martedì 29 ottobre 2013

L’ENEL BRINDISI DI PIERO BUCCHI VUOL VOLARE SUL CAMPO DI GIOCO

Folarin Campbell penetra e scarica per James contro Milano

Piero Bucchi lo aveva promesso con largo anticipo. “Nel prossimo campionato la mia squadra volerà sul campo e gli avversari dovranno correre a perdifiato se vorranno venirci dietro”: era stato questo il suo progetto d’attacco, il suo “tazebao”, pronunciato nel settembre scorso e lanciato all’indirizzo degli allenatori avversari. E’ scontato, però, che dall’altra parte del campo ci saranno 15 squadre schierate e pronte ad attendere a piè fermo i veltri brindisini per tentare di bloccarne lo spunto veloce e le frecce acuminate lanciate in transizione o in contropiede. Ci sono pure allenatori bravi, decisamente capaci di mettere in serie difficoltà gli schemi di gioco e gli uomini mandati in campo da coach Bucchi. Nelle tre partite fino ad ora disputate, Brindisi è stata capace di avere il sopravvento sugli avversari per due volte, coincise con le due partite casalinghe giocate contro Milano e Cremona. Nella terza di Bologna, contro Roma, il tecnico Dalmonte è riuscito nell’intento di tenere a freno Dyson nella seconda parte della gara creando in tal modo i presupposti per il conseguimento della vittoria.

domenica 27 ottobre 2013

LE PAGELLE DI POMPEO BARBIERO


                                   LE PAGELLE DI BRINDISI – CREMONA: 96 -74


Jerome DYSON: voto 9. Ha stupito davvero tutti in questa partita, il 26enne ragazzo di Rockville, nel Maryland. Ha illuminato la gara con una prestazione super, surclassando tutti in lungo e in largo senza distinzione tra compagni e avversari. Ha fatto quel che ha voluto dall’alto dei suoi 29 punti di valutazione complessiva: sempre pronto a partire in velocità con un primo passo al fulmicotone che nessuno degli avversari riusciva a tenere, ha spaccato la difesa cremonese con le sue percussioni che lo portavano a concludere direttamente a canestro o a smarcare i compagni con i suoi assist. Dyson aveva molto da farsi perdonare per la gara insufficiente di Bologna contro Roma. E’ stato di parola, perché ha messo a segno 31 punti con la media del 71% di realizzazione e ha scatenato applausi a scena aperta con le sue piroette e lay-up di gran classe.

sabato 26 ottobre 2013

CREMONA PUNTA ALLA VITTORIA, MA BRINDISI VUOL MANTENERE IMBATTUTO IL PENTASSUGLIA

Ron Lewis in lay-up contro Sassari

L’Enel Basket Brindisi vuol subito dimenticare la brutta prestazione di Bologna con l’Acea Roma e tornare alla vittoria contro Cremona, costringendo alla terza sconfitta consecutiva la squadra lombarda di coach Ciccio Gresta. Cremona, però, non è squadra di poco conto. E’ vero, ha perso due volte di seguito, ma è uscita dal campo a testa alta, dopo aver combattuto strenuamente sul campo rendendo la vita assai difficile alle squadre avversarie, sia a Siena con Montepaschi che in casa con Bologna. Gresta, poi, è un tecnico di valore e lo ha dimostrato proprio nella scorsa stagione, quando ereditò la panchina inizialmente affidata a Caja portando la sua squadra non solo alla salvezza, ma arrivando pure nei quartieri più tranquilli della classifica con un finale davvero esaltante. Attenzione, quindi, a non sottovalutare questa squadra, che in precedenza ha già dimostrato di saper vincere sul parquet del Pentassuglia.

venerdì 25 ottobre 2013

LO SPONSOR “BMW-ITALIA” POTREBBE AGGIUNGERSI ALL’ENEL BASKET BRINDISI?



Novità davvero interessanti starebbero per arrivare in seno alla società New Basket Brindisi. Già nella giornata di ieri, la società di contrada Masseriola aveva dato agli organi di informazione la notizia ufficiale dell’ingresso di un nuovo partner per il campionato di Lega A 2013-2014, la Muccio Officine Meccaniche. L’azienda brindisina, amministrata da Toni Muccio  e impegnata nelle costruzioni e riparazioni industriali, già nello scorso campionato aveva affiancato l’Enel Basket Brindisi nella straordinaria e storica partecipazione alla Final Eight di Coppa Italia disputatasi a Milano.
Ma le sorprese, a quanto se ne dice, non sarebbero terminate con questa pur interessante novità. Pare ormai certo che un partner ancor più importante e prestigioso starebbe per entrare nella grande famiglia della New Basket Brindisi con la sponsorizzazione del proprio marchio per il campionato già in corso d’opera. Si tratterebbe della “BMW Italia”, la grande casa automobilistica tedesca, che nel nostro Paese già da vario tempo ha dispiegato le ali convincendo tanti italiani a scegliere le proprie autovetture marcate BMW.

