venerdì 30 maggio 2014

ANDREA ZERINI E' STATO NUOVAMENTE CONVOCATO NELLA NAZIONALE SENIOR AZZURRA

Andrea Zerini a colloquio con coach Capobianco durante un raduno della nazionale azzurra

L'ufficio stampa dell'Enel Basket Brindisi comunica che martedì prossimo 3 giugno, presso il Centro di Preparazione Olimpica Giulio Onesti all’Acqua Acetosa di Roma, avranno luogo le consuete visite mediche per gli atleti azzurri che potranno essere chiamati, questa estate, a far parte delle attività della Nazionale Senior. All’appello mancheranno naturalmente gli atleti di Milano, Siena, Sassari e Roma, che sono ancora impegnati nello svolgimento delle gare di semifinale dei play-off, che avranno inizio proprio questa sera con gara-1 tra EA7 Armani Milano contro Dinamo Sassari. Per loro le visite mediche avranno luogo in data successiva.

STORIA DELLA PALLACANESTRO BRINDISINA DAL DOPOGUERRA FINO AL FENOMENO NEW BASKET BRINDISI - 2° PUNTATA


Diamo un seguito alla prima puntata della Storia della Pallacanestro Brindisina, raccontata impeccabilmente e con grande dovizia di particolari da Piero Andrioli. E dobbiamo ammettere con grande piacere che questa iniziativa ha suscitato la benevolenza e la curiosità di voi, cari amici e cari lettori, al di là di ogni nostra più rosea aspettativa. I contatti ricevuti fino alla mattina di oggi, relativi alla prima puntata, hanno raggiunto l'ottimo risultato di 1290 unità. Questo sta chiaramente a significare quanto i brindisini, ma pure gli appassionati italiani di pallacanestro in genere, seguano con piacere questo tipo di inchieste, specie se suffragate anche da immagini e da testi dell'epoca. Rivolgiamo un doveroso grazie da parte nostra nei vostri confronti! Ed ora, cari amici, gustatevi questa 2^ puntata!


di Piero ANDRIOLI

2. Elio Pentassuglia e Peppino Todisco: il braccio e la mente. La rapida ascesa della Libertas       Brindisi fino alla Serie A.

Ritroviamo la Libertas nel campionato di prima divisione pugliese del 1951-52, insieme ad altre tre formazioni brindisine: l'ASSI , la Marconi Brindisi e il Liceo Marzolla Brindisi. Il seme del basket era già piantato e cresceva piuttosto bene nelle fertili terre brindisine. Nei primi anni '50, oltre 10 società e quasi 200 atleti tesserati provenivano da Brindisi. La leadership regionale era ancora in mano a Bari, ma per poco tempo ancora. Quell'anno la Libertas approdò alle finali-promozione per la Serie C, ma fu sconfitta dagli avieri del IV Comando ZAT di Bari.

sabato 24 maggio 2014

LE PAGELLE DEL CAMPIONATO

Delroy James, autentica rivelazione del campionato di Lega A


Delroy JAMES: voto 8. A nostro avviso, è stato lui l'MVP della squadra e uno dei migliori giocatori del campionato di Lega A. Giuliani ci ha visto giusto sul suo conto: ala forte di ottimo rendimento, di notevole atletismo, eccezionale in penetrazione, imbattibile negli avvitamenti sotto il canestro, buono anche nel tiro dalla lunga distanza, ottimo rimbalzista con 7,9 di media e un high di 14 con Caserta, discreto realizzatore da 12,2 punti di media con high di 27 con Caserta. MVP della Lega A per il mese di Novembre 2013, James merita ampiamente la conferma.

