mercoledì 30 aprile 2014

PESARO VERRA' A BRINDISI PER VINCERE, MA L'ENEL DI PIERO BUCCHI VUOLE IL QUARTO POSTO

Michael Umeh nella gara d'esordio di Siena con la maglia bianco-azzurra

Quello splendido tiro da tre punti realizzato a 1" dalla fine dal pesarese Elston Turner contro la Granarolo Bologna, domenica scorsa, ha dato a Pesaro una clamorosa e insperata vittoria, ma, nello stesso tempo, ha creato un'infinità di problemi non solo al Montegranaro di Charlie Recalcati, ma pure all'Enel Basket Brindisi di Piero Bucchi. Con quel tiro,Turner ha rimesso in gioco le ormai sopite speranze di salvezza della sua squadra, che adesso potrà ancora tentare di salvarsi nelle prossime due partite a danno della Sutor, dalla quale ora dista soltanto due lunghezze, avendo per altro il vantaggio della differenza canestri nel caso in cui entrambe dovessero arrivare alla pari nel punteggio alla fine della regular season il prossimo 11 maggio.
Per il Pesaro di Sandro Dell'Agnello, ma soprattutto per i suoi tifosi questa vittoria è valsa come una salutare frustata di orgoglio che ha colpito tutto l'ambiente, tanto che i giornali quotidiani locali parlano di riscossa da parte della tifoseria, che si è svegliata dal torpore e intende essere presente in massa domenica prossima a Brindisi, dove squadra e tifosi vogliono cercare a tutti i costi la vittoria al fine di recuperare subito i due punti di svantaggio nei confronti di Montegranaro.

domenica 27 aprile 2014

SIENA BOCCIA BRINDISI, MA LA SCONFITTA DI SASSARI LA RIPORTA CLAMOROSAMENTE IN LIZZA PER I PLAY-OFF

L'espressione di Piero Bucchi rivela tutta la sua amarezza per la dura sconfitta di Siena

Siena è ancora troppo lontana dalle mire dell'Enel Basket Brindisi. Come già accadde a Milano contro l'Armani, nella prima giornata del girone di ritorno, il campo ha dichiarato impietosamente che tra le due squadre il divario è ancora netto e implacabile. La Montepaschi si è confermata squadra di EuroLeague, tosta, compatta, di un altro pianeta, insomma. Brindisi, invece, deve crescere ancora di un bel po' per riuscire a starle vicina. In questo senso, la classifica, che teneva Siena e Brindisi alla pari a 36 punti, si è rivelata del tutto bugiarda. Ciò non toglie, tuttavia, neppure una virgola allo strepitoso campionato che Brindisi ha condotto fino a questo punto. 28 partite disputate fino ad oggi hanno premiato l'impegno e l'assiduità dei sacrifici svolti da Piero Bucchi e dai suoi bravi giocatori, ai quali le sorti del torneo hanno dato e tolto in egual misura. Se è vero che il Brindisi visto a Siena ha fatto la figura dello scolaretto messo dietro la lavagna, va pure riconosciuto che, fino a quando ha giocato con il roster al completo - soprattutto con Bulleri in campo - il Brindisi ha dato l'impressione di essere una formazione solida e ambiziosa, degna di potersi sedere al tavolo delle grandi del campionato.

LE PAGELLE DI POMPEO BARBIERO

Delroy James, il migliore dei suoi nella disfatta di Siena


                                           LE PAGELLE DI SIENA - BRINDISI: 84 - 66

Delroy JAMES: voto 7. E' stato il migliore della squadra, il più efficace, soprattutto nel corso del 2° quarto, quando con le sue ottime iniziative dal perimetro ha riportato sotto nel punteggio la squadra, fino al -6 (34-40). Poi, nella ripresa, il gioco di squadra è sparito del tutto e Siena ha ripreso il sopravvento. Per Delroy parlano bene anche le cifre: 21 di valutazione, 7/12 al tiro e 8 rimbalzi rappresentano per intero la sua buona partita.

Folarin CAMPBELL: voto 6,5. Anche lui si è dato un gran da fare, ma ha dovuto subire, come gli altri, il predominio di Siena, che ha dimostrato di avere un altro passo rispetto a Brindisi. Folarin, però, si è battuto fino alla fine con decisione e coraggio.

