lunedì 31 marzo 2014

A PISTOIA L'ENEL BRINDISI SI CONFERMA AL 2° POSTO ED E' GIA' QUALIFICATA PER I PLAY-OFF

David Chiotti tira in semigancio contro Pistoia

La splendida vittoria di Pistoia ha portato con sè una quantità enorme di benefici in casa dell'Enel Basket Brindisi, a cominciare dalla ormai matematica qualificazione nei play-off per lo scudetto, per finire alla "resurrezione" inattesa e stupefacente di David Chiotti. In mezzo ci sono tanti altri argomenti che hanno rappresentato la base essenziale sulla quale Piero Bucchi ed i suoi giocatori hanno costruito questo successo fondamentale per l'immediato futuro della squadra: uno per tutti, la grandissima e insormontabile difesa organizzata da Bucchi, grazie alla quale Brindisi è esplosa clamorosamente nella seconda metà della gara, quando è stata capace di affossare le velleità dei padroni di casa con un parziale di 30-42. Le zone pari e dispari disegnate sul campo dal tecnico brindisino hanno reso inerme e balbettante l'attacco di Pistoia, mentre poi, nella fase offensiva, Brindisi ha acceso la sua infuocata "santabarbara" con un esiziale 5/8 nelle triple nel solo terzo quarto, che ha raffreddato implacabilmente il bollente PalaCarrara pistoiese. Eppure, nelle ultime apparizioni casalinghe, la squadra di Paolino Moretti aveva soggiogato senza pietà, una dopo l'altra, Sassari, Siena e Cantù, mica tre scartine qualsiasi.

domenica 30 marzo 2014

LE PAGELLE DI POMPEO BARBIERO

David Chiotti in fase difensiva contro Siena

LE PAGELLE DI PISTOIA - BRINDISI : 65 – 75

David CHIOTTI: voto 8. Quando nessuno ormai se lo aspettava, il centro italo-americano è esploso all'improvviso diventando addirittura determinante per la vittoria della squadra, Fin da quando è entrato in campo, Chiotti è risultato decisivo, prendendo immediatamente un rimbalzo d'attacco e segnando il lay-up successivo. Quella prodezza gli ha dato la carica giusta, perchè finalmente Brindisi ha avuto il suo pivot in questa partita, l'uomo dominatore dell'area con 4 stoppate e 8 rimbalzi, ma soprattutto con un clamoroso 15 in valutazione complessiva. Insomma, roba da non credere ai propri occhi. David ha finalmente tirato fuori tutto il proprio orgoglio e la propria esperienza risultando per noi il migliore in campo della partita, l'MVP della partita.

Jerome DYSON: voto 7,5. E' stato la solita spina nel fianco della difesa avversaria, con i suoi 6 falli subiti, ma soprattutto con quelle accelerazioni esplosive che hanno creato il panico spaccando la difesa di Moretti e dando ritmo ed esaltazione ai suoi compagni. 19 punti il suo bottino, ottenuto con un buon 6/13 dal campo e 5/7 dalla lunetta, conditi da 5 rimbalzi e 2 assist, ma pure con 5 palloni regalati agli avversari. 

sabato 29 marzo 2014

PISTOIA E BRINDISI NUOVAMENTE A CONFRONTO: LA PRIMA PUNTA AI PLAY-OFF, BRINDISI VUOL CONFERMARE IL 2° POSTO

Andrea Zerini domina al rimbalzo contro Bologna

"L'assassino torna sempre sul luogo del delitto", recita un vecchio detto sempre in voga, specialmente nel mondo dello sport. A distanza di due campionati, infatti, l'Enel Basket Brindisi torna a giocare sul parquet del Pala Carrara di Pistoia, là dove nel giugno del 2012 passò trionfante, conquistando la promozione in Lega A alla 4^ partita dei play-off di Legadue. Ancora un incontro-scontro, quindi, tra due squadre che, negli anni scorsi, hanno sempre dato vita a contese assai sostenute in virtù di ambiziosi traguardi ai quali entrambe mirano da sempre. Ad accentuare, poi, ancor più la bellezza e la vivacità del confronto tra Pistoia e Brindisi si aggiungerà nuovamente la presenza di Paolo Moretti, il coach aretino della squadra toscana, per il quale i brevi trascorsi sulla panchina brindisina evocano di volta in volta ricordi che suscitano sempre in lui la voglia matta di prevalere sportivamente sulla squadra che gli impose il "gran rifiuto". Sta di fatto, però, che, almeno fino ad ora, per il coach pistoiese le sconfitte hanno avuto il sopravvento sulle vittorie.

lunedì 24 marzo 2014

ALL' ENEL BRINDISI MANCA SOLTANTO UN PIVOT PER FIGURARE DEGNAMENTE NEI PLAY-OFF

David Chiotti cerca di superare la difesa di Siena

E' bastata una prestazione sotto tono dell'Enel Basket Brindisi, andata ad incastrarsi incredibilmente con una prestazione decisamente sopra le righe di una Granarolo Bologna mai vista prima in trasferta, per sancire una nuova sconfitta casalinga - la seconda di questo campionato - della squadra di Piero Bucchi. Brindisi ha giocato davvero male per 35', senza alcun costrutto, esibendo una manovra disordinata nelle due parti del campo. Di solito, anche quando in attacco non ci prendeva, riusciva comunque a quadrare il cerchio con una prestazione eccellente in difesa che bastava per equilibrare le stonature offensive. Bene o male, poi, era sempre riuscita a trovare il bandolo della matassa grazie alle buone individualità di cui può giovarsi. Questa volta, però, alla stessa stregua di quanto accadde con Montegranaro, Bucchi non è riuscito a trovare il salvatore della patria brindisina che tirasse fuori la squadra da ogni impiccio. Quante volte, ora Dyson, ora James, talvolta Lewis, più spesso Campbell, erano sempre stati capaci di raddrizzare la rotta della navicella e portare comunque i due punti a casa.

domenica 23 marzo 2014

LE PAGELLE DI POMPEO BARBIERO

La faccia di Piero Bucchi è fin troppo espressiva

                                       LE PAGELLE DI BRINDISI - BOLOGNA: 68 - 77

Jerome DYSON: voto 7. Si è battuto con tutte le energie che aveva in corpo, pur se ogni tanto ha sbracato in perdita di palloni. Dyson, tuttavia, è stato l'unico, insieme a Todic, a crederci fino in fondo nella possibilità di recuperare il risultato. Il 18 di valutazione conferma questa tesi, ma pure lui ha gettato al vento troppi tiri liberi (2/6), mentre dal campo ha messo a segno un buon 7/16 per 19 punti totali.

Miroslav TODIC: voto 6,5. Miro ha lottato come un leone in questa partita dimostrando di volerci credere nella clamorosa "remuntada". E poco c'è mancato che non riuscisse per davvero, specie quando ha messo dentro la tripla del 62-68, quando mancavano ancora più di 2' alla sirena finale. 

Andrea ZERINI: voto 6. Questa sera Zero ha trovato in Jordan un osso troppo duro da rodere. Si è fatto stoppare per due volte in fase di tiro senza riuscire a trovare la continuità d'azione delle precedenti partite.

sabato 22 marzo 2014

CONTRO BOLOGNA SI PREVEDE UN BEL POMERIGGIO IN UN PENTASSUGLIA RIBOLLENTE DI PASSIONE E DI ENERGIA

Jerome Dyson in percussione contro la difesa della Montepaschi Siena

La notizia più importante di questa vigilia del confronto tra Brindisi e Bologna l'ha data Piero Bucchi in persona, quando ha confermato ieri in conferenza stampa il rientro in squadra di Jerome Dyson e di Miroslav Todic: "Finalmente abbiamo potuto allenarci a ranghi quasi completi nel corso di questa settimana e questo mi fa essere un po' più tranquillo, oltre al rientro di Dyson e Todic, che hanno avuto modo di recuperare energie preziose. Quando abbiamo la possibilità di allenarci bene durante la settimana, poi siamo in grado la domenica di affrontare con maggiore determinazione qualsiasi avversario". Del resto, quanto questi due giocatori siano mancati alla squadra si era visto proprio nella gara di Cantù, nel corso della quale erano venute meno la spinta decisiva che solo Dyson sa dare ai compagni e la solidità che Todic riesce ad assicurare sotto i tabelloni. "Contro Bologna", ha continuato poi Bucchi, "avremo così l'opportunità di giocare con nove uomini mettendo sul campo tutte le nostre energie e la grande forza che riusciamo ad esprimere specie quando giochiamo in casa nostra. Attenzione alla determinazione di  Bologna, però, che è una squadra decisa a risalire la china dopo un brutto periodo, ma che ha giocatori di talento come Warren, Walsh, Hardy, da tenere sotto stretto controllo, perchè capaci di esprimere tanta energia sul campo".

venerdì 21 marzo 2014

JEROME DYSON E' STATO ELETTO MIGLIOR GIOCATORE DEL MESE DI FEBBRAIO 2014

Jerome Dyson conclude in lay-up contro Montepaschi Siena

Jerome Dyson è stato eletto dagli sportivi italiani il giocatore M.V.P. Beko del mese di Febbraio 2014. Dyson ha ottenuto il 42.9% dei voti, davanti al sassarese Travis Diener con il 37.2% e al milanese Keith Langford, appena con il 5.1%. delle preferenze. Il fuoriclasse brindisino è così il terzo giocatore dell’Enel Basket Brindisi  del campionato 2013-2014 che si aggiudica questo grande riconoscimento tra i tifosi e gli addetti ai lavori: prima di lui, infatti, hanno conquistato l’M.V.P. Beko Delroy James nel mese di Novembre 2013 e Miroslav Todic nel Gennaio appena trascorso. Dopo il titolo di Campione d’Inverno e grazie alla presenza continua di Brindisi tra il primo ed il secondo posto della classifica di Lega A, questo ennesimo trofeo conquistato dai giocatori dell’Enel Basket Brindisi è l’immagine più bella e significativa di quanto la città di Brindisi e la sua squadra stiano compiendo nel corso di questa meravigliosa stagione sportiva.

domenica 16 marzo 2014

BRINDISI ESCE A TESTA ALTA DAL CONFRONTO IMPARI CON CANTU'

Andrea Zerini in lay-up contro Varese

                                            LE PAGELLE DI CANTU’ - BRINDISI: 84-69

Delroy JAMES: voto 7,5. Fosse dipeso da lui, avrebbe fatto di tutto per vincere questa partita. Delroy e Zerini, sono stati gli elementi più positivi e determinati della squadra, perché hanno giocato con una grinta e una volontà che è comunque servita a lasciare sul campo un’immagine più che positiva della squadra. Un’altra doppia-doppia, fatta di 13 punti e di 10 rimbalzi, lo ha fatto figurare tra i migliori in campo della partita. Ma non si possono regalare impunemente tre elementi ad una squadra forte e compatta come Cantù, che ha dovuto comunque impegnarsi a fondo per restare avanti nel punteggio e battere questa indomita squadra.

Andrea ZERINI: voto 7,5. E’ stato tra i migliori della squadra, quello che ha lottato con più vigore di tutti ed è risultato il vero punto di riferimento nelle due aree per i suoi compagni. Si è battuto come un leone tenendo sempre in scacco gli avversari, stoppando inizialmente prima Uter e poi Jenkins, e tramutando in canestri preziosi due tap-in in attacco. Insomma, Andrea si sta dimostrando in grande crescita costringendo Chiotti a fargli da scudiero. Ottimo il suo 5/7 al tiro da sotto misura.

FLAVIA PENNETTA VINCE L'INDIAN WELLS E RISALE AL 12° POSTO DELLA CLASSIFICA MONDIALE

Flavia Pennetta
Flavia Pennetta è tornata! Battendo Agnieska Radwanska per 6-2 6-1 nella finale del Torneo Indian Wells, uno dei più prestigiosi del mondo, la 32enne tennista brindisina ha conseguito il riconoscimento più importante della sua carriera, che le ha riaperto la strada per tornare nuovamente nella Top Ten mondiale. Infatti, sono numerosi i benefici che questa vittoria le ha portato: insieme al milione di dollari che Flavia ha intascato, è arrivato pure il decimo titolo della sua carriera e il 12° posto nella graduatoria mondiale WTA. Questo risultato le consente ora di riprendersi anche la seconda posizione  in Italia dopo Sara Errani. E' una Pennetta del tutto nuova e convincente quella che abbiamo visto giocare ieri e nei giorni scorsi, certamente più forte fisicamente oltre che più determinata e grintosa. Dopo aver fatto fuori con grande autorità la Stosur e la Stephens nelle sessioni precedenti, la semifinale l'aveva premiata meritoriamente ponendola a confronto con la Li, la cinese che l'aveva fatta soffrire decisamente negli ultimi anni.

sabato 15 marzo 2014

TRASFERTA DIFFICILE, QUELLA DI CANTU', PER UN' ENEL BRINDISI MALCONCIA E RABBERCIATA

Il bel jump di James Delroy, marcato dal canturino Martin Leunen, nella gara d'andata a Brindisi

Il duello individuale tra Delroy James e Martin Leunen, ripreso in questa bellissima foto di Brindisi Basket City, sarà una delle gemme più preziose del confronto al vertice tra l'Acquasnella Cantù e l'Enel Basket Brindisi di domani sera. A tal proposito, va ricordato che questa partita verrà posticipata alle ore 20,30 per essere ripresa e mandata in onda nella diretta televisiva di Raisport 1 con la telecronaca di Edy Dembiski, coadiuvato dall'opinionista Stefano Michelini. Saranno di fronte sul parquet del Pianella, per la 23^ giornata di campionato, la terza squadra contro la seconda della classifica generale della Lega A, certamente le due formazioni che maggiormente hanno impressionato nel corso di questo campionato, anche per aver contribuito in buona sostanza a schierare spesso in campo giocatori italiani (Stefano Gentile, Aradori, Cusin, Rullo per Cantù; Bulleri, Formenti, Zerini per Brindisi) insieme alla maggiore quantità di stranieri. E sarà certamente un confronto ad altissimo livello, come accadde già nella partita di andata nel Pentassuglia, quando Brindisi riuscì a prevalere per 75-74 al termine di uno scontro durissimo e incerto fino all'ultimo secondo di gara.

lunedì 10 marzo 2014

IL BRINDISI DELLE MERAVIGLIE FA SOGNARE I PROPRI TIFOSI E TUTTA LA PUGLIA CESTISTICA

Andrea Zerini supera il casertano Michelori con un lay-up di qualità

L'Enel Basket Brindisi supera in tromba anche la Pasta Reggia Caserta e rafforza ulteriormente il secondo posto in classifica alle spalle dell'Armani Jeans Milano. Questo ha dichiarato ieri sera il campo sul bollente parquet del Pentassuglia brindisino convalidando ancora una volta la difficoltà delle squadre avversarie di sbancarlo. Aver vinto questo bellissimo e durissimo confronto con la Juve Caserta, nelle difficili condizioni in cui ha giocato la squadra di Piero Bucchi, ha certamente rappresentato un premio alla forza ed alla compattezza della squadra, inteso nel senso più pieno e ricco del termine. Caserta era venuta a Brindisi con il chiaro intento di vincere la gara, in virtù di una ritrovata integrazione di squadra perfezionata con l'ultimo arrivo del playmaker Ronald Moore dopo quello del pivot ex reyerino Tony Easley. Proprio sull'asse di gioco costituito su questi due giocatori, coach Molin aveva costruito una squadra solida, capace di battere di 19 punti Avellino nel bel derby campano di domenica scorsa.

domenica 9 marzo 2014

BRINDISI FA FUORI PURE CASERTA E RESTA DA SOLA AL 2° POSTO DELLA CLASSIFICA

Assist no-look per un compagno da parte di Jerome Dyson contro Varese

LE PAGELLE DI BRINDISI - CASERTA: 64 - 53

Jerome DYSON: voto 8. Esaminando per intero la sua prestazione, si dividono in parti quasi eguali le urla di approvazione con quelle di disapprovazione da parte dei suoi tifosi. E' vero che ha perso banalmente quattro palloni e talvolta è parso confusionario e sciupone, ma, quando poi vai a vedere in qual modo Jerome ha tirato su la squadra nei suoi momenti più difficili, ti rendi conto che quel 33 di valutazione complessiva sta a significare che ancora una volta ha messo a soqquadro la difesa avversaria con le sue irrefrenabili scorribande in campo aperto. I suoi 24 punti hanno tenuto su la squadra nel suo momento peggiore, quando Caserta si era portata avanti di otto punti e sembrava aver preso il volo. Ma ci ha pensato ancora una volta Dyson ad operare il riaggancio decisivo per poi lasciare ad altri il gran finale.

sabato 8 marzo 2014

DOPO AVER BATTUTO VARESE, L'ENEL BRINDISI CERCA IL BIS ANCHE CONTRO CASERTA

Delroy James in percussione sotto il canestro di Varese

Per la terza volta nel corso di questa stagione sportiva Brindisi e Caserta si troveranno di fronte per dar vita ad un altro dei più belli e spettacolari duelli del più antico "derby del Sud" che si ricordi. Nelle precedenti due occasioni ha prevalso Brindisi, prima nel corso del Memorial Pentassuglia di settembre e poi nella gara di andata alla 7^ di campionato, violando con pieno merito il parquet casertano col punteggio di 69-65. Ma, da quel 24 novembre ad oggi, di acqua sotto i ponti del Cillarese brindisino ne è passata proprio tanta, motivo per il quale c'è da fare poco affidamento su quei bei ricordi, se si considera che entrambe le squadre sono cambiate di un bel po' e sono cresciute in amalgama e autostima. Certo, Brindisi ha compiuto un cammino assai più convincente e autoritario rispetto ai rivali (Brindisi ha 10 punti in più in classifica) insediandosi da subito e stabilmente nei quartieri alti della classifica, ma Caserta si è pure rinnovata di recente nell'assetto tecnico, visto che accanto al pivot ex-reyerino Tony Easley ha sistemato un nuovo playmaker in sostituzione dell'incerto Stephon Hannah.

mercoledì 5 marzo 2014

A QUESTA SPLENDIDA BRINDISI MANCA SOLTANTO UN SIMMONS PER COMPIERE UN ALTRO MIRACOLO

Cedric Simmons schiaccia contro Siena

Domenica sera, abbiamo assistito a un grande spettacolo di partita tra l’Enel Brindisi e il "fantasma" del bel Varese che spesso ho visto giocare come dio comanda quando si chiamava ancora Ignis, Di Varese o  Mobilgirgi o quando andammo a vederla contro la nostra Bartolini Brindisi sul neutro di Napoli, allenata da big Elio Pentassuglia. Tornando a casa, mi veniva facile pensare che le indubbie difficoltà di Varese sono state accentuate a dismisura dalla grande prestazione di Brindisi, che sta dimostrando di crescere sempre di più di partita in partita, specie quando si esibisce tra le mura amiche del Pentassuglia. Ma lasciamo da parte i demeriti di Varese e concentriamoci sulla squadra di Bucchi. Nella 2^ e 4^ frazione di gioco, Brindisi è parsa un orologio perfetto, sia quando a dirigerla c'è stato il solito, fantastico e funambolico Dyson, sia quando a tenere la bacchetta in mano - e Bucchi lo ha tenuto in campo per molti minuti nel finale - c'era la "new entry" Josh Jackson, che ci è parso subito sveglio e pronto a entrare nei giochi e nella mentalità della squadra al suo primo apparire in maglia bianco-azzurra.

