venerdì 27 giugno 2014

MILANO BATTE SIENA IN GARA-7 E CONQUISTA LO SCUDETTO DOPO 18 ANNI


Le "scarpette rosse" sono tornate. Ci son voluti 18 anni perchè l'Olimpia Milano ritornasse sul gradino più alto del basket italiano e conquistasse il suo 26° scudetto tricolore battendo un Siena ancora una volta meraviglioso e determinato come quello magico degli anni scorsi. Marco Crespi e i suoi splendidi giocatori ce l'hanno messa tutta anche questa sera, in una gara-7 stupenda per intensità e pathos in campo e sugli spalti, ma la determinazione, l'intensità e il cuore di Milano non hanno ceduto, anche quando Gentile e compagni sono andati sotto di otto punti e tutto lasciava temere che Siena potesse ripetersi per la nona volta consecutiva. Il canestro ancora una volta magico di Curtis Jerrels impattava sul 62 pari e dava la svolta decisiva alla partita con i canestri finali di Gentile e di Hackett per il 74-67 e per il tripudio decisivo dei 12.000 tifosi del Forum di Assago, esaltati da questa fantastica vittoria. Alla presenza di Valentino Renzi e di Nando Marino, che fra due giorni si scambieranno l'onore e l'onere di guidare la Lega A di basket, Giorgio Armani ha potuto finalmente gioire per uno scudetto conquistato dalla sua squadra, dopo gli innumerevoli sacrifici compiuti in tutti questi anni.

mercoledì 25 giugno 2014

ALEXANDER CZYZ HA FIRMATO PER L'ENEL BASKET BRINDISI

Alexander Czyz

Alexander Czyz è un nuovo giocatore dell’Enel Basket Brindisi. Lo ha comunicato, con un dispaccio delle 10.40 di stamani, la società di contrada Masseriola. Aleksander (Olek) Czyz è nato a Gdynia (Polonia) il 3 marzo 1990, ruolo ala-pivot, statura cm. 203, peso kg.109.
Dopo le esperienze giovanili in Polonia, Czyz, trasferitosi con la famiglia negli Stati Uniti, ha giocato prima nella squadra della Reno High School e poi, nel periodo universitario, in quelle di Duke e Nevada. Nel campionato 2012-13 ha giocato per la Virtus Roma, disputando 48 partite e partecipando all’All Star Game. Nella scorsa stagione, invece, è ritornato negli Stati Uniti con un impegno ulteriormente formativo nella D League: 12 gare in maglia Fort Wayne Mad Ants e 25 nelle fila di Canton Charge (in media: 23,3 minuti – 11,2 punti – 6,6 rimbalzi).

lunedì 23 giugno 2014

SIENA SBANCA MILANO IN GARA-5 E CHIAMA IL PRIMO MATCH-POINT PER LO SCUDETTO FRA DUE GIORNI

Otello Hunter, il pivot americano di Siena


Otello Hunter e Matt Janning conducono per mano Siena alla vittoria su Milano in un Pala Assago zittito e ammutolito dalla splendida prestazione di squadra del team biancoverde di Marco Crespi. Basti dire che Siena è sempre stata in testa alla gara dopo lo 0-1 iniziale e Milano si è affacciata un paio di volte davanti agli avversari soltanto nell'ultimo quarto, quando Gentile sembrava aver ripreso il comando delle operazioni. Ma era un falso allarme, perchè il duo Jenning-Hunter prendeva letteralmente la squadra nelle sue mani e creava il divario decisivo con gli avversari, prima con un paio di alley-hoop schiacciati brillantemente in canestro a una e a due mani, e poi invitava al proscenio uno Spencer Nelson fantastico, che fino a quel momento aveva recitato un ruolo di complemento. Con un paio di giochi uno vs. uno, il biondo americano faceva fuori la difesa senese e annullava così gli ultimi aneliti di vittoria di Banchi e dei suoi uomini. Arriva a segno così il brillante progetto tattico di coach Crespi, che ha avuto il grandissimo merito di saper tenere in piedi la sua squadra nonostante l'ambiente difficile e avverso, ma pure dopo uno 0-2 che significava moltissimo per la squadra avversaria. 