Jerome DYSON: voto 5. Brutta partita di Jerome, soprattutto nella 2^ parte della gara, quando c'era da sfruttare l'ottimo finale del 2° quarto per riportarsi ancora sotto. Ma Dyson non c'era più, è venuto a mancare il timoniere e la barca è colata a picco progressivamente.

sabato 26 aprile 2014

SIENA E BRINDISI SI CONTENDERANNO DOMANI IL 2° POSTO DELLA CLASSIFICA DI LEGA A

Jerome Dyson semina il panico nella difesa senese 

E' scontro al vertice quello che metterà di fronte domani sera, sul parquet senese del Pala Estra di viale Sclavo, Montepaschi Siena ed Enel Basket Brindisi. Le due squadre metteranno in palio il 2° posto che le accomuna nell'odierna classifica della Lega A. Quella delle due contendenti che uscirà vittoriosa da questo durissimo confronto continuerà ad inseguire la capolista ormai irraggiungibile EA7 Armani Milano insieme ai canturini dell'Acquavitasnella, che potranno far meglio fruttare un calendario finale assai più facile delle altre. Sulla carta, il confronto tra Siena e Brindisi appare impari se si tiene conto del ricchissimo palmarès e dei nomi di grido che ancora oggi Siena può vantare rispetto ai più giovani e imberbi brindisini. Ma, a questo punto del campionato, discorsi di questo tipo lasciano spesso il tempo che trovano, perchè sul campo di gioco conteranno al di sopra di tutto mentalità vincente e forza fisica. Chi avrà più benzina nelle gambe e motivazioni più efficaci quasi sempre riuscirà ad avere la meglio.

DOPO JAMES E TODIC ANCHE JEROME DYSON E' STATO PREMIATO COME BEKO MVP DEL MESE DI FEBBRAIO 2014

Jerome Dyson viene premiato dal direttore sportivo Renato Nicolai come Beko MVP del mese di Febbraio 2014

L'ambaradan mediatico scaturito dall'anticipo della partita contro Avellino di domenica scorsa e la "febbre" che aveva colpito un po' tutti per l'arrivo a Brindisi di Michael Umeh avevano fatto passare quasi inosservato un evento importante che si era registrato prima dell'inizio della gara con la Sidigas. E sì, perchè è arrivato un ulteriore premio di riconoscimento al fantastico campionato che l'Enel Basket Brindisi sta conducendo a latere del titolo di Campione d'Inverno per la serie A, della qualificazione alle Final Eight e dell'ennesima conferma del 2° posto in classifica della Lega A, dietro l'EA7 Armani Milano e a pari merito con Montepaschi Siena e Acquavitasnella Cantù. Infatti, dopo quelli di James e di Todic, è arrivato il riconoscimento del premio Beko mensile anche per Jerome Dyson, al quale, come si può vedere nella foto, il direttore sportivo Renato Nicolai ha consegnato la targa riconosciutagli dalle scelte di tutti gli sportivi italiani per il mese di Febbraio 2014.

giovedì 24 aprile 2014

ECCO L'ANNUNCIO UFFICIALE DELL'ARRIVO A BRINDISI DI MICHAEL UMEH

Bel jump di Michael Umeh con la maglia di Trento in Legadue

Puntuale e preciso è arrivato alle 11,38 di questa mattina il comunicato stampa della società, che annuncia l’ingaggio ufficiale della nuova combo-guard  bianco-azzurra e la conferma del suo esordio contro Siena di domenica prossima. Ecco la versione integrale del dispaccio societario: “L’Enel Basket Brindisi comunica d’aver ingaggiato sino al termine della stagione il giocatore Michael Daniel Chukwuma Umeh, nato a Houston (Texas) il 18 settembre 1984, nazionalità sportiva nigeriana, statura 188 cm, peso 89 kg, ruolo play-guardia. Umeh ha maturato le prime esperienze nel college a UNLV (Nevada – Las Vegas) per poi trasferirsi nel 2009 in Europa. Ha indossato la maglia del Menorca e del Murcia nella seconda divisione spagnola, contribuendo in entrambe le occasioni alla promozione nella massima serie. Quindi, nel campionato 2011/12, è tesserato, sempre in Spagna, dal Valladolid, ma vi rimane per poche settimane passando nella Bundesliga tedesca, dove si mette in luce con la maglia dei New York Phantoms con 12.2 punti (51% da due, 37% da tre) di media in 27’ di gioco. Nel 2012/13 giunge in Italia e gioca un’ottima stagione di Legadue a Trento, raggiungendo le semifinali dei play-off (24 partite, con la media di 31 minuti giocati e 16,3 punti segnati con il 50% da 2 e il 38% da 3).

