sabato 19 ottobre 2013

BRINDISI VUOL PRENDERSI LO SFIZIO DI CUCINARE LA ROMA “IN SALSA BOLOGNESE”

Delroy James guardato a vista da Alessandro Gentile

Dopo aver affrontato e superato brillantemente l’EA7 Armani Milano, la squadra con la quale aveva raggiunto per ben due volte la finale-scudetto senza però riuscire a conquistarlo, Piero Bucchi si accinge domani a confrontarsi con un’altra delle varie squadre da lui allenate in precedenza, la Virtus Acea Roma. Non si tratta certo della squadra migliore del campionato, come ormai tutti avevano definito la squadra della gloriosa Olimpia, ma va riconosciuto comunque alla formazione capitolina, allenata oggi da Luca Dalmonte, di potersi fregiare del privilegio di aver contrastato fino alla quinta partita di finale-scudetto la vittoriosa Montepaschi Siena nello scorso giugno.
Il confronto di domani sera non si svolgerà nella sede designata di Roma, bensì nell’Unipol Arena di Casalecchio sul Reno, alle porte di Bologna, in quanto campo neutro imposto dal giudice a causa della squalifica di due giornate appioppata al palasport romano per le intemperanze compiute dalla tifoseria di casa nel corso della finalissima-scudetto.
L’Acea Virtus attuale è una squadra completamente diversa da quella del giugno scorso, sia perché Dalmonte ha sostituito il tecnico Marco Calvani, sia perché il giemme Alberani ha lasciato andar via i vari Datome, Laval, Czyz, Lorant trattenendo i soli Taylor e Goss, mentre Jones potrà essere utilizzato soltanto come rinforzo per l’Euroleague. Toccherà, pertanto, a Phil Goss l’eredità pesante di sostituire capitan Datome nel ruolo di elemento-guida del team capitolino. E sappiamo bene quanto il giocatore sardo degli Spurs sia stato decisivo per l’arrivo della Roma in finale. Oltre ai due americani, di quella squadra sono rimasti soltanto Lollo D’Ercole e Alessandro Tonolli, vicino ai 40 anni e ormai definito capitano-non giocatore a tutti gli effetti.
Il fatto importante che Roma abbia vinto a Porto S.Giorgio con Montegranaro, nella gara d’esordio,  però, la dice tutta sulla reale consistenza di questa squadra, che magari non sarà difficilmente battibile come quella di Calvani, ma che sul campo ha dimostrato ugualmente di sapersi imporre agli avversari. I punti di forza restano sempre Taylor e Goss, che sono i due registi della squadra, ma è sotto il canestro che Roma è cambiata profondamente, con i pivot Mbakwe ed Eziukwu e con l’ala-pivot Hosley, gran realizzatore, autore dello scippo di domenica scorsa nelle Marche.
Insomma, per l’Enel Brindisi questa Roma “in salsa bolognese” non sarà proprio un avversario comodo e rinunciatario, anche perché, visti i risultati della prima giornata, è parso già un fattore comune a tutte le squadre quello della grande fisicità e dell’atletismo sfrenato di gran parte degli atleti, specie degli extra-comunitari. Se vorrà vincere domani sera, pertanto, Brindisi dovrà cercare di raggiungere da subito la massima concentrazione e una determinazione feroce, magari fidando sulla permissione del gioco molto fisico da parte degli arbitri Taurino, Filippini e Rossi, che saranno i direttori di questa affascinante partita.
Un fatto, però, è certo ed è quello che, in questa affascinante trasferta, i tifosi brindisini hanno deciso di seguire la squadra in gran numero arrivando da lontano oppure raggiungendola dalle varie città che gravitano attorno alla centralissima Bologna. 
Intanto, in seguito alle numerose richieste pervenute, l’Enel Brindisi comunica d’aver deciso di riaprire la campagna abbonamenti per il corrente campionato 2013-2014. La prenotazione degli abbonamenti disponibili avverrà da lunedì 21 ottobre sino  a giovedì 24 ottobre presso la sede sociale attigua al PalaPentassuglia, dove si potrà anche consultare la mappa per l’individuazione dei posti liberi. Gli uffici saranno aperti da lunedì a giovedì dalle ore 16:30 alle ore 19:30. L’abbonamento (valido per 14 partite casalinghe, esclusa, ovviamente, quella già disputata) darà diritto alla Special Card per usufruire di sconti presso varie attività commerciali.

Nessun commento:

Posta un commento