domenica 12 gennaio 2014

LE PAGELLE DI POMPEO BARBIERO


LE PAGELLE DI BRINDISI - SASSARI: 89 – 80


Ron LEWIS: voto 8,5. Per la seconda volta consecutiva Lewis si è trasformato in match-winner della partita. Era già accaduto a Pesaro, quando tirò fuori un finale al fulmicotone e determinò il recupero e la vittoria finale. Questa sera, però, contro un gran Sassari, Ron ha espresso il meglio di se stesso con una gara eccellente da 22 punti e da 22 in valutazione complessiva diventando ancora l’MVP della partita. Insomma, almeno da due giornate, la guardia di Ohio State ha messo da parte tutti i dubbi e le incertezze che si portava dietro e ha condotto la sua squadra ad una vittoria importante e decisiva per la conquista del titolo di Campione d’Inverno e per l’aggiudicazione del primo posto in Final Eight.

Folarin CAMPBELL: voto 8. Contro Sassari, Folarin ha disputato la sua miglior partita di questo campionato, risultando determinante per la vittoria con un ultimo quarto davvero eccezionale. Con le due squadre attaccate nel punteggio, punto a punto, con divari minimi e con vantaggi alternati, Campbell ha deciso di fare il “deus ex machina” di ellenica memoria provocando il crollo della difesa sarda con una serie di penetrazioni che l’hanno spaccata in due. 8 punti dei 15 totali li ha messi a segno negli ultimi 10’ meritandosi un bel 18 in valutazione.

Miroslav TODIC: voto 7,5. Il gigante di Tuzla sta attraversando un gran bel periodo di forma, tutto gli riesce bene e lui ci aggiunge di suo una convinzione incredibile nei propri mezzi e una grinta da spaccare le pietre. 11 punti segnati, con 4/7 dal campo e 2/2 dalla lunetta, insieme a 10 rebounds, 1 assist e 2 stoppate hanno fatto di lui un gran protagonista della gara.

Jerome DYSON: voto 7. Il suo primo quarto è stato davvero fenomenale trascinandosi dietro l’intera squadra, con uno spettacolo di prim’ordine che ha annichilito la difesa avversaria con 34 punti e con un 8/9 da tre punti di squadra davvero inusitato. Poi si è rifatto vivo nella ripresa, ma aveva perso lo smalto dei primi 10’, assicurando comunque un buon apporto con 21 di valutazione e 17 punti.

Delroy JAMES: voto 7. Il ruolo di trascinatore e di risolutore questa volta è toccato ad altri compagni e non a lui, ma Delroy si è comunque tenuto su un discreto livello di efficienza (12 punti, con 5/8 al tiro), mettendo dentro nei minuti finali una tripla micidiale che ha in pratica sancito il pieno diritto di Brindisi alla vittoria finale.

DAVID CHIOTTI: voto 6,5. Buono il suo esordio davanti al suo nuovo pubblico. La partenza è stata davvero fantastica per lui, con 8 punti nei primi cinque minuti. Poi, la mancanza del giusto ritmo-partita si è fatto sentire e Bucchi lo ha tenuto al risparmio. Comunque, si è già capito che verrà assai prezioso, specie nello sviluppo del p&r con Dyson.

Massimo BULLERI: voto 6. Non è stata una gran prestazione la sua sul piano offensivo, anzi ha perso banalmente un paio di palloni e non è stato brillante come altre volte in fase di tiro. Il capitano si è rifatto, però, con una buona difesa a sostegno dei propri compagni.

Andrea ZERINI: voto 6. Buona prestazione in chiave difensiva per Andrea, ma il suo cruccio più forte è quello di non riuscire più a metter dentro quelle belle triple che nello scorso campionato lo avevano spesso posto all’attenzione di tutti.

Michael SNAER: voto 5. Anche in questa occasione Michelino ha deluso i propri sostenitori, non riuscendo ad essere incisivo e determinante come in altre partite.

Matteo FORMENTI, Stefano SAVOIA, Gianmarco LEGGIO: n.e.

Piero BUCCHI: voto 8. Gran bella direzione, la sua, questa sera. Bucchi lo vediamo sereno, tranquillo, per niente preoccupato, felice e soddisfatto dell’ottimo lavoro che i suoi giocatori  stanno svolgendo nel corso degli allenamenti e durante le partite. La preparazione a questa gara è stata  davvero superlativa, ma la sua impronta l’abbiamo vista anche nei momenti cruciali, specie allorchè Bucchi ha chiamato time-out quando Sassari si era portata avanti di quattro punti, con Brindisi in evidenti difficoltà contro la zona sassarese. Quella sospensione  è valsa a dare tranquillità e maggiore fluidità alla manovra cercando maggiormente l’uno vs. uno con Lewis  e Campbell, che poi hanno deciso la partita.

LA SQUADRA: voto 8. Stasera abbiamo visto una delle partite più belle che Brindisi ha giocato in assoluto, forse la migliore tra quelle casalinghe, vista anche come distribuzione di gioco e di punti segnati, con cinque giocatori in doppia cifra e con otto uomini a referto. Questo grande successo di Brindisi ha rafforzato ancor più la leadership della squadra in campionato con la conquista, sia pure platonica, del titolo di Campione d’Inverno. 

Nessun commento:

Posta un commento