mercoledì 23 aprile 2014

DOMANI MICHAEL UMEH DIVENTERA' UN GIOCATORE DI BRINDISI

Michael Umeh, la nuova combo-guard dell'Enel Basket Brindisi

Michael Umeh - che vediamo in questa foto, quando era ancora un giocatore della Bitum Calor Trento di Legadue - dovrebbe arrivare a Brindisi nel primo pomeriggio di domani. Stasera, infatti, la nuova combo-guard del'Enel Basket Brindisi ha disputato la sua ultima partita con la maglia della squadra israeliana del Bnei Herzliya, vincendo per 80-79 contro l'Hapoel Eilat, e domattina si metterà in volo per Roma. E' molto probabile che già nella serata di domani Umeh potrà fare la sua conoscenza con il tecnico e con i compagni di squadra, assistendo poi al successivo allenamento in modo da cominciare a mandare a memoria i nuovi schemi di gioco. Infatti, se tutto dovesse andare per il meglio, Umeh verrebbe cartellinato già da venerdì prossimo e domenica pomeriggio potrebbe essere in campo a Siena per il suo esordio nel campionato italiano di Lega A con la maglia biancoazzurra dell'Enel Basket Brindisi.

domenica 20 aprile 2014

L'ENEL BRINDISI HA BISOGNO DI TROVARE NUOVE ENERGIE



E' proprio vero che le vittorie guariscono tutti i mali e ridanno fiato ed energia a chi ha accusato pericolosi colpi a vuoto, come aveva fatto l'Enel Basket Brindisi già nella gara di Porto S.Giorgio con Montegranaro, ma soprattutto come stava dimostrando nel durissimo e incerto finale della gara con la Sidigas Avellino. L'inizio della 4^ frazione di gioco aveva portato Brindisi sul 62-50 grazie alla seconda tripla messa a segno da Delroy James, che vediamo qui ritratto nella foto di Maurizio De Virgiliis per Agenda Brindisi, mentre va a segno in lay-up contro l'avellinese Ivanov. Brindisi stava giocando un gran bel basket in quel momento, sulla spinta decisa di Folarin Campbell in regia, ma, come le era già capitato sabato scorso, d'improvviso si è bloccata, qualcosa si è inceppato nei suoi meccanismi di gioco, Lewis si è divorato due bellissime transizioni e Campbell ha perso lucidità in attacco, mentre, dall'altra parte, Avellino si rimangiava quasi tutti i 12 punti di svantaggio arrivando addirittura sul 68-69 a un paio di minuti dalla fine della gara.

sabato 19 aprile 2014

LE PAGELLE DI POMPEO BARBIERO

Delroy James e Folarin Campbell escono tra gli applausi del pubblico


                                    LE PAGELLE DI BRINDISIAVELLINO: 75 - 73

Jerome DYSON: voto 8. La partita l’ha decisa lui, il prode Jerome, con quel tiro da tre punti scoccato a poco meno di un minuto dalla fine, quando le squadre erano sul punteggio di 69-68 e Avellino stava riportandosi sotto dopo aver recuperato ben 11 punti dei 12 che Brindisi aveva conquistato ad inizio della 4^ frazione. Senza pensarci su due volte, Dyson ha tirato, fuori da ogni controllo avversario, da almeno otto metri spaccando la retina con millimetrica precisione. Si è trattato di una vera prodezza, una di quelle che riescono soltanto ai fuoriclasse, anche perché quel tiro messo a segno ha allontanato nuovamente le speranze dell’ottimo Avellino. Nel bene e nel male, Dyson risulta sempre determinante per il risultato della sua squadra. A Montegranaro provocò  una dura sconfitta, stasera ha condotto la squadra alla vittoria.