Jerome DYSON: voto 8. Senza alcun dubbio è stato il giocatore di maggior talento della squadra, un vero fuoriclasse, soprattutto quando riusciva ad attaccare in campo aperto. Le sue transizioni sono state davvero memorabili, anche perchè costringeva i difensori avversari a fermarlo assai spesso con i falli (6,6 falli subiti a partita). Ma, come tutti quanti i cavalli di razza, Jerome ogni tanto sclerava e pretendeva talvolta l'impossibile andando a cacciarsi in un vicolo cieco. Tante volte ha vinto la partita da solo, spesso contro i grandi club, ma più di qualche sconfitta porta pure il suo nome. 16,9 è stata la sua media-punti a partita, ma i tiri liberi sono stati il suo tallone d'Achille (appena il 68%). MVP della Lega A per il mese di Marzo 2014. Richiestissimo sul mercato, difficilmente resterà a Brindisi.

venerdì 23 maggio 2014

IL MAGONE DI PIERO BUCCHI A FINE PARTITA SANCISCE IL 3-0 DI SASSARI E IL MIGLIOR PIAZZAMENTO DI BRINDISI IN LEGA A


BRINDISI - SASSARI: 75 - 82

BRINDISI: James 17, Todic 2, Formenti 3, Dyson 22, Lewis 5, Zerini 4, Chiotti, Umeh 2, Snaer 2, Campbell 18, Morciano, Leggio. All. Bucchi

SASSARI: M.Green 4, C.Green 17, De Vecchi 3, Chessa 3, Gordon 4, T.Diener 11, Sacchetti 15, D.Diener 14, Vanuzzo, Eze 2, Tessitori, Thomas 9. All. Sacchetti.

Arbitri: Begnis, Chiari, Calbucci.

Il magone di Piero Bucchi a fine partita ha suggellato nella maniera più evidente e inattesa l'amore e la passione che il tecnico bolognese di Brindisi nutre per la sua squadra, per la società e per la città. Si pensi che Bucchi ha dovuto impiegare quasi dieci minuti per riuscire a parlare in sala stampa davanti ai giornalisti presenti in buon numero, impedito com'era dalla fortissima emozione che lo aveva preso. Quando finalmente è riuscito a scacciar via il magone, il coach ha proferito tre sole parole, "tensione, amore e passione", prima di chiudere nuovamente la bocca e riprendere a respirare normalmente. E' davvero raro assistere ad episodi del genere, davanti ad un uomo di 56 anni, tecnico di lunghissima milizia, che manifesta dei sentimenti così belli, nobili e rari, per esprimere il proprio attaccamento nei confronti della sua squadra e di tutto l'ambiente che la circonda.

giovedì 22 maggio 2014

DOMANI SERA BRINDISI VUOL CONTINUARE CON UNA VITTORIA IL SUO PIU' BEL CAMPIONATO DI SEMPRE

Folarin Campbell cerca di superare il cagliaritano Jack De Vecchi

Domani sera la spietata roulette dei play-off sbarcherà a Brindisi per la disputa di gara-3, con la possibilità di allungare ulteriormente il quarto di finale tra Brindisi e Sassari fino alla quarta partita. Il regolamento parla chiaro a tale riguardo: se Sassari dovesse prevalere anche domani sul parquet del Pentassuglia, la serie di partite s'interromperebbe immediatamente con il 3-0 secco in favore della Dinamo Sassari. E' chiaro, però, che Brindisi non ci sta a fare la parte del cugino povero e farà di tutto per chiudere almeno con una storica vittoria la partecipazione a questi play-off. Abbiamo definito storica un'eventuale vittoria di Brindisi, perchè, nella precedente occasione in cui Brindisi disputò un quarto di finale dei play-off per lo scudetto tricolore - si risale al campionato 1980-81 - l'allora Bartolini Brindisi di Piero Pasini e del celebre "trio della muerte" composto da Malagoli-Howard-Yonakor venne sconfitta per 2-0 dalla Sinudyne Bologna di Renato Villalta e di Marco Bonamico.

mercoledì 21 maggio 2014

IL PRESIDENTE NANDO MARINO DA' AI TIFOSI L'APPUNTAMENTO DI DOMANI SERA PER GARA-3 NEL PALA PENTASSUGLIA

Nando Marino, presidente Enel Basket Brindisi

Al termine di gara-2 dei play-off tra Sassari e Brindisi, abbiamo ricevuto questa lettera che il presidente della New Basket Brindisi, Nando Marino, ha voluto inviare a tutti i tifosi brindisini. La pubblichiamo per intero qui di seguito:

