domenica 30 marzo 2014

LE PAGELLE DI POMPEO BARBIERO

David Chiotti in fase difensiva contro Siena

LE PAGELLE DI PISTOIA - BRINDISI : 65 – 75

David CHIOTTI: voto 8. Quando nessuno ormai se lo aspettava, il centro italo-americano è esploso all'improvviso diventando addirittura determinante per la vittoria della squadra, Fin da quando è entrato in campo, Chiotti è risultato decisivo, prendendo immediatamente un rimbalzo d'attacco e segnando il lay-up successivo. Quella prodezza gli ha dato la carica giusta, perchè finalmente Brindisi ha avuto il suo pivot in questa partita, l'uomo dominatore dell'area con 4 stoppate e 8 rimbalzi, ma soprattutto con un clamoroso 15 in valutazione complessiva. Insomma, roba da non credere ai propri occhi. David ha finalmente tirato fuori tutto il proprio orgoglio e la propria esperienza risultando per noi il migliore in campo della partita, l'MVP della partita.

Jerome DYSON: voto 7,5. E' stato la solita spina nel fianco della difesa avversaria, con i suoi 6 falli subiti, ma soprattutto con quelle accelerazioni esplosive che hanno creato il panico spaccando la difesa di Moretti e dando ritmo ed esaltazione ai suoi compagni. 19 punti il suo bottino, ottenuto con un buon 6/13 dal campo e 5/7 dalla lunetta, conditi da 5 rimbalzi e 2 assist, ma pure con 5 palloni regalati agli avversari. 

Delroy JAMES: voto 7,5. Si è sentita, eccome, la sua presenza in questa occasione, specie quando c'è stato da difendere e da chiudere i varchi agli avversari. Il gladiatore ha dominato al rimbalzo, con 9 carambole, ma ha completato il proprio apporto alla gara con 10 punti,1 stoppata, 1 assist e 1 recupero di palla. 

Michael SNAER: voto 7. Il rookye questa volta ha fatto breccia nella difesa avversaria, specie nella prima parte della gara, quando ha tenuto in piedi la squadra in attacco. Insomma, Snaer si è subito voluto riscattare della brutta partita di sette giorni fa con Bologna mettendo lo zampino nel finale della gara, quando occorrevano i punti dal perimetro per affossare definitivamente gli avversari.

Ron LEWIS: voto 6,5. Anche per lui questa partita ha rappresentato l'occasione del riscatto dalla delusione con Bologna. Forte al rimbalzo difensivo (6 le sue carambole) e in marcatura su Daniel e Cortese, in attacco Ron ha avuto qualche buona occasione per mettersi in luce con le proprie iniziative, ma sappiamo pure che sa fare di meglio.. 

Miroslav TODIC: voto 6,5. E' partito davvero male spadellando alla grande (0/3 dalla lunga distanza), ma poi, un po' alla volta, Miro ha saputo tirar fuori tutta la sua personalità e ha finito in crescendo mettendo dentro due triple importanti nei due ultimi quarti.

Folarin CAMPBELL: voto 6,5. Giocatore prezioso e fondamentale di questa squadra, anche questa volta Folarin ha saputo trovare il suo miglior momento nei secondi 20' lavorando bene in difesa e piazzando un paio di triple che hanno scavato il solco definitivo. 

Andrea ZERINI: voto 6,5. Si è fatto male sul più bello, proprio quando la squadra stava venendo fuori alla grande e dopo aver piazzato la sua tripla che ha aperto il campo alla squadra proiettandola definitivamente verso una grande vittoria. 

Josh JACKSON: voto 6. Questa di Pistoia dovrebbe essere stata la sua ultima partita con la maglia bianco-azzurra. Bene, Josh se ne va da vincitore, dopo aver contribuito ancora una volta ad un risultato positivo con il suo basket più cadenzato e meno frenetico. 

Stefano SAVOIA, Gianmarco LEGGIO e Francesco MORCIANO: n.e.

Piero BUCCHI: voto 8. Ha guidato la sua squadra ad una vittoria importante e decisiva di questo campionato. Non era facile venire a vincere a Pistoia, un campo minato, dove ci hanno lasciato le penne Sassari, Siena e Cantù. Brindisi è passata invece trionfalmente grazie alle alchimie tattiche di Bucchi, che ha saputo dosare per bene le tattiche difensive con quelle offensive dell'attacco alla zona motivando al meglio i propri giocatori. 

LA SQUADRA: voto 7,5. Grandissima è stata la prestazione di squadra dell'Enel Basket Brindisi, che ha saputo uscir fuori alla grande nella seconda parte della gara, proprio nei momenti cruciali, quando servivano freddezza e concretezza. Ebbene, tutti e nove i giocatori impiegati hanno fornito un apporto essenziale e decisivo per la vittoria. Un solo appunto vogliamo, però, muovere alla squadra, quello cioè dei troppi tiri liberi sbagliati. La percentuale odierna di 11/21 per il 52,4% è davvero sconfortante. Quasi tutte le partite terminano con punteggi assai ravvicinati tra le due contendenti: un tiro libero in più o in meno può anche determinare l'esito di una gara. La notizia più bella dopo questa grande vittoria è questa: da stasera, Brindisi è matematicamente nei play-off.

Nessun commento:

Posta un commento