domenica 23 settembre 2012

L'ENEL BRINDISI BATTE CASERTA PER 81-54


BRINDISI: Viggiano 17, Robinson 20, Reynolds 4, Formenti 3, Fultz 3, Ndoja 7, Simmons 2, Preite, Porfido, Zerini 10, Gibson 15, Grant. All. Bucchi.
CASERTA: Chatfield 11, Maresca 10, Jonusas 4, Marzaioli 2, Sergio, Tomasiello 1, Wise, Michelori 5, Akindele 12, Cefarelli 2, Jelovac 7. All. Sacripanti.
L’Enel Brindisi si è aggiudicata il 3° posto nella finalina di stasera con la Juve Caserta, contro la quale evidentemente riesce a trovare il meglio di se stessa, visto che è la seconda volta su tre partite che riesce a batterla, e anche piuttosto nettamente.
Ancora una volta è stato Antywane Robinson (eccolo, nella foto di Vito Massagli) il match-winner di questa partita, nella quale ha messo in mostra tutto il proprio valore, come fece già a Brindisi nel “Memorial Pentassuglia”. Ma questa sera si è visto anche un buon Viggiano, che comincia ad entrare sempre meglio nei giochi di squadra risultando brillante anche nelle iniziative individuali e nell’uno vs. uno. Apprezzabili sono stati pure Gibson, Zerini e capitan ‘Ndoja, che era al rientro ufficiale con la squadra.
Dopo un primo tempo piuttosto scialbo, nel quale Caserta era riuscita a imbrigliare l’azione dei brindisini tenendo sempre la testa della gara (36-35 a fine 2° quarto) ma con ritmi blandi, Brindisi è esplosa al rientro in campo mettendo in mostra gioco, ritmo e velocità d’azione alle quali la squadra campana non è più riuscita a porre un serio ostacolo. Sotto la spinta di Robinson e di Gibson, Brindisi ha espresso così il meglio di sé arrivando a condurre con vantaggi fino a 26 punti (65-39 alla fine del 3° quarto) e conseguendo un tremendo parziale di 30-3 alla fine del 3° quarto.
Negli ultimi dieci minuti, poi, Brindisi ha letteralmente dilagato distruggendo la difesa casertana, ormai incapace di reagire. A 2’ dalla fine, Brindisi era avanti per 81-45(+36 punti) e spingeva ancora sull’acceleratore, nel tentativo di trovare ritmi che possano consentirle mercoledì prossimo di opporre alla Montepaschi Siena una valida resistenza nella gara di esordio in campionato.
Piero Bucchi ha fatto giocare tutti i propri uomini alternandoli sul campo e trovando così l’occasione di tenerli impegnati e di far loro acquisire una tenuta accettabile. Si consideri, infatti, che il tecnico bolognese  avrà pochissimo tempo per preparare la partita di Siena, visto che, dