domenica 2 marzo 2014

LE PAGELLE DI POMPEO BARBIERO


                                       LE PAGELLE DI BRINDISI - VARESE: 96 - 70

Delroy JAMES: voto 9. Il gladiatore è tornato ed è ancor più forte di prima. Delroy ha disputato una grandissima partita, sicuramente la più bella e ricca di spunti e di preziosità incredibili per un giocatore esordiente in Lega A. Ha distrutto i suoi marcatori con tutta quella serie di arrembaggi in area, conclusi con preziosismi (10/14, la sua percentuale al tiro da sotto) che soltanto lui riesce a compiere. Il premio migliore è stato quello di aver avuto la miglior valutazione complessiva della 21^ giornata di Lega A, con 39 punti, frutto di 27 punti segnati e 11 rimbalzi, 3 stoppate, 7/7 ai tiri liberi, ma soprattutto, con una facilità di gioco e d'azione che ha destato lo stupore dei 3500 inquilini del Pentassuglia. E' sembrata fin troppo evidente e naturale la leadership che i compagni gli hanno riconosciuto.

Jerome DYSON: voto 8. Come al solito, Dyson non finisce mai di stupire. Parte sempre lento come un diesel, con una freddezza e una nonchalance che destano il sospetto che si sia alzato da poco dal letto, salvo poi esplodere all'improvviso come la testa di un cobra che ti azzanna all'improvviso. Per due quarti di gara, Jerome ha vivacchiato languidamente restando sempre ai margini della partita. Nel terzo quarto di gara, però, ha cominciato a produrre le sue ormai proverbiali accelerazioni che hanno seminato il panico nella difesa avversaria arrivando sempre fino in fondo a tu per tu con il canestro. 23 punti è stata la sua valutazione generale: a parte la percentuale di 8/12 da sotto, ha pure prodotto 3 recuperi di palla e 4 assist.

Andrea ZERINI: voto 7,5. Ormai Bucchi lo ha battezzato come il suo primo pivot, stante il grave ritardo di Chiotti nel recuperare la sua miglior condizione. E Andrea, per la verità, non si sta facendo pregare per ricambiare il coach con grandi prestazioni, fatte, come in questa partita, di 7 punti messi a segno nel 1° quarto e di 6 rimbalzi conquistati. Cosa si può chiedere di più ad un giocatore che avrebbe dovuto essere un "panchinaro" e che si trova, invece, gettato nella mischia con ottimi ritorni d'immagine?

Ron LEWIS: voto 7,5. Questa contro Varese è stata una delle sue più belle partite, piena di eccellenti iniziative e di grande significato. Fosse un po' più costante, questo ragazzo, sarebbe una vera iattura per le difese avversarie. 17 punti ottenuti con 6/11 al tiro dal campo e 7 rimbalzi, 3/3 dalla lunetta gli hanno procurato un buon 20 di valutazione.

Miroslav TODIC: voto 7. Lui c'è sempre e la squadra ormai lo sa. Prezioso come l'oro, ma umile come un abatino, Miro ha svolto assai bene il suo compito, pur se spesso è costretto a giocare fuori ruolo, lui che sta dimostrando di essere uno dei migliori n. 4 del campionato. Il titolo di MVP del mese di gennaio ha premiato giustamente i suoi grandi meriti. Stasera ha lavorato più in difesa che in attacco, portando tanto fieno in cascina per la squadra. La perla della sua partita è stata l'affondata a canestro in contropiede su splendido assist di Jackson, che ha fatto venir giù il palas per gli applausi a scena aperta.

Derryl JACKSON: voto 6,5. Stasera Derryl aveva addosso gli occhi di tutti e 3500 spettatori, che lo hanno vivisezionato per benino, curiosi di vedere all'opera questo ragazzo che era atterrato a Brindisi appena tre giorni prima, senza conoscere alcuno. Beh, va detto con soddisfazione che Giuliani ci ha regalato un buon prodotto, un buon comprimario, che certamente si renderà utile alla sua squadra. Molto apprezzati i suoi due assist e quelle due belle triple imbucate nella ripresa. 

Michael SNAER: voto 6,5. In attacco, questa sera, ha avuto poco spazio per mettersi in evidenza. Più di altre sere ha dovuto lavorare in difesa fornendo il solito contributo di qualità.

Folarin CAMPBELL: voto 6,5. Con l'arrivo di Jackson gli spazi per lui sono un tantino diminuiti, ma Folarin si è fatto trovare pronto assicurando alla squadra un buon contributo nel finale di gara.

David CHIOTTI: voto 6. E' parsa evidente la sua grande difficoltà a ritrovarsi in una squadra che va a cento all'ora, mentre lui sembra un paracarro a causa della sua mancanza di preparazione fisica. Comunque, il pubblico lo ha apprezzato per il suo impegno incitandolo invece di manifestare la propria disapprovazione..

Francesco MORCIANO e Gianmarco LEGGIO: s.v. Bucchi ha concesso ai due ragazzini un minuto di partita per dar loro la soddisfazione di giocare qualche minuto in Lega A.

Matteo FORMENTI:  n.e.

Piero BUCCHI: voto 8. La squadra ha girato come un perfetto orologio dimostrando di attraversare un ottimo momento di forma. Il tecnico ha ruotato bene i suoi 9 giocatori, compreso anche l'esordiente Jackson, dopo aver preparato assai bene la partita in settimana, tenendo sempre occupata l'area e lasciando agli avversari soltanto il tiro perimetrale. Oltre questo, infatti, Varese non è mai stata pericolosa nell'area colorata, là dove si decidono sempre le partite.

LA SQUADRA: voto 8. Gran bella prova ha offerto la squadra al suo pubblico, che l'ha ripagata con un gran tifo, con applausi a scena aperta e, soprattutto, con la classica "ola" che, da quando Brindisi era tornata in Lega A, non si era mai vista al Pentassuglia. Segno evidente, questo, della grandissima soddisfazione dei tifosi e dei sostenitori brindisini.

Nessun commento:

Posta un commento