lunedì 3 marzo 2014

CONTRO VARESE SI E' VISTO IL PIU' BEL BRINDISI DELLA STAGIONE



La lunga e prorompente "ola", mai vista prima d'ora da quando Brindisi è in serie A, ha legittimato la serata magica vissuta ieri sera nel Pentassuglia con il grande spettacolo proposto dall'Enel Basket Brindisi contro la Cimberio Varese. Tutto è filato liscio e fluido per la squadra di casa, che ha letteralmente surclassato Varese con una prestazione di assoluto rilievo, soprattutto quando la squadra ha potuto esprimersi in campo aperto imponendo il suo micidiale "uno vs. uno" che ha spaccato gli equilibri e creato un varco incolmabile tra le due squadre. Brindisi ha potuto giovarsi del ritorno di Delroy James alla sua migliore condizione: il "gladiatore" ha così trascinato la squadra con la forza e l'aggressività della sua difesa e con le sue irrefrenabili scorribande offensive. Della sua voglia matta di piacere ai propri tifosi si è giovata la squadra intera, che ha girato come un orologio in difesa chiudendo a doppia mandata l'area dei 3" e costringendo gli attaccanti avversari a tirare sempre dal perimetro. A tratti Varese è riuscita ad andare a segno, ma le è mancata la continuità e la varietà di gioco potendo contare soltanto sull'apporto saltuario del vecchio Ere e dei due folletti Clark e Banks, mentre i lunghi varesini sono spariti completamente dal campo.

domenica 2 marzo 2014

LE PAGELLE DI POMPEO BARBIERO


                                       LE PAGELLE DI BRINDISI - VARESE: 96 - 70

Delroy JAMES: voto 9. Il gladiatore è tornato ed è ancor più forte di prima. Delroy ha disputato una grandissima partita, sicuramente la più bella e ricca di spunti e di preziosità incredibili per un giocatore esordiente in Lega A. Ha distrutto i suoi marcatori con tutta quella serie di arrembaggi in area, conclusi con preziosismi (10/14, la sua percentuale al tiro da sotto) che soltanto lui riesce a compiere. Il premio migliore è stato quello di aver avuto la miglior valutazione complessiva della 21^ giornata di Lega A, con 39 punti, frutto di 27 punti segnati e 11 rimbalzi, 3 stoppate, 7/7 ai tiri liberi, ma soprattutto, con una facilità di gioco e d'azione che ha destato lo stupore dei 3500 inquilini del Pentassuglia. E' sembrata fin troppo evidente e naturale la leadership che i compagni gli hanno riconosciuto.

sabato 1 marzo 2014

IL CONFRONTO TRA BRINDISI E VARESE SI PREVEDE VERAMENTE ENTUSIASMANTE

Il duello diretto tra Jerome Dyson e il varesino Clark sarà uno dei piatti forti della partita

L’Enel Basket Brindisi si appresta a disputare domani sera la prima delle due partite consecutive che l’attendono sul parquet di casa, vale a dire contro la Cimberio Varese. Pare superfluo aggiungere quanto sia importante per la squadra di Piero Bucchi aggiudicarsi l’incontro, sia perché Brindisi sa di dover contare sulle partite interne per tenersi sempre vicina al tetto della classifica, sia perché Varese è da considerare tutta un’altra squadra rispetto a quella dell'andata, dopo essersi rinforzata con l’arrivo della guardia Banks e del pivot Linton Johnson, già visto a Brindisi quest’anno nelle file di Sassari. E sono davvero forti le motivazioni che spingeranno Varese a giocare per vincere dopo l’esonero di Fabrizio Frates, sostituito in settimana dal suo assistente Stefano Bizzozi. E sentiamo proprio cos'ha detto il nuovo coach a un quotidiano varesino: “La società, i tifosi, tutto l'ambiente si aspettano molto da noi, ne sono consapevole io e ne sono consapevoli i ragazzi, che sono sempre stati molto uniti e ora si sentono ancora più responsabilizzati, e io con loro”.