domenica 20 ottobre 2013

LE PAGELLE DI POMPEO BARBIERO

Delroy James

                                   LE PAGELLE DI ROMA - BRINDISI : 67 - 59

Delroy JAMES: voto 7. E’ stato il migliore della squadra con i suoi 20 punti di valutazione, ma soprattutto è stato sempre una spina nel fianco degli avversari con le sue penetrazioni, le sue entrate al fulmicotone. Peccato che nell’ultimo quarto abbia avuto pochissima collaborazione da parte dei compagni, altrimenti avrebbe regalato un’altra vittoria sonante ai propri tifosi.

Alade AMINU: voto 7. Stava bene, questa sera, il buon Alade e ha disputato una gara discreta facendosi trovare spesso dai compagni, con i quali ha dialogato assai meglio della partita d’esordio. 10 rimbalzi e 11 punti rappresentano un’eccellente “doppia-doppia” che Aminu ha fatto valere, dimostrando di avere compiuto dei buoni progressi. Buono il suo 19 in valutazione complessiva.

LA FUTURA BRINDISI TRIONFA ANCHE A VITERBO

Marzia Tagliamento
Defensor Viterbo - Futura Basket Brindisi 59-65 dopo 1 ts.

Defensor Viterbo: Boi 4 (2/4, 0/1), Riccobono ne, Orchi ne, Lascala 15 (6/9, 1/5), Romagnoli 2 (1/6, 0/1), Bernardini 4 (1/5, 0/4), Rejchova 16 (8/11), Serafini 6 (3/5), Ndiaye ne, Spirito 12 (4/7, 0/1). All.: Scaramuccia
Futura Basket Brindisi: Boccadamo ne, Perseu 16 (3/6, 2/6), Manzini 4 (2/3, 0/3), Tagliamento 25 (6/7, 3/3), Diodati 2 (0/1, 0/1), Diene 6 (3/7), Gatti 1 (0/3, 0/1), Siccardi 9 (4/8, 0/1), Egle 2 (1/5, 0/1), Gismondi ne. All.: Santini
Arbitri: Marco Venturi di Bologna e Diletta Bandinelli di Siena
Note: Tiri liberi Defensor 6/12, Futura 12/25. Rimbalzi Defensor 36 (Rejchova 14), Futura 38 (Siccardi 9). Parziali 10’ (14-14), 20’ (26-30), 30’ (38-43), 40’ (53-53). Uscite per 5 falli Gatti (Futura) e Rejchova (Defensor).

sabato 19 ottobre 2013

BRINDISI VUOL PRENDERSI LO SFIZIO DI CUCINARE LA ROMA “IN SALSA BOLOGNESE”

Delroy James guardato a vista da Alessandro Gentile

Dopo aver affrontato e superato brillantemente l’EA7 Armani Milano, la squadra con la quale aveva raggiunto per ben due volte la finale-scudetto senza però riuscire a conquistarlo, Piero Bucchi si accinge domani a confrontarsi con un’altra delle varie squadre da lui allenate in precedenza, la Virtus Acea Roma. Non si tratta certo della squadra migliore del campionato, come ormai tutti avevano definito la squadra della gloriosa Olimpia, ma va riconosciuto comunque alla formazione capitolina, allenata oggi da Luca Dalmonte, di potersi fregiare del privilegio di aver contrastato fino alla quinta partita di finale-scudetto la vittoriosa Montepaschi Siena nello scorso giugno.
Il confronto di domani sera non si svolgerà nella sede designata di Roma, bensì nell’Unipol Arena di Casalecchio sul Reno, alle porte di Bologna, in quanto campo neutro imposto dal giudice a causa della squalifica di due giornate appioppata al palasport romano per le intemperanze compiute dalla tifoseria di casa nel corso della finalissima-scudetto.