"Dopo una partita certe notti capita di non riuscire a dormire per aver perduto sbagliando i tiri liberi a 2 secondi dalla fine e avendo tenuto sotto per gran parte della gara una delle migliori squadre del campionato. Dopo una partita certe notti capita di non avere voglia di dormire per aver perduto nettamente, senza esser riusciti a ripetere la brillante prestazione di due giorni prima, peraltro contro lo stesso avversario che nulla, proprio nulla ha sbagliato.
Siamo dispiaciuti e rammaricati per aver provato e fatto provare ai nostri tifosi sensazioni così forti. Però, prima, quante e quante notti abbiamo dormito gioiosi e gaudenti come non mai! E’ lo sport, è il basket. In appena 48 ore tutto può cambiare. Pensando e ripensando a cosa sarebbe potuto accadere se quei tiri liberi fossero entrati. Voltiamo pagina: rammentiamo le buone cose fatte e cerchiamo di trarre esperienza da quelle negative.

BRINDISI CROLLA MISERAMENTE, SASSARI TRIONFA IN GARA-2


SASSARI - BRINDISI: 89 - 62

SASSARI: M.Green 3, C.Green 16, De Vecchi 3, T. Diener 8, D.Diener 31, Sacchetti 5, Chessa 3, Eze, Gordon 3, Vanuzzo, Tessitori 2, Thomas 7. All. Sacchetti.
BRINDISI: James 2, Todic 8, Formenti, Lewis 4, Dyson 11, Snaer 5, Zerini 2, Umeh 11, Campbell 11, Chiotti 8, Morciano, De Gennaro. All. Bucchi.
Arbitri: Lanzarini, Paternicò, Borgioni.

E' finita nel peggiore dei modi per Brindisi, gara-2. Non ci si aspettava affatto una situazione così misera e imbarazzante dopo aver visto un equilibrio assoluto tra Sassari e Brindisi nella prima gara di questi play-off. Brindisi è letteralmente crollata davanti alle bordate impietose dei suoi avversari lasciando spazi aperti e invitanti nel corso delle transizioni della Dinamo. E' vero che non accade quasi mai che un solo giocatore riesca a mettere insieme, in un solo tempino, 7/9 tiri da tre punti, con una percentuale altissima di rendimento, pur se questi si chiama Drake Diener ed è un vero fuoriclasse, premiato tra l'altro prima della partita con il trofeo di miglior tiratore del campionato. Brindisi ha sbagliato l'approccio alla partita, differentemente da gara-1, reagendo male, non solo in difesa, ma anche in attacco, dove ha balbettato parecchio davanti all'avversario, al quale tutto riusciva in maniera fantastica. Basti pensare che la 1^ frazione di gara è finita con il punteggio di 31-13 e si è detto tutto. Beccare 18 punti di svantaggio nei dieci minuti iniziali significa in pratica essere già fuori della partita.

martedì 20 maggio 2014

BRINDISI VUOL PROVARE A VINCERE IL 2° ASSALTO AL PALA SERRADIMIGNI SASSARESE

Coach Bucchi dà le ultime disposizioni ai propri giocatori

La sconfitta in gara-1 dovrà servire da importante punto di riferimento per Piero Bucchi e per i suoi giocatori. Soprattutto perchè domani sera, quando affronteranno nuovamente in gara-2 la Dinamo Sassari, essi dovranno evitare di ripetere gli stessi errori che lunedì sera li hanno privati di una vittoria che si erano ampiamente meritata. Sono stati tanti gli aspetti positivi, ma pure quelli negativi emersi da questa partita bellissima ma sfortunata, che Brindisi si è vista sgranare dalle mani nei secondi finali, dopo aver comandato il gioco e gli avversari per ben 38 minuti. Tra le note positive, si è potuto riscontrare il netto miglioramento che la squadra ha compiuto sul piano fisico e mentale, visto che ha tenuto testa a Sassari per l'intera partita, senza accusare le pause che sette giorni prima l'avevano vista crollare nella seconda parte della gara. Tuttavia, se intende portar via i due punti da Sassari, questa sera, l'Enel Brindisi dovrà  migliorare l'intensità di gioco, evitare di perdere i troppi palloni buttati al vento dai due registi Dyson e Campbell (12 palle perse in due), e soprattutto continuare a far girar palla come aveva fatto benissimo nei primi 30' di gioco.

