sabato 29 settembre 2012

SARA' VARESE IL PRIMO AVVERSARIO DI BRINDISI AL PENTASSUGLIA


Le migliaia di appassionati brindisini di pallacanestro stanno contando con impazienza le ore che li separano ancora dalla gara di esordio in serie A di domani della loro squadra, l’Enel Basket Brindisi, capace di tornare nel massimo campionato a distanza di un solo anno.
Sarà la Cimberio Varese l’avversaria che terrà a battesimo la squadra di Piero Bucchi al primo impatto casalingo della stagione.
Il vero esordio, per la verità, Brindisi lo ha già tenuto mercoledì sera sul parquet del PalaEstra di Siena contro i campioni d’Italia della Montepaschi. Non è stato propriamente un inizio brillante, ma la sconfitta con Siena, pur essendoci tutta sul piano del gioco e della presenza fisica, è stata bugiarda ed eccessiva sul piano numerico, visto che a metà gara soltanto un punto divideva ancora le due squadre.
La partita di domani sera (inizio alle ore 18,15) avrà, invece, un significato ed un’importanza del tutto diversi, stante la differenza tecnica minore tra le due contendenti e la necessità che Brindisi punti proprio sulle gare interne per conquistare quella salvezza che è il traguardo al quale essa punta maggiormente. Varese è squadra ambiziosa e brillante, certamente da play-off, ma non è di sicuro la Montepaschi. Ha anch’essa dei punti deboli, per altro già individuati da Bucchi nelle due gare del torneo di Porto S.Elpidio, sui quali il coach bolognese di Brindisi farà conto per metterla in difficoltà e per costruire un possibile e auspicabile successo della sua squadra.
Il gap tremendo che Brindisi aveva ed ha, in parte, ancora adesso rispetto al Varese, che non ha accusato defezioni di sorta nel corso della preparazione estiva, è certamente diminuito, grazie alle cure energiche di Marco Sist, ma i tecnici brindisini dovranno stare assai attenti a centellinare con molta attenzione le forze dei propri giocatori nel corso della gara. Un buon aiuto al morale della squadra bianco-azzurra verrà certamente da parte della tifoseria, che, come al solito, farà un tifo infernale per creare difficoltà alla concentrazione degli avversari e centuplicare le forze ed il coraggio dei propri beniamini. Nei due precedenti incontri disputati al Pentassuglia (il coach brindisino ha allenato il Varese di Meneghin e Morse per due campionati negli anni ’80) negli ultimi anni, tra A/2 e A/1, Brindisi ha vinto sempre giocando bene e vincendo meritatamente. Questa terza gara esce fuori da ogni pronostico, soprattutto perché siamo appena agli albori del campionato e le due squadre non hanno ancora raggiunto uno standard che possa azzardare un sia pur minimo pronostico attendibile.
Bucchi conterà sul solito quintetto iniziale, che prevede Gibson e Reynolds in regia, Viggiano ala piccola, Robinson ala forte e Grant centro, con Fultz e Ndoja pronti a dare il cambio ai compagni. Grant, però, sarà in ballottaggio con Simmons, che sarà certamente il pivot titolare, ma che in questo momento non ha ancora minuti e forze nelle gambe per reggere da solo una gara intera.
Vitucci, dal canto suo, dovrebbe partire con l’ex Barcellona Green in regia, Banks guardia, Ere ala piccola, Sakota ala forte e Dunston centro, con De Nicolao, Polonara e Rush pronti ad entrare in qualsiasi momento.
La gara sarà certamente bella a vedersi, perché entrambe le squadre hanno alla guida tecnica allenatori che amano il basket-spettacolo, fatto di grande difesa e di transizioni, contropiede e tiri rapidi da tutte le posizioni.
A dirigere la gara sono stati designati Sabetta, Bettini e Provini, una terna esperta e capace, che contribuirà sicuramente ad elevare il livello tecnico della gara con la propria esperienza.

Nessun commento:

Posta un commento