domenica 8 settembre 2013

LA “GIOVANE ITALIA” DI PIANIGIANI NON SI FERMA PIU’ E BATTE ANCHE LA GRECIA

Marco Belinelli contro la Grecia
Che spettacolo, ragazzi! Questa Italia non ha alcuna intenzione di fermarsi in questa edizione dei Campionati Europei. Dopo aver fatto fuori squadre fortissime come Russia e Turchia, dopo aver eliminato anche la piccola rivelazione rappresentata dalla Finlandia, si riteneva che lo spauracchio-Grecia avrebbe creato problemi in serie a coach Pianigiani ed ai suoi baldi giovanotti. Invece, è finita proprio come non ci si sarebbe aspettati contro la squadra campione d’Europa uscente, allenata da pochi mesi da un coach italiano, l’ex-Cantù Andrea Trinchieri. Marco Belinelli ed i suoi compagni hanno sofferto soltanto nella prima parte della gara, con i greci che impostavano tutto sul proprio totem Bourousis ed avevano la meglio nell’area piccola con i propri lunghi. Nella ripresa, però, è partita la reazione degli azzurri, trascinati dal capitano Datome (19 punti) e, soprattutto, dal neo-Spurs Belinelli, protagonista assoluto di questa partita con 23 punti, 7 rimbalzi e autore di una serie infinita di prodezze in formato-NBA, con giochi “uno vs. uno” che hanno spezzato i ritmi e le gambe degli avversari. Quando, poi, sulla scia di Belinelli si sono pure infilati prima Aradori e poi il sempre più travolgente Gentile (16 punti), non è più bastato il bravissimo Zisis a coprire le falle che si erano aperte nella difesa greca.
E’ finita così con il 20enne Gentile in trionfo sull’ennesimo lay-up con schiacciata in faccia a Papanicolau, che portava l’Italia sull’81-72 e dunque ad una vittoria fantastica dell’Italia, che ha scatenato il tifo sempre più emergente in una Slovenia che si sta colorando ogni giorno di più di un azzurro sempre più brillante e fantasmagorico.

Nessun commento:

Posta un commento