STORIA DELLA PALLACANESTRO BRINDISINA DAL DOPOGUERRA AL FENOMENO NEW BASKET BRINDISI - 3^ PUNTATA


Eccoci giunti alla 3^ puntata della storia della pallacanestro brindisina. Piero Andrioli, autore di questa bellissima retrospezione sui primordi del basket della nostra città, analizza attentamente gli anni in cui la Libertas Brindisi si trasformò da "matricola" terribile in squadra solida e ambiziosa, capace di arrivare nel giro di pochi anni per ben due volte agli spareggi per la promozione in serie A, prima contro Gira Bologna, Gorizia e La Spezia nel 1963 e poi a quello con Cagliari in un durissimo faccia a faccia sul "neutro" di Napoli nel 1969, purtroppo tutti risoltisi negativamente per la squadra di Elio Pentassuglia. 
Ma Andrioli ha pure dato uno sguardo all'ottimo lavoro svolto dal "Penta" e ai suoi successi nazionali con le squadre giovanili dei cadetti e degli juniores della Lib. Brindisi, oltre che a quanto ha saputo fare l'Assi Brindisi con i suoi campionati di categoria e con le sue squadre giovanili; e, per finire, ha pure menzionato le squadre minori che erano sorte, nel frattempo, attorno alla Libertas e all'Assi.


di Piero ANDRIOLI

3^. La Libertas Brindisi nel basket d’elite: da “matricola terribile” allo spareggio-promozione di Napoli.

L’ingresso nel “basket che conta” ebbe per Brindisi un grosso impatto mediatico. Non solo la Gazzetta del Mezzogiorno, ma anche testate nazionali come il Corriere dello Sport e grosse firme del giornalismo sportivo come Lino Cascioli e Mario Arceri, spendevano parole d’elogio per i ragazzi brindisini. Ovviamente, l’entusiasmo in città era alle stelle, anche troppo talvolta. Nel convulso finale contro la Lazio, un litigio tra Donativi e un giocatore romano provocò il finimondo in campo con una rissa generalizzata, a cui naturalmente il pubblico brindisino, assiepato in ogni modo possibile all’interno della Palestra Galiano, non si sottrasse. Le successive sanzioni  produssero una lunga squalifica del campo, poi ridotta, grazie anche a pressioni dall’ “alto”.

venerdì 20 giugno 2014

SEK HENRY E' IL NUOVO PLAYMAKER DI BRINDISI

Sek Henry, il nuovo playmaker dell'Enel Basket Brindisi

Sek Henry è il nuovo playmaker dell’Enel Basket Brindisi. Lo ha comunicato ufficialmente la società New Basket Brindisi con un dispaccio delle ore 12,21 di oggi. Sek Henry è nato a Lynwood, in California, il 28/6/1987, ruolo play-guardia, statura mt 1.93, peso kg 91, con passaporto giamaicano. Il play americano ha maturato le sue prime esperienze nella NCAA con la Nebraska University (lo vediamo qui nella foto proprio con la maglia della sua università) dal 2006 al 2010, per poi passare in Venezuela, Giappone e, infine, in Polonia, il paese nel quale ha disputato le ultime due stagioni con la maglia dell’AZS Koszalin. In quella appena conclusa, Henry ha ottenuto i seguenti dati statistici: 18 presenze con 33 minuti giocati, nel corso dei quali ha tenuto le medie-partita di 15,7 punti realizzati, 4,2 assist, 4 rimbalzi; in più, il suo coach lo ha nominato capitano della squadra per le sue particolari doti umane. E’ un giocatore molto atletico, mancino, con un’ottima visione di gioco e buone capacità realizzative.

venerdì 13 giugno 2014

IL BRINDISINO FERNANDO MARINO E' IL NUOVO PRESIDENTE DELLA LEGA A DI PALLACANESTRO

Il nuovo presidente della Lega A di basket, il brindisino Fernando Marino

Fernando Marino è il nuovo Presidente della Lega A di pallacanestro. La decisione dei presidenti delle società di Lega A è venuta fuori nel pomeriggio di oggi, quando essi si sono nuovamente riuniti nella sede della Legabasket per eleggere il rappresentante ufficiale della Lega al posto del "dimissionario forzato" Minucci, arrestato per i noti eventi riguardanti la società Montepaschi Siena. Quasi tutti i rappresentati delle società, sospinti dal presidente dell'Olimpia Milano, si erano trovati d'accordo sul nome di Marino già nella prima seduta avvenuta nella mattinata di oggi, tranne Toti e Villalta, rispettivamente presidente di Roma e di Bologna. L'assemblea si è riunita nuovamente alle ore 14 di oggi e si è così finalmente trovata la quadra giusta per esprimere il nuovo rappresentante ufficiale delle società di Lega A..

