martedì 10 giugno 2014

UN POMERIGGIO DI STORIA BRINDISINA VISSUTO TRA BARCHE A VELA, EUROCUP DI BASKET E "CAFEI" DI QUALITA'

Un momento della conferenza stampa ripreso da Mismatch, con Bulleri, Marino e Giuliani

Non potevo proprio perdermela questa abbuffata di brindisinità, oggi pomeriggio. Quale migliore occasione di rivedere la mia Brindisi con il fantastico Lungomare Regina Margherita, pavesato a festa e pullulante di una miriade di barche piccole e grandi, che arricchivano come ogni anno lo splendido porto della nostra città? Per di più, i saggi organizzatori di questo splendido "Negramaro Wine Festival" vi avevano infilato la conferenza stampa dell'Enel Basket Brindisi, voluta dal presidente Marino, e la presentazione ufficiale della regata internazionale Brindisi-Corfù, sapientemente organizzata sulla Scalinata Virgilio dal nuovo presidente del Circolo della Vela di Brindisi, Teo Titi.
Così ho coinvolto nel mio bel programma pomeridiano Pino Nigro, un brindisino che da qualche tempo vive a Lecce come me, praticamente mio dirimpettaio, e abbiamo raggiunto in macchina la location dell'Enel Basket giusto in tempo per sentir dire dalla viva voce di Nando Marino che nel prossimo campionato Brindisi farà certamente parte di un importante torneo europeo, EuroCup o EuroChallenge che sia.
Ed era proprio questa la notizia più importante che gli appassionati di basket brindisino volevano sentire, tanto è vero che è partito subito un convinto applauso da parte dei cittadini-tifosi che si affacciavano sulla balaustra della location. Soltanto tra un paio di settimane, però, si saprà a quale delle due manifestazioni Brindisi prenderà parte. Qualche minuto prima, il presidente Marino aveva presentato capitan Massimo Bulleri come il condottiero che avrebbe nuovamente guidato Brindisi in campionato e il general manager Alessandro Giuliani, fresco vincitore del Trofeo per il miglior dirigente di Lega A, rispondeva alle richieste di chi voleva conoscere i nomi dei nuovi giocatori che non lo avrebbe riferito neanche se lo avessero torturato. Quando, poi, ho chiesto a Nando Marino quante possibilità avesse Brindisi di averlo come presidente della Lega A di basket, ho capito dalla sua risposta che lui è già pronto per fare il politico di professione oppure che sarà proprio lui il sostituto del senese Minucci, perchè ha parlato per cinque minuti buoni in ottimo italiano senza rispondere praticamente alla mia domanda, prima di trangugiare un po' di quell'ottimo "Negramaro Wine" che ci è stato servito.
Che bel pomeriggio che ho trascorso, baciato da un sole che ci ha arrostiti nonostante l'ora già avanzata,  e quanti amici ho rivisto, alcuni dei quali dimenticati nell'oblio della mia mente! Siccome, poi, si parlava di basket e di caffè, Pino ed io abbiamo concluso la kermesse brindisina con una visita a Cafei, il bel Bar/Caffè di Piazza Sciabiche, di proprietà di Monica Bastiani, ex capitana della nazionale femminile della palla a spicchi, alla quale avevo da tempo promesso una mia visita. A far compagnia a Monica c'era pure Gloria Trapani, altra carissima amica del basket, ottima playmaker ai tempi di Lillo Primaverili e di Francesco Altomare. Inutile aggiungere che il caffè di Monica era davvero buono e gustoso. Peccato, però, che io e Pino eravamo gli unici avventori in quel momento, mentre Cafei merita di essere frequentato da tanta bella gente, non solo dagli amici della pallacanestro.

Nessun commento:

Posta un commento