mercoledì 16 luglio 2014

PALLA A SPICCHI COMPIE DUE ANNI DI VITA E SUPERA LE 100 MILA VISUALIZZAZIONI DI PAGINE

Pompeo Barbiero, direttore editoriale di Palla a Spicchi.com

Cari amici e affezionati lettori, il 16 luglio di due anni or sono iniziavo la mia esperienza editoriale con "Palla a Spicchi.com", il blog con il quale ho esordito nel campo del web dopo essermi messo alle spalle 40 anni di lavoro giornalistico su varie testate locali e nazionali, oltre che davanti alle telecamere di alcuni network.
Voglio festeggiare con voi questa bella ricorrenza soprattutto perchè, nel momento in cui mi accingo a redigere questa nota - e sono le ore 20:10 di mercoledì 16 luglio 2014 -  sto registrando la mia 100.011^ visualizzazione di pagine. Colgo questa occasione speciale per inviare a tutti quanti voi un grazie immenso e una riconoscenza senza fine per avermi aiutato a raggiungere un simile traguardo. 50.000 visualizzazioni  di pagine, moltiplicate per i due anni trascorsi, sono davvero tante: sono il segnale più evidente di aver riscosso la vostra stima e una considerazione che mi onora grandemente.
Insieme a voi abbiamo celebrato e magnificato i momenti più belli dello sport brindisino, di questa nostra città così bella e rilucente di tante proprietà e di tante bellezze naturali, ma pure di tante, evidenti contraddizioni, che ne hanno frenato spesso gli aneliti e le ambizioni migliori.
Se il politico e il sociale ogni tanto zoppicano per colpa dell'inefficienza delle varie amministrazioni pubbliche succedutesi nel tempo, non così dobbiamo dire del settore sportivo, che, invece, va a gonfie vele per il grandissimo contributo offerto dalla pallacanestro con l'Enel Basket Brindisi e per quello sempre vivo e palpitante dato dal mondo del calcio con la Brindisi Sport.
Personalmente, non posso fare altro che fornire il mio contributo alla causa comune con la mia lunga esperienza e con una critica puntuale e precisa, sempre attenta agli sviluppi emersi dalle prestazioni dei nostri rappresentanti. Mi auguro fortemente, per il bene dello sport brindisino, che non manchi mai la passione e l'entusiasmo della "gens brundusina", insieme alla dedizione ed alla disponibilità dei nostri dirigenti nel voler mantenere sempre più alto il nome e le capacità della Brindisi sportiva.

Nessun commento:

Posta un commento