giovedì 17 ottobre 2013

RADUNO DI MASSA PREVISTO A BOLOGNA PER I TIFOSI DELL’ENEL BRINDISI

Ron Lewis in lay-up contrastato dai milanesi Moss e Melli

La dura lezione impartita all’EA7 Armani Milano nella gara d’esordio non deve far esaltare più di tanto tecnici, giocatori, dirigenti, organi di stampa e sostenitori dell’Enel Basket Brindisi. Si sa bene che, specie nella fase iniziale del campionato, una squadra manifesta ancora una certa alternanza di rendimento, al punto che in una partita può accadere di tutto e in quella successiva, magari, i valori espressi possono mutare radicalmente. Contro Milano, tranne che nel 2° quarto inguardabile, alla squadra di Bucchi quasi tutto è filato via liscio come l’olio, mentre a quella di Banchi si è potuto osservare che tante cose sono ancora da registrare. Un fatto, però, è certo ed è quello che, almeno per il momento, Brindisi si è dimostrata squadra più compatta, più determinata e più tosta di quanto abbia potuto dimostrare la compagine del patron Giorgio Armani.

lunedì 14 ottobre 2013

QUANTI TIFOSI BRINDISINI SARANNO PRESENTI DOMENICA PROSSIMA A BOLOGNA?

Il PalaLottomatica stracolmo di 3.000 tifosi brindisini

Ieri sera, mentre rientravo a casa, felicissimo per aver visto una grande partita e una splendida vittoria dei nostri colori, facevo questa considerazione: se quattro anni fa, per la trasferta di Rimini nel campionato di Legadue, furono presenti mille tifosi brindisini nel palasport riminese, suscitando la meraviglia di tutto il basket nazionale, cosa potrebbe accadere domenica prossima, a Bologna, dove l'Enel Brindisi affronterà l'Acea Roma in campo neutro, a causa della squalifica del campo di gioco romano in finale di scudetto? Al Palace di Casalecchio sul Reno possono entrare comodamente 9.000 spettatori. Certo è che, dopo aver visto con quale autorità la squadra di Bucchi ha battuto Milano, si può ritenere che quest'altra partita contro un'altra "grande" del campionato - Roma è stata finalista insieme a Siena - meriterebbe un afflusso di folla adeguato all'importanza di questa partita!

domenica 13 ottobre 2013

LE PAGELLE DI BRINDISI – MILANO: 88 - 80


                                   
Miroslav TODIC: voto 7,5. Una vera, autentica scoperta, questo ragazzo bosniaco di Tusla. Si è battuto come un leone in difesa afferrando rimbalzi importanti e tenendo a bada i pivot avversari, ai quali ha concesso davvero poco. I suoi 7 rimbalzi, i recuperi difensivi, insieme alla determinazione in attacco, specie quando ha giocato da pivot puro, spalle al canestro; e, inoltre, quei tiri decisivi, che hanno fatto tanto male alla difesa avversaria, specie quell’ultimo tiro dal perimetro, che ha portato la squadra avanti di nove punti, sull’84-75, a un paio di minuti dal termine, hanno fatto di lui l’MVP della partita, il giocatore più importante della gara.

sabato 12 ottobre 2013

L’ENEL BRINDISI RIPARTE IN CAMPIONATO ANCORA DA MILANO

Jerome Dyson va a canestro in lay-up contro Cantù a Sassari

Pronti via e si ricomincia con un nuovo campionato da Milano, il 92° della serie, il secondo consecutivo di Lega A per l’Enel Basket Brindisi. A questo primo “miracolo” il presidente Fernando Marino e il tecnico  Piero Bucchi vorrebbero aggiungerne subito un altro, che non sia soltanto valido per la terza stagione di seguito in serie A, ma che porti con sé, possibilmente, anche qualcosina di più, legata magari ad una nuova qualificazione per la Final Eight insieme alla partecipazione ai play-off. E si parte subito con le emozioni forti, perché sarà l’Emporio Armani Milano a tenere a battesimo Brindisi in questo nuovo, meraviglioso esordio nel massimo campionato italiano di pallacanestro. La formazione meneghina è stata preannunciata come la squadra più forte del campionato, allenata dal miglior tecnico della scorsa stagione, coach Luca Banchi, vittorioso dell’ottavo scudetto consecutivo con la sua Montepaschi Siena. Banchi ha sostituito in panchina lo sterile Scariolo, incapace di riportare la gloriosa Olimpia Milano – come dire la Juventus del basket – ai vertici del campionato, con grandissimo disappunto del suo ricco e potente padre-padrone Giorgio Armani.

