domenica 28 settembre 2014

PISTOIA VINCE CON PIENO MERITO A PORTO S.ELPIDIO BATTENDO UN BRINDISI ANCORA INCOSTANTE

Marcus Denmon al tiro nel recente Memorial Pentassuglia

La Giorgio Tesi Group Pistoia si è aggiudicato la 5^ edizione del Torneo della Calzatura di Porto S.Elpidio battendo in finale l'Enel Basket Brindisi per 72-67. La squadra toscana, allenata ancora da Paolo Moretti ha vinto con pieno merito questa partita dimostrando di essere un buon complesso, solido e fortemente motivato dal proprio allenatore. Pur se ha cambiato molto rispetto alla scorsa edizione, Moretti è già riuscito ad amalgamare il gruppo, a capo del quale ha messo quel Daniele Cinciarini che ha dimostrato negli ultimi anni di saper guidare assai bene una squadra di Lega A a Montegranaro. Ed è stato proprio Cinciarini a tenere la squadra compatta, specie quando Brindisi ha avuto nel finale di 3° quarto, sul 53-48 in suo favore, la possibilità di portarsi decisamente avanti, ma una tripla del cecchino Czerapowicz l'ha ricacciata indietro (55-56) sul fischio della sirena. 
Brindisi è stata sempre indietro nel punteggio e costretta ad inseguire l'avversario, pur se gli è stata sempre col fiato addosso e non si è mai fatta distanziare per più di 5-6 punti. Un paio di volte è riuscita pure a raggiungerlo e a superarlo, ma non ha avuto la continuità di gioco necessaria per imporsi. Bucchi ha ancora tanto da lavorare per integrare il gruppo, soprattutto in fase di regia, dove Henry e Harper si alternano spesso con Cournooh con rendimento incostante alla guida della squadra.
In definitiva, questo torneo è stato un buon test d'allenamento per un team che ha cambiato quasi del tutto il proprio aspetto e ha ancora tanto da fare per trovare la propria identità.
Ora Bucchi avrà una settimana di tempo per presentare la propria squadra a Sassari per la Supercoppa, dove Brindisi dovrà affrontare in semifinale sabato 4 ottobre l'Emporio Armani Milano, vale a dire la squadra campione d'Italia uscente. In bocca al lupo, coach Bucchi!

Nessun commento:

Posta un commento