venerdì 18 aprile 2014

BRINDISI ED AVELLINO DOMANI SI CONTENDERANNO UNA VITTORIA PREZIOSA PER ENTRAMBE

Il quintetto base dell'Enel Basket Brindisi

Il campionato di Lega A riprende il cammino con la 27^ tornata di gare dopo la pausa di sette giorni fa con la disputa del confronto annuale tra una rappresentativa della nazionale italiana e il team degli All Stars composto per intero da giocatori americani. Per l'Enel Basket Brindisi si è trattato di un riposo assai relativo, visto che Piero Bucchi ha potuto avere a disposizione la squadra al completo di tutti gli effettivi soltanto da lunedì scorso, quando Zerini, James e Dyson hanno lasciato il ritiro di Ancona per fare ritorno a Brindisi. 
Domani pomeriggio, intanto, per un derby ancora una volta incerto e combattuto, scenderà sul parquet del Pentassuglia la Sidigas Avellino di coach Frank Vitucci, un avversario davvero rognoso, che negli ultimi anni ha sempre creato grossi problemi alla squadra bianco-azzurra. Nella gara d'andata, infatti, pur avendo Brindisi disputato una buona prestazione complessiva, la squadra irpina riuscì ugualmente a prevalere con il tiro della staffa del play Cavaliero a 2" dalla fine sul punteggio di 81 pari. Fu per davvero una beffa per l'Enel Brindisi, che aveva condotto per buona parte della gara con grandi meriti per gli uomini di Bucchi.

martedì 15 aprile 2014

TORNA A BRINDISI LA NAZIONALE AZZURRA DI BASKET

Andrea Zerini con la maglia azzurra
Brindisi tornerà finalmente ad ospitare la nazionale azzurra. A distanza di vari anni, dall'ultimo impegno della nazionale contro la Lettonia, le casacche azzurre dell'Italia Sperimentale faranno ritorno a Brindisi. Questo accadrà il prossimo 24 giugno, quando l'Italia Sperimentale affronterà la Francia sul parquet del Pentassuglia brindisino, in fase di preparazione al viaggio in Cina, dove la squadra di Simone Pianigiani disputerà alcuni tornei internazionali. Il 22 giugno prossimo avrà luogo a Brindisi il raduno collegiale degli azzurri, cui faranno seguito due giorni di allenamenti e la partita contro i francesi. Il 26 giugno, poi, la squadra si sposterà a Taranto, dove affronterà nuovamente la Francia. Il giorno successivo, quindi, la squadra si trasferirà a Roma, dove proseguirà il ciclo di preparazione prima di imbarcarsi per la Cina il 29 giugno.
Qui, poi, dal 1° di luglio al 13 successivo, la Sperimentale azzurra sosterrà tre tornei consecutivi, nel corso dei quali il coach degli azzurri avrà la possibilità di fare una buona scrematura tra i vari componenti di questa squadra, la stessa che, proprio domenica scorsa, sul parquet del Pala Rossini di Ancona, ha battuto nettamente (76-59) la squadra degli All Stars americani.

PIERO BUCCHI RINNOVA IL CONTRATTO CON BRINDISI PER ALTRI DUE ANNI

Piero Bucchi, il tecnico dell'Enel Basket Brindisi

Piero Bucchi ha rinnovato per altri due anni il contratto con la società New Basket Brindisi. La firma è stata apposta nella prima mattinata di oggi, alla presenza del presidente Nando Marino e di Massimo Bernardi, il procuratore del tecnico bolognese, che era stato visto in città già dalla giornata di ieri. Come era ormai facilmente prevedibile, tra le due parti non c'è stata alcuna difficoltà nel raggiungere l'intesa, vista la reciproca fiducia e la massima considerazione che hanno sempre contraddistinto il tecnico e la società. Bucchi aveva sempre sostenuto di trovarsi meravigliosamente a Brindisi, sia per la posizione geografica di città di mare, che lui ha sempre prediletto, sia per l'apprezzata compartecipazione della gente brindisina alle sorti della propria squadra. La società, dal canto suo, si è sempre dichiarata fiera di averlo come allenatore, visto che Bucchi l'ha riportata in serie A, le ha fatto vincere una Coppa Italia di Legadue, l'ha portata per ben due volte nelle Final Eight di Lega A, ha conquistato la salvezza nello scorso campionato e, in quello del corrente anno, l'ha già portata nei play-off raggiungendo così il primo obiettivo che essa si era posta, con sei giornate di anticipo.