lunedì 19 maggio 2014

UN GRANDE BRINDISI SI E' FERMATO A TRE PASSI DA UNA VITTORIA STRAMERITATA

Delroy James questa volta si è inceppato a tre passi dalla vittoria

SASSARI - BRINDISI: 75-73

SASSARI: M.Green 4, C.Green 18, De Vecchi 6, Gordon 11, T.Diener 8, Sacchetti 7, D.Diener 9,  Eze 2, Thomas 10, Vanuzzo. All. Sacchetti.
BRINDISI: James 5, Todic 11, Formenti, Dyson 29, Lewis 14, Zerini 6, Snaer 3, Campbell 2, Chiotti, Umeh 3. All. Bucchi.
Arbitri: Lamonica, Sardella , Paglialunga.

Brindisi si è fermata ad un sol passo dalla vittoria e Sassari l'ha punita senza pietà. Sul 75-73, a soli 2" dalla fine della gara, Delroy James ha potuto usufruire di ben tre tiri liberi sul fallo commesso su di lui nel tiro da tre punti. Delroy poteva pareggiare almeno i conti segnandone due, se non proprio vincere la partita mettendoli tutti e tre. Invece, li ha sbagliati tutti, l'ultimo per cercare il rimbalzo d'attacco. Passa così sull'1-0 Sassari, ma è stata una vera disdetta per Brindisi, che aveva comandato la partita per 38 minuti, lasciando spazio ai cecchini avversari Drake Diener e Caleb Green con gli ultimi due tiri da tre punti, unici ad essere stati messi a segno contro la bellissima difesa brindisina. La squadra di Bucchi è stata davvero perfetta, ha giocato una grandissima partita, prima in difesa con raddoppi di marcatura che hanno impedito ai sardi di andare al comando della gara, e poi in attacco, con i due "postini" speciali Dyson (29 punti) e Lewis (14), che hanno mitragliato con grande precisione la retina avversaria.

domenica 18 maggio 2014

SASSARI E BRINDISI ANCORA A CONFRONTO, MA DA DOMANI SARANNO IN PALIO LE SEMIFINALI DEI PLAY-OFF

Delroy James schiaccia contro Sassari

Mancano soltanto due giri di lancette ormai e gli arbitri Lamonica, Sardella e Paglialunga daranno il via al primo dei quattro quarti dei play-off per lo scudetto tricolore, quello che interessa assai da vicino Sassari e Brindisi, le due società-gemelle del basket italiano. Le lunghe attese di questi ultimi giorni e i fiumi di parole letti sui giornali sono così terminati, perchè dalle ore 20,30 di domani sera tutto sarà demandato al campo di gioco, giudice unico e insindacabile di gara-1 tra le squadre delle due città, accomunate dal grandissimo amore per la pallacanestro e da due presidenti giovani, ambiziosi e capaci di pilotare con entusiasmo e con mano salda ed esperta la passione dei tifosi, come pure quella dei soci che hanno reso possibile cullare il grande sogno della Lega A. Ma entriamo subito nel clima della gara sentendo cosa hanno detto agli organi di stampa i due allenatori a poche ore da questo confronto così atteso, ma che si prevede infuocato e ricco di grandi emozioni.

