento:

Posta un commento