lunedì 14 aprile 2014

ITALIA - ALL STARS: ZERINI VINCE E CONVINCE, MENTRE DYSON E JAMES DELUDONO

Andrea Zerini, nella foto con coach Andrea Capobianco

La partita tra la Nazionale Italiana e la squadra degli All Stars, composta dagli stranieri presenti nella Lega A del campionato, passerà certamente alla storia come una delle più brutte dal punto di vista tecnico - tanto è vero che ha visto prevalere i giovani azzurri per 76 punti contro i miseri 59 della squadra all USA - ma resterà comunque gradita a tutti i baskettari brindisini per un unico pregio: quello di aver avuto tre suoi giocatori presenti nel roster delle due squadre. Infatti, nella squadra degli azzurri era presente Andrea Zerini, mentre in quella degli stranieri figuravano Jerome Dyson e Delroy James. Se i due americani dell'Enel Basket Brindisi sono risultati alquanto in ombra, l'esordiente Zerini ha disputato una prova più che soddisfacente e assai interessante soprattutto per quanto ha riguardato la sua prestazione difensiva. Intanto, va detto che Zerini è stato, insieme a Luca Vitali, il giocatore che coach Pianigiani ha tenuto più a lungo sul parquet: esattamente 19', pur non essendo entrato nel quintetto iniziale.

sabato 12 aprile 2014

DOMANI ANCONA OSPITERA' IL GRAN BEL CONFRONTO TRA ALL STARS E LA NAZIONALE AZZURRA DI PIANIGIANI



Domani pomeriggio, a partire dalle ore 17,30, la Nazionale Azzurra si confronterà con i giocatori stranieri del campionato italiano di Lega A per dar vita all'ennesima edizione del Beko All Star Game, la solita kermesse annuale organizzata dalla Lega A. La partita verrà trasmessa in diretta sui teleschermi di Raisport-1 e  in streaming su Gazzetta.it. A dirigere gli All Stars sarà Marco Crespi, tecnico della Montepaschi Siena, mentre sulla panchina italiana siederà coach Simone Pianigiani.
Il roster degli All Stars sarà composto da Drake Diener (Banco di Sardegna Sassari), James White (Grissin Bon Reggio Emilia), Jeff Brooks (Pasta Reggia Caserta), O.D. Anosike (Vuelle Pesaro), Donell Taylor (Umana Venezia), Marquez Haynes (Montepaschi Siena), Joe Ragland (Acqua Vitasnella Cantù), Deron Washington (Giorgio Tesi Pistoia), Chris Roberts (Pasta Reggia Caserta), Edward Daniel (Giorgio Tesi Pistoia) Delroy James e Jerome Dyson (Enel Brindisi).

martedì 8 aprile 2014

ANCHE JEROME DYSON PARTECIPERA' ALLA GARA DELL'ALL STAR GAME DI ANCONA

Jerome Dyson, qui al tiro contro Pistoia, farà parte dell'All Star Game di Ancona

Anche Jerome Dyson ha ricevuto la convocazione per la partita dell'All Star Game. Dopo quella di Delroy James e di Andrea Zerini, è così arrivata la terza convocazione di giocatori dell'Enel Basket Brindisi per questa manifestazione che si tiene ogni anno tra i migliori giocatori stranieri del campionato, opposti alla nazionale azzurra. Questo è davvero un altro, sia pur piccolo successo per la squadra brindisina, a riconoscimento di quanto essa stia compiendo nel corso di questo meraviglioso campionato. La kermesse annuale questa volta verrà disputata nel Pala Rossini di Ancona nel pomeriggio di domenica 13 aprile, che coinciderà con la sosta per un turno del campionato di Lega A. La partita verrà ripresa in diretta dalle telecamere di Raisport 1 e verrà irradiata pure sui teleschermi del Digitale Terrestre.

sabato 5 aprile 2014

LE PAGELLE DI POMPEO BARBIERO



                                LE PAGELLE DI MONTEGRANARO – BRINDISI: 83-80

Delroy JAMES: voto 6,5. Il 20 in valutazione complessiva la dice tutta su chi è stato il migliore in campo dei suoi. Ha lavorato bene, ha lottato come nelle giornate migliori, diventando nel finale anche il quasi-risolutore della gara. Peccato, perché Brindisi ha perso un’occasione unica per compiere un buon salto in classifica.