venerdì 16 maggio 2014

SASSARI E BRINDISI NUOVAMENTE DI FRONTE, MA LUNEDI' SARA' BATTAGLIA ALL'ULTIMO SANGUE IN GARA-1

Il dirompente Delroy James in azione contro Milano

Si avvicina ormai a grandi passi l'inizio della lotteria dei play-off, una manifestazione che l'Enel Basket Brindisi conosce assai bene per averla praticata negli anni precedenti, nelle categorie inferiori. Ma la realtà odierna è del tutto diversa, soprattutto perchè aumentano considerevolmente il carico delle responsabilità, le aspettative di tutto l'universo cestistico nazionale, ma soprattutto le difficoltà rappresentate dalla forza e dal peso specifico delle otto squadre in lizza per lo scudetto tricolore. Si gioca un altro campionato, del tutto diverso rispetto a quello della "regular season", nel quale cambia tutto rispetto alla fase precedente. Basti pensare a quanto accadrà lunedì sera a Sassari, dove, per gara-1, si ripeterà in pratica il medesimo copione della partita disputata appena una settimana prima: stesso campo di gioco, stesse squadre, stesso pubblico. Ma del tutto diverso sarà lo stato d'animo degli attori sul campo di gioco, perchè essi sanno bene che ogni partita si giocherà con il coltello tra i denti, ognuna delle possibili cinque partite potrà essere completamente diversa rispetto alle altre, con i giocatori che sputeranno sangue sul campo pur di strappare all'avversario due punti che, oltre a significare vittoria accertata, possono rappresentare un vantaggio psicologico determinante.

giovedì 15 maggio 2014

NANDO MARINO SARA' IL PROSSIMO PRESIDENTE DELLA LEGABASKET?

Nando Marino insieme al presidente della Legabasket, Gianni Petrucci, nel palasport Pentassuglia

Ma cosa sta accadendo in casa bianco-azzurra dell'Enel Basket Brindisi? Dopo le meraviglie compiute dalla squadra di Piero Bucchi nel corso di questa stagione sportiva - che sta ormai per approdare alla serie dei play-off per lo scudetto tricolore - i giornali stanno tenendo in gran conto la partecipazione di Brindisi in Lega A (tra l'altro, il suo G.M. Alessandro Giuliani è stato insignito del premio come miglior dirigente della Lega) e oggi parlano addirittura di un possibile avvento di Nando Marino sulla poltrona della Presidenza della Legabasket, il cui presidente uscente è Valentino Renzi. Qui, nella foto di Maurizio De Virgiliis per conto di Agenda Brindisi, vediamo Gianni Petrucci, il presidente della Federbasket, insieme a Marino in una sua recente presenza al palasport Pentassuglia. Che sia stato un segnale premonitore, questo documento fotografico, quasi fosse un passaggio di consegne autorizzato dal presidente della FIP? Magari fosse vero, anche se lo stesso giornale che riporta oggi la notizia - la Gazzetta dello Sport - parla di un possibile accordo delle tre squadre più forti del campionato, Milano, Cantù e Sassari, che si sarebbero trovate d'intesa sul nome di Nando Marino. 

mercoledì 14 maggio 2014

STORIA DELLA PALLACANESTRO BRINDISINA DAL DOPOGUERRA FINO AL FENOMENO NEW BASKET BRINDISI

Palestra Galiano, gioca la Libertas di Elio Pentassuglia, ripreso nella foto al centro della lunetta

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questa bella ed interessante inchiesta di Piero Andrioli, un brindisino che ama come pochi il basket della propria città. Piero è andato a spulciare con certosina attenzione tanti aspetti  reconditi, sfuggiti ai più, degli albori della pallacanestro brindisina, quando si giocava ancora all’aperto, spesso anche sotto le intemperie, e con la “pallonessa” al posto dei palloni perfettamente rimbalzanti in uso ai giorni nostri. Speriamo che questo bel lavoro compiuto da Andrioli in più puntate incontri il favore dei nostri lettori.


di Piero ANDRIOLI

Premetto che in questo momento splendente della New Basket Brindisi targata Enel, culminato con la meravigliosa qualificazione ai playoff per lo scudetto con il 5° posto, ho ritenuto opportuno proporre agli appassionati brindisini un panorama completo dei primi passi compiuti dalle società brindisine di basket durante e subito dopo il periodo bellico della 2^ guerra mondiale. Grazie agli archivi online della Gazzetta del Mezzogiorno, del Corriere dello Sport e della Gazzetta del Sud, ho potuto ricostruire dal punto di vista storico e statistico tutte le stagioni delle squadre brindisine impegnate nei vari campionati nazionali e regionali dal dopoguerra ad oggi, con risultati, classifiche e formazioni.
Un doveroso grazie rivolgo a Pompeo Barbiero, che mi ha offerto i suoi spazi per pubblicare questo scritto e un ringraziamento anche a Marco Salonna che ha collaborato con me per quanto riguarda gli anni che vanno dal 1980 fino all'avvento della New Basket Brindisi.  Altra fonte di ispirazione è stato il bellissimo libro di Daniele Poto “Brindisi Basket:  Il romanzo di cinquant'anni di passione”, che invito tutti a leggere (lo trovate nella biblioteca provinciale).

domenica 11 maggio 2014

BRINDISI CONTRATTACCA BENE PER UN QUARTO D'ORA, POI FINISCE LA BENZINA E SASSARI LO AZZANNA ALLA GOLA


La bellissima foto di Brindisi Basket City, che ritrae Jerome Dyson in un fantastico episodio di levitazione nella gara contro Pesaro, deve ammonire squadra, tecnici e tifosi che i "miracoli" sono ormai finiti con l'eccellente quinto posto in classifica conseguito e che, come ha dimostrato stasera la gara di Sassari, d'oggi in avanti non si dovrà più sbagliare, pena l'esclusione immediata dalla stagione dei play-off.  Da martedì mattina si dovrà tornare a lavorare sodo in campo e in palestra e non dovranno più essere commessi errori incredibilmente stupidi, come quello del "tecnico" che si è procurato Campbell, episodio dal quale poi è cominciata la rimonta progressiva e inarrestabile di Sassari. Fino a quel momento, Brindisi aveva giocato benissimo tenendo in scacco i tiratori sardi con una difesa ben orchestrata. In sette minuti si è passati dal 25-35 per Brindisi al 47-41 per Sassari, con un parzialone negativo di 22-6, che ha ridato fiato e nuova linfa ai padroni di casa, ai quali non è parso vero di ricevere regali così munifici e autolesionistici. Sassari, poi, è schizzata via sempre più in alto e Brindisi non ha più avuto la forza di rimediare. 

sabato 10 maggio 2014

SASSARI E BRINDISI SI CONTENDONO IL QUARTO POSTO IN CLASSIFICA



Il presidente di Brindisi, Nando Marino
Il presidente di Sassari, Stefano Sardara
C'è un feeling sempre più stretto che avvolge ormai le due squadre di Sassari e di Brindisi, eterne rivali, ma, nello stesso tempo, legate da forte amicizia e stima reciproca. I rispettivi presidenti, Stefano Sardara e Nando Marino, entrambi giovani, buoni amici, dirigenti ambiziosi e propositivi, rappresentano assai bene l'immagine di queste due società che hanno compiuto il medesimo cammino, prima dominando in Legadue e poi assestandosi nel migliore dei modi anche nella serie maggiore. Ora si sono infilate, con pieno diritto, nella cerchia delle "grandi" della Lega A e vogliono sedersi accanto alle società che hanno fatto la storia del basket italiano - Milano, Siena, Cantù, Roma, Varese - con le quali hanno combattuto a viso aperto e senza timori di sorta, spesso prevalendo e sopravanzandole in classifica.

venerdì 9 maggio 2014

PIERO BUCCHI VUOLE CONFERMARE BULLERI ANCHE PER LA PROSSIMA STAGIONE

Massimo Bulleri tira in sospensione contro Pistoia

Massimo Bulleri verrà confermato dall'Enel Basket Brindisi anche per il prossimo campionato. Pur se non è ancora ufficiale, la notizia l'ha data lo stesso Piero Bucchi nel corso del solito incontro del venerdì pomeriggio al cospetto dei rappresentanti della stampa, quando così ha dichiarato: “Per la prossima stagione voglio tenere ancora il Bullo. Nonostante la serietà dell’infortunio al ginocchio, secondo me vale la pena rischiare. Anche la società pare essere intenzionata a confermarlo, tanto è vero che tra poco parlerà con lui. Da parte nostra c’è tutta la volontà di riconfermarlo, anche perchè la sua voglia di giocare e di spendersi in favore della squadra è la stessa da 20 anni in qua. So bene cosa lui può ancora dare alla squadra”. Infatti, nel corso di questo campionato, Bulleri ha fornito un aiuto importante, se non proprio fondamentale, a Bucchi fungendo in pratica da allenatore in campo e da calmiere per "cavallo pazzo" Dyson, nei momenti in cui Dyse andava fuori giri e aveva bisogno di essere avvicendato. 

IL 2° MEMORIAL "MELISSA BASSI" SI TERRA' IL 25 MAGGIO PRESSO LO STADIO "F.FANUZZI" DI BRINDISI



Sono trascorsi quasi due anni dall’attentato del 19 maggio 2012, davanti alla scuola “Francesca Morvillo Falcone” di Brindisi, nel quale rimase uccisa la studentessa di 16 anni Melissa Bassi e ferite nove studentesse del medesimo Istituto. Mercoledì 7 maggio si è tenuta presso la Provincia di Brindisi una conferenza stampa relativa al  Memorial di calcio ‘Melissa Bassi’, nel corso della quale gli organizzatori hanno illustrato le novità di questa 2^ edizione. Come è ormai noto, si tratta di un torneo benefico di calcio al quale parteciperanno le squadre rappresentative delle forze dell’ordine di Brindisi e delle istituzioni locali. L'apertura della manifestazione si terrà alle ore 9,00 del  prossimo 25 maggio presso lo stadio "Franco Fanuzzi" di Brindisi.
A presentare la manifestazione è stato il commissario straordinario della Provincia, Cesare Castelli, mentre le squadre che hanno aderito all’iniziativa sono quelle di Polizia Penitenziaria- Magistrati, Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Polizia Municipale – Comune di Brindisi e di Mesagne, Avvocati, Marina  Militare, Vigili del Fuoco, Aeronautica Militare e Ungsc (United Nation Global Security Centre).

lunedì 5 maggio 2014

UN BRINDISI DISTRATTO E SCIUPONE SI FA BATTERE IN CASA DALL'ULTIMA CLASSIFICATA

Il presidente dell'Enel Basket Brindisi, Fernando Marino

Alla fine della partita tra Brindisi e Pesaro, terminata con la pesante sconfitta della sua squadra, il presidente Fernando Marino è stato visto uscire dal palasport Pentassuglia fortemente adirato e con un'espressione del volto che non prometteva certamente nulla di buono. E ne aveva ben d'onde, il massimo responsabile della società, visto che, a causa del risultato di ieri sera, l'inserimento di Brindisi nella griglia dei play-off rischia seriamente di essere penalizzata rispetto alle previsioni. Sarebbe bastato, infatti, che Brindisi avesse vinto con Pesaro, secondo le più facili previsioni, perchè si classificasse al quarto posto assoluto in seguito alla sconfitta di Sassari a Milano, puntualmente avvenuta. Si sarebbe avuto così Brindisi al 4° posto e Sassari al 5°. L'assunto era di una facilità estrema, soprattutto se poi si andava a considerare tutto quello che esso comportava: cioè, nei playoff, che avranno inizio il prossimo 19 maggio sia per Brindisi che per Sassari, Brindisi avrebbe avuto la possibilità accertata di giocare subito due volte di seguito in casa e avrebbe poi goduto, in caso di arrivo alla quinta partita sul 2-2, del diritto acquisito di giocarsi lo spareggio in casa propria grazie a quel quarto posto. Insieme a questo rilevante aspetto di natura tecnica, l'eventuale spareggio sul parquet del Pentassuglia avrebbe comportato un beneficio enorme per la società sul piano economico, potendo contare ipoteticamente su un terzo, notevole incasso che avrebbe riempito enormemente le esigue casse societarie. Per farla breve, questa inopinata sconfitta di Brindisi con Pesaro rischia di mandare a monte per la società un prevedibile incasso di un centinaio di migliaia di euro.

domenica 4 maggio 2014

LE PAGELLE DI POMPEO BARBIERO


                                        LE PAGELLE DI BRINDISI - PESARO: 70 -74


Andrea ZERINI: voto 7,5. Ne avessimo altri cinque di giocatori come Zerini, Brindisi starebbe stabilmente in testa alla classifica. In una serata in cui gli americani hanno fatto flanella in difesa credendo di farsi un sol boccone dell'ultima classificata della serie A, Andrea è stato l'unico che ha saputo interpretare fino in fondo il proprio ruolo di "rottamatore" del gioco altrui lavorando come un negro (absit iniuria verbis!!!) in difesa, ma pure prendendosi belle soddisfazioni in attacco e togliendosi un paio di volte lo sfizio di attaccare con buoni risultati l'impossibile Anosike (25 rimbalzi e 33 di valutazione). Insomma, quanto di buono sta compiendo in questo campionato l'umile ma determinato Zerini, merita di essere considerato anche più di quanto stanno rendendo americani  che non s'impegnano più di tanto quando giocano contro squadre che stanno in fondo alla classifica.

sabato 3 maggio 2014

BRINDISI ESORDIRA' NEI PLAY-OFF QUASI CERTAMENTE LUNEDI' 19 MAGGIO



L’Enel Basket Brindisi esordirà nei play-off scudetto il prossimo lunedì 19 maggio, nel caso dovesse classificarsi al quarto o al quinto posto – come sembra ormai sempre più probabile - al termine della stagione regolare. La decisione è scaturita dalla volontà espressa dalla EA7 Emporio Armani Milano, prima classificata, che ha scelto di iniziare i playoff  lunedì 19 maggio, data nella quale incontrerà nella prima gara dei quarti di finale la squadra che si classificherà ottava. Oltre a questo accoppiamento, nella stessa data, si affronteranno appunto anche la quarta e la quinta classificata (molto probabilmente Brindisi e Sassari) del tabellone alto. Il giorno dopo, martedì 20 maggio, scenderanno in campo le quattro squadre che compongono il tabellone basso e cioè seconda contro settima e terza contro sesta. Quest’anno, i quarti di finale si disputeranno al meglio delle cinque gare, con le prime due in casa della meglio classificata, le due successive in casa della peggio classificata e la quinta in casa della meglio classificata. Semifinali e finale si giocheranno, invece, al meglio delle sette gare.

40' DI FUOCO DOMANI AL PENTASSUGLIA: BRINDISI PUNTA AL 4° POSTO, PESARO SI GIOCA LA SALVEZZA

Piero Bucchi esorta i propri giocatori al massimo impegno contro Pesaro

Piero Bucchi dovrà ritrovare in fretta l’immagine migliore e più efficiente della sua squadra se vorrà rintuzzare efficacemente l’attacco deciso che, domani pomeriggio (palla a due, alle ore 17:00), Pesaro porrà in atto sul parquet del Pentassuglia. Questo confronto, che una settimana fa avrebbe avuto tutt’altra storia, ha acquisito all’improvviso un aspetto totalmente diverso. Per farla breve, domani Pesaro scenderà a Brindisi per conquistarsi una salvezza alla quale ormai più nessuno credeva. Potenza e realtà di quella tripla fantastica cercata e trovata dal suo condottiero Elston Turner a un solo secondo dalla fine della partita contro la Granarolo Bologna. Quella prodezza ha avuto il fantastico potere di svegliare dal torpore e dall’assuefazione una città intera, quella Pesaro che oggi staziona incredibilmente in fondo alla classifica, ma che si porta appresso dovunque vada una storia pesante e gloriosa fatta di splendidi trofei nazionali ed europei. Sandro Dell'Agnello e i suoi prodi giocheranno all'arma bianca e con il massimo impegno per cercare di conquistarsi due punti che per loro potrebbero significare salvezza certa se Montegranaro restasse ferma in classifica nelle ultime due giornate.