giovedì 12 giugno 2014

L'ASSI MANZONI BRINDISI PROMOSSA IN B/1 DI PALLAVOLO


Volley, finale playoff: delirio al Palazumbo, l'Assi conquista la B1
L’Assi Manzoni Pallavolo Brindisi ha conquistato la B1. Coach Patrizia Chionna e le sue splendide atlete hanno battuto il Palmi (Reggio Calabria) anche in gara-2  di finale playoff (3-1) davanti alle varie centinaia di tifosi che ieri sera hanno gremito il Pala Zumbo di via Dei Mille.

L’Assi Manzoni Pallavolo Brindisi ha conquistato la B1. Coach Patrizia Chionna e le sue splendide atlete hanno battuto il Palmi (Reggio Calabria) anche in gara-2  di finale playoff (3-1) davanti alle varie centinaia di tifosi che ieri sera hanno gremito il Pala Zumbo di via Dei Mille.
L’ultima squadra brindisina che aveva disputato un torneo di B1 era stata la Telcom, nei primi anni 2000. Questo meraviglioso risultato premia giustamente i grandi sacrifici compiuti dai tecnici, dalle ragazze e dai dirigenti, soprattutto dall’architetto Carlo Sciarra, dirigente storico dell’Assi, e dai due patron Toni Muccio ed Ercole Saponaro, ottimi sponsor del progetto comune.

martedì 10 giugno 2014

UN POMERIGGIO DI STORIA BRINDISINA VISSUTO TRA BARCHE A VELA, EUROCUP DI BASKET E "CAFEI" DI QUALITA'

Un momento della conferenza stampa ripreso da Mismatch, con Bulleri, Marino e Giuliani

Non potevo proprio perdermela questa abbuffata di brindisinità, oggi pomeriggio. Quale migliore occasione di rivedere la mia Brindisi con il fantastico Lungomare Regina Margherita, pavesato a festa e pullulante di una miriade di barche piccole e grandi, che arricchivano come ogni anno lo splendido porto della nostra città? Per di più, i saggi organizzatori di questo splendido "Negramaro Wine Festival" vi avevano infilato la conferenza stampa dell'Enel Basket Brindisi, voluta dal presidente Marino, e la presentazione ufficiale della regata internazionale Brindisi-Corfù, sapientemente organizzata sulla Scalinata Virgilio dal nuovo presidente del Circolo della Vela di Brindisi, Teo Titi.
Così ho coinvolto nel mio bel programma pomeridiano Pino Nigro, un brindisino che da qualche tempo vive a Lecce come me, praticamente mio dirimpettaio, e abbiamo raggiunto in macchina la location dell'Enel Basket giusto in tempo per sentir dire dalla viva voce di Nando Marino che nel prossimo campionato Brindisi farà certamente parte di un importante torneo europeo, EuroCup o EuroChallenge che sia.

lunedì 9 giugno 2014

MARZIA TAGLIAMENTO GIOCHERA' IL PROSSIMO CAMPIONATO IN SERIE A/1 A BATTIPAGLIA

Marzia Tagliamento
Marzia Tagliamento giocherà il prossimo campionato in serie A/1. L'annuncio ufficiale del passaggio della giovane atleta brindisina alla società PB63 Lady Battipaglia è stato comunicato agli organi di stampa nel pomeriggio di oggi dalla società Trio Basket Brindisi. La società campana è stata promossa in serie A1 alla fine del recente campionato. Il trasferimento offre all’atleta brindisina un' ulteriore opportunità di crescita, grazie a un palcoscenico che saprà valorizzarne ancor più le spiccate qualità tecniche e caratteriali. Ala di ruolo, classe ’96, figlia d’arte (entrambi i genitori hanno giocato a basket), Marzia Tagliamento si è affermata tra le migliori esterne nello scorso campionato di Serie A2 contribuendo al buon cammino della squadra brindisina, nella quale Marzia è cresciuta formandosi nel settore giovanile. Già nel giro delle nazionali giovanili, con le quali ha vinto un bronzo e un argento, Marzia Tagliamento vanta in carriera anche un campionato di serie A3 vinto sempre con Brindisi e il titolo italiano Under 19, recentemente conquistato con la maglia del Geas Sesto San Giovanni.

