sabato 20 aprile 2013

L’ENEL BRINDISI VUOL FARE LO SGAMBETTO ALL’ACEA ROMA


Santi Puglisi tornerà domani mattina nella Capitale per guidare la truppa bianco-azzurra dell’Enel Basket Brindisi contro la squadra che lo vide, svariati anni fa, partire proprio da Roma per spiccare il volo verso traguardi ancor più ambiziosi. Prima di portare a termine il proprio mandato, Santi spera di togliersi ancora qualche soddisfazione più che legittima sul parquet del palasport romano e, chissà, anche su quello milanese di Assago, il prossimo 5 maggio, quando rivestirà per l’ultima volta il ruolo di general manager della squadra di Brindisi.
Domani, alle ore 12:00, allora, nell’anticipo mattutino della 27^ giornata di campionato, saranno a confronto le squadre di Roma e Brindisi, in una partita che verrà irradiata in diretta dai teleschermi di Sportitalia 2 e da La7d. Se per i brindisini questa gara ha soltanto il valore di un semplice incontro di fine campionato, stante la salvezza ormai ampiamente conseguita, così non sarà invece per i romani dell’Acea, impegnatissimi nella conferma del 3° posto in classifica con 34 punti, che le verrà aspramente conteso da Siena, Cantù, Milano e Reggio Emilia, inseguitrici dirette assestate tutte al 4° posto a 32 punti. Infatti, coach Calvani ed i suoi giocatori mirano proprio a questa partita con il proposito di tenere sempre a debita distanza le dirette avversarie. Infatti, il calendario darà una chance in più a Roma, visto che, dopo la partita di oggi con Brindisi, l’Acea affronterà il retrocesso Biella in trasferta e Montegranaro in casa propria, con la possibilità insperata di non dover dipendere in alcun modo dai risultati delle altre squadre.
L’Acea Roma avrà un motivo in più per vincere contro Brindisi, perché domani festeggerà il 30° anniversario della conquista dello scudetto tricolore. Infatti, il 19 Aprile 1983, nel catino del PalaEur,  il Banco Roma di coach Valerio Bianchini diventò Campione d’Italia, battendo la Billy Milano per 97-83 nella gara3 dei playoff, al termine di una cavalcata indimenticabile per tutti i tifosi capitolini. Per l’occasione, l’Acea Virtus Roma e il Comitato Regionale Fip Lazio, con la partecipazione del Comune di Roma, ricorderanno la vittoria del tricolore premiando nel corso della partita di oggi i protagonisti romani del Banco Roma.
D’altro canto, però, Brindisi non ha alcuna intenzione di recitare il ruolo dello sparring-partner, come ha dichiarato a gran voce Piero Bucchi già domenica scorsa, subito dopo la vittoriosa partita con Biella: “Non ho intenzione di andare a Roma a farmi una passeggiata, ma solleciterò i miei giocatori a disputare una partita piena di orgoglio, puntando possibilmente alla vittoria. Potremmo così far dimenticare del tutto ai nostri dirigenti e ai nostri tifosi quel bruttissimo ricordo delle sette sconfitte consecutive subite nel girone di ritorno”. Nonostante la serie di quelle deludenti sconfitte, a Roma saranno presenti numerosi sostenitori brindisini, approfittando dell’occasione anche per farsi una bella passeggiata nella Capitale.
Che partita sarà, allora? Fermo restando che Roma è parsa superiore almeno di una spanna nel confronto dell’andata, Brindisi, sempre che i suoi giocatori abbiano ancora voglia di divertirsi e di impegnarsi in questo confronto importante, potrebbe disputare una gara ricca di orgoglio e di prestigio tenendo in scacco gli avversari con il suo roster di tutto rispetto, composto da dieci titolari e compreso quindi anche Viggiano, che sarà della partita dopo essersi ripreso dall’infortunio.
La direzione arbitrale della gara è stata affidata a Lo Guzzo, Chiari e Biggi.

Nessun commento:

Posta un commento