Darryl JACKSON: voto 6,5. Più che buona la sua partita. Ci aveva messo tutta la sua esperienza e il suo senso dell’ordine nel guidare la squadra, aggiungendoci per di più due triple deliziose, che avevano riportato a galla la squadra. Nel finale avrebbe meritato di esserci lui al posto di un Dyson davvero scellerato.

Michael SNAER: voto 6,5. E’ stato tra i pochi che si sono salvati, lavorando discretamente in difesa e facendosi apprezzare in buoni attacchi nell’ultima frazione. Ma poi la palla non gliel’hanno più data. 

BUCCHI E DYSON FANNO HARAKIRI E MONTEGRANARO VOLA VERSO LA SALVEZZA



Le scelte di Piero Bucchi una volta tanto non sono state felici come in tante altre occasioni. Contro Montegranaro è venuto a mancare più di qualcosa nella squadra, soprattutto in difesa, dove si sono aperti troppo spesso varchi incredibilmente ampi e facili per gli attaccanti marchigiani, dove Campani, Sakic e Mazzola hanno imposto una netta supremazia al rimbalzo catturando addirittura 19 rimbalzi offensivi e 41 complessivi contro i 29 di Brindisi. Dov'era finita nel frattempo la squadra-rivelazione del campionato? Dov'era finita la superdifesa che abbiamo visto risolvere le partite in tante occasioni? Sono davvero tanti gli interrogativi che sono venuti fuori da questa inopinata sconfitta e che non hanno avuto una risposta logica se si considera che la Sutor era una squadra in piena crisi, sia pure formata da giocatori decisi a tutto pur di raggiungere una salvezza ancora lontana.

venerdì 4 aprile 2014

A PORTO S.GIORGIO L'ENEL BASKET BRINDISI VUOL DIFENDERE IL SUO 2° POSTO CON UNA BELLA VITTORIA

Ecco la squadra dell'Enel Basket Brindisi, mentre esce tra gli applausi dopo la vittoria di Pistoia

Apro questo mio articolo rendendo onore al gesto tanto clamoroso quanto generoso compiuto quest'oggi dal direttore generale e dall'allenatore della Sutor Montegranaro nei confronti della società di appartenenza. Conoscendo le grandi difficoltà economiche vissute in questo momento dalla società marchigiana, il diggì Alessandro Santoro e il tecnico Carlo Recalcati hanno deciso di ridursi entrambi lo stipendio per venire incontro alle enormi difficoltà vissute dalla società. Come si sa fin troppo bene, da vari mesi la situazione societaria del presidente Basso e dei suoi soci è andata sempre più a fondo, al punto che, per pagare gli stipendi e per essere in linea con le incombenze societarie nei confronti della Lega, la Sutor ha dovuto privarsi del playmaker Mayo e dei lunghi Collins e Skeen, indebolendo notevolmente la forza della squadra. Nonostante ciò, tuttavia, dirigenti e giocatori non sono arretrati di un passo e stanno portando avanti il campionato facendo ricorso a tutto il proprio impegno, tanto è vero che sono addirittura andati a vincere a Varese e, in casa loro, stanno lottando fino all'estremo delle proprie forze nel tentativo di salvarsi.

martedì 1 aprile 2014

ANDREA ZERINI CONVOCATO IN NAZIONALE AZZURRA PER FAR PARTE DELL'ALL STAR GAME

Andrea Zerini va a canestro in lay-up contro Pistoia

Andrea Zerini è stato convocato in Nazionale Azzurra per prendere parte al Beko All Star Game 2014 (del quale farà parte anche il brindisino Delroy James, che giocherà nelle file degli All Stars) che si disputerà ad Ancona il prossimo 13 aprile. Per l'occasione sarà sospeso il campionato di serie A, che effettuerà un turno di riposo. Zerini era stato già visto e seguito da coach Simone Pianigiani in alcuni concentramenti azzurri alla fine della stagione scorsa, ma, a convincere il tecnico azzurro dei grandi progressi compiuti dal pivot brindisino di Firenze, sono state certamente le sue recenti prodezze con la maglia dell'Enel Basket Brindisi. Zerini fa ormai parte integrante del quintetto base di Brindisi in serie A e va inserendosi sempre più stabilmente nel gruppo dei giovani più promettenti che possano interessare in chiave azzurra.