MASSIMO BULLERI GIOCHERA' ANCORA UN ANNO NELLE FILE DELL'ENEL BASKET BRINDISI. DOMANI L'ANNUNCIO UFFICIALE


Massimo Bulleri giocherà nelle file dell’Enel Basket Brindisi anche per il prossimo campionato. La notizia è ufficiale, ma verrà resa pubblica soltanto nel pomeriggio di domani, nel corso della conferenza stampa che la società ha organizzato  proprio per il capitano della squadra, ma pure per presentare la nuova stagione sportiva dell’Enel Basket Brindisi. Parte così con una bellissima notizia di continuità rispetto al campionato appena terminato, la campagna di rafforzamento della squadra per dar vita al prossimo campionato, che sarà il terzo consecutivo di Brindisi in Lega A. Migliore location della suggestiva cornice del lungomare Regina Margherita di Brindisi sinceramente non poteva esserci, anche perché questa bella manifestazione sportiva è stata fatta rientrare a bella posta nell'ambito del “Negramaro Wine Festival  2014” e a poche ore dalla partenza della regata internazionale Brindisi-Corfù, appuntamento sportivo-turistico di vera eccellenza e di gloriose tradizioni che rende davvero grande onore allo sport brindisino della vela.

mercoledì 4 giugno 2014

BRINDISI PUNTA ALL'EUROCUP E ALLA COSTRUZIONE DELLA NUOVA SQUADRA

Alessandro Giuliani, general manager dell'Enel Basket Brindisi

Archiviato definitivamente l'ottimo campionato disputato dall'Enel Basket Brindisi con la conquista del quinto posto e con la qualificazione nei playoff per lo scudetto tricolore, ora gli obiettivi della società di contrada Masseriola sono tutti rivolti all'immediato futuro e, in particolare, alla definizione dei nuovi traguardi societari ed alla costruzione della nuova squadra. La società si è già mossa per verificare se potrà o meno aspirare alla partecipazione all'Eurocup: in tal senso ha avanzato debita richiesta, motivandola con i tanti risvolti positivi ottenuti nel campionato appena terminato, non ultimi la conquista del titolo di campione d'inverno, la qualificazione alle Final Eight e ai play-off. Oltre a questi importanti biglietti da visita, Brindisi ha validato la propria istanza con la possibilità di usufruire di un aeroporto internazionale che le permette di assicurare spostamenti immediati delle squadre partecipanti, con l'appoggio di un pubblico numeroso e partecipe delle vicende della propria squadra e con l'utilizzo di un palasport non molto capiente, ma certamente valido a tutti gli effetti. Interrogato a tal proposito, il general manager Alessandro Giuliani si è dichiarato fiducioso in una positiva risposta della commissione deputata alla verifica di tutte le clausole in tal senso richieste.

domenica 1 giugno 2014

MARQUES GREEN E LA SUA SASSARI SBANCANO MILANO IN GARA-2 DI SEMIFINALE DEI PLAY-OFF

Marques Green, il playmaker di Sassari

Marques Green, il 32enne playmaker di Sassari, si è tolto la più grande soddisfazione della sua vita guidando da grande campione la sua Dinamo alla conquista di gara-2 della semifinale di questa sera con l'Armani Jeans Milano. Il piccolo play americano, con passaporto macedone, si è preso la sua bella rivincita sulla squadra milanese, nella quale aveva disputato un buon campionato nella scorsa stagione. Milano, poi, aveva fatto la sua scelta liquidando Green per girare ben tre play - Jerrels, Haynes e Hackett - nel giro di tre mesi dando Haynes a Siena per prendersi Hackett in cambio di 500 mila euro. Il piccolo, grande uomo, alto quanto un soldo di cacio, appena cm.165, si è fatto beffe dei play avversari segnando 16 punti (4/5 solo nelle triple) e distribuendo 11 assist per una valutazione complessiva di 24 punti. Insomma, un vero match-winner, che ha saputo rendere grandissima la sua squadra contro la corazzata Milano, che, questa sera, ha scricchiolato parecchio in difesa non riuscendo ad essere fluida e lucida come in gara-1.