lunedì 25 novembre 2013

L’ENEL BRINDISI IN TESTA ALLA CLASSIFICA DI SERIE A: NON E’ UN SOGNO, MA E’ LA PIU’ BELLA REALTA’

Folarin Campbell in percussione al canestro contro Caserta

Stamani, Brindisi si è risvegliata dal meraviglioso sogno con il quale si era addormentata ieri sera chiedendosi se fosse proprio vero che la sua squadra, la piccola e giovane Enel Brindisi, aveva conquistato, insieme alla splendida vittoria di Caserta, anche la testa solitaria della classifica della serie A di pallacanestro. E’ proprio vero, perché quello che pochi mesi fa poteva sembrare una boutade da raccontare ai propri amici ha pienamente ragion d’essere. Le due “vallette” Siena e Bologna si sono fatte da parte, perdendo rispettivamente a Cantù e in casa con Venezia, lasciando Brindisi, da sola, con il compito di guidare il massimo campionato di basket. Un incarico di indubbio prestigio, ma pure di grande responsabilità. Anche perché la storia di queste prime sette partite dichiara che Brindisi è in testa con pieno merito, dopo aver superato scogli durissimi come Milano, Venezia, Reggio Emilia,Varese e l’ultimo, quello rivelatosi il più irto di difficoltà, di Caserta. Proprio in Terra di Lavoro, ieri sera, Brindisi ha sofferto maggiormente, accettando la sfida di una Pasta Reggia che ha fatto di tutto per vincere la partita, ricorrendo al proprio talento, ma soprattutto ad una forza d’animo che ha messo a dura prova la forza e la compattezza della squadra di Piero Bucchi. Ne è venuta fuori una battaglia senza quartiere, bella e avvincente, pur se piena di errori e di manchevolezze, al termine della quale Brindisi è uscita comunque vittoriosa.
“Gli uomini veri si vedono quando la lotta si fa più dura”, dichiara un detto sempre in vigore. Di questo assunto abbiamo potuto ancora una volta riscontrare tutta la veridicità esaminando la prestazione di gioco e di squadra dell’Enel Brindisi e, in particolare, di Delroy James, di Folarin Campbell, di Miroslav Todic. Sono stati questi tre splendidi bucanieri, sorretti poi assai bene negli ultimi minuti di gara da Michael Snaer e da Jerome Dyson, a sottomettere le velleità di vittoria di coach Molin e dei suoi giocatori.
James è stato l’MVP dell’incontro, il vero match-winner di questa partita, guerriero indomito e tenace, che ha saputo prendersi sul campo la leadership della squadra con una condotta tecnico-tattica meravigliosa e con una mentalità vincente trasmessa pure ai propri compagni. Folarin Campbell è stato il suo primo scudiero, quello che ha dato la carica nella ripresa, ribadendo ancora una volta sul campo la propria qualità di miglior sesto uomo del campionato, umile e modesto, ma tanto utile e prezioso per il tecnico e per la squadra. “Miro” Todic ha completato il tris d’assi con una prestazione fatta tutta di grinta e di ferocia agonistica ricacciando indietro la volontà spasmodica dei casertani di uscire dalla crisi profonda in cui sono da tempo caduti. A questi tre paladini si sono, poi, aggiunti, in tempo utile e con grande concretezza, Snaer e Dyson, che hanno completato nel gran finale di gara il quintetto brindisino guidato con grande maestria da parte di Piero Bucchi.
Insomma, il Brindisi dei sogni, il Brindisi dei record si è confermato magnificamente, questa volta da solo, sul gradino più alto della classifica di serie A esprimendo la propria voglia di far bene e di andare avanti quanto più sarà possibile, restando sempre consapevole dei propri limiti. Massimo Ferrarese, il “patron” per antonomasia, l’autore di questa meravigliosa cavalcata, partita dieci anni fa dal profondo della serie B/2, è il più felice di tutti, il dirigente che ha sempre creduto nella possibilità di salire sempre più in alto. Ci ha creduto e ci crederà ancor più anche Fernando Marino, il più giovane dei soci della New Basket Brindisi, quello che da Ferrarese ha ereditato il bastone del comando e la grande responsabilità di portare avanti questa “mission” che ha consentito a una piccola città del Sud d’Italia di balzare agli onori della cronaca con il primo posto solitario in testa alla classifica di serie A di pallacanestro.

Nessun commento:

Posta un commento