STASERA, LA FUTURA BRINDISI ESORDISCE IN CAMPIONATO CONTRO NAPOLI

La giocatrice lettone Sabine Egle

La Futura Basket Brindisi comunica di aver raggiunto l’accordo con la giocatrice di nazionalità lettone, Sabine Egle, ala-pivot di 180 cm classe 1991, per la stagione 2013-2014. Un rinforzo giovane per la squadra allenata da Gigi Santini, che sarà a disposizione da lunedì prossimo per via del tempo tecnico necessario per le procedure di tesseramento. Dieci punti e 8,5 rimbalzi di media a partita, Sabine Egle proviene dalle file del Liepajas Papirs, squadra di massima divisione del campionato lettone con cui lo scorso anno ha conquistato le semifinali playoff. Una bella notizia in casa biancoazzurra, alla vigilia dell’esordio nel campionato di serie A2, in programma oggi, sabato 12 ottobre alle ore 20,00 sul parquet del PalaPentassuglia contro Saces Dike Napoli.

giovedì 10 ottobre 2013

CHE BRINDISI SARA’ QUELLO CHE DOMENICA VEDREMO CONTRO MILANO?



Mancano soltanto tre giorni alla partenza del nuovo campionato di serie A. Inutile a dirsi che a Brindisi, giorno dopo giorno, sta salendo il livello della febbre dell’esordio, ancor più alta e bollente perché si partirà in casa, sul parquet del Pentassuglia brindisino, per di più contro l’Emporio Armani Milano, vale a dire contro la formazione più forte del cast della Lega A. Almeno, stando alle previsioni degli esperti, che hanno messo Milano al primo posto, contornato dalla solita Siena e dalle altre vallette d’onore Sassari,Varese e Cantù, mentre Venezia, Roma, Avellino e Reggio Emilia appartengono al gruppo delle possibili sorprese, destinate ad entrare nel lotto delle pretendenti ai play-off. Il resto del gruppone, rappresentato da Caserta, Pesaro, Montegranaro, Bologna, Cremona e dalla neo-promossa Pistoia dovrebbe barcamenarsi nella zona fluttuante tra i play-off e la zona retrocessione, a seconda dei favori elargiti dal calendario e da qualche sempre probabile exploit che ogni anno viene sempre a galla di sorpresa.

lunedì 7 ottobre 2013

CONTINUA SENZA SOSTE LA PREPARAZIONE DELL’ENEL BRINDISI ALLA GARA D’ESORDIO CON MILANO

La grinta di Folarin Campbell a Sassari in finale con Avellino

Manca appena una settimana all’esordio in campionato e l’Enel Basket Brindisi si è rivelata quasi  pronta a sostenere l’impatto iniziale con una delle “grandi” del massimo torneo. Sarà, infatti, la squadra dell’Emporio Armani Milano ad inaugurare domenica 13 ottobre la stagione 2013-14. Due motivi, in particolare, renderanno bella ed interessante questa partita: il primo, perché essa varrà da grandissimo richiamo per convincere gli sportivi brindisini e salentini ad accorrere numerosi al palasport Pentassuglia; il secondo, poi, perché, come capita un po’ a tutte le squadre più forti, abituate a partire con il motore ancora imballato a causa della stagione e degli impegni che la renderanno assai stressante, nella fase iniziale del torneo Brindisi potrebbe creare più di qualche problema alla squadra meneghina di Luca Banchi aggredendola con grande determinazione e, quindi, con qualche possibilità di vittoria in più.

venerdì 4 ottobre 2013

L’ENEL BRINDISI MOSTRA GIA’ BUONA IDENTITA’ E GRAN CARATTERE



Brindisi c’è. Questo è il verdetto emanato dalla sfida che l’Enel Brindisi di Piero Bucchi ha rivolto alla Dinamo Sassari nella serata di ieri. E’ vero, alla fine della gara, giunta all’overtime sul 66 pari e persa poi per un nonnulla (77-72), Bulleri e compagni hanno ceduto alla voglia matta che i sardi avevano di vincere davanti ai propri tifosi. Ma Brindisi aveva avuto nei tempi regolamentari, con il suo play Dyson, anche la palla decisiva, quella che avrebbe sancito una giusta vittoria, che essa si era costruita con pieno merito negli ultimi due quarti, andando avanti nel punteggio fino al +11 nel corso della 3^ frazione sulla spinta di Dyson, Snaer e Lewis. In quel momento, il grande Sassari di Meo Sacchetti, cioè la squadra costruita per battere la concorrenza di Milano, Siena, Varese e per puntare allo scudetto, era ammutolito e ammansito dall’energia e dalla grande difesa di Brindisi, così come gli era già capitato nella finale persa nel Memorial Pentassuglia.
A quel punto, però, era del tutto relativo vincere il confronto, anche perché Aminu aveva finito la benzina lasciando spazi vitali alla frenesia di Johnson e di Caleb Green, che hanno conquistato rimbalzi decisivi. Importante è stato dimostrare vitalità, determinazione, consistenza e mentalità vincente a casa di cotanto avversario, tenendogli testa dal primo all’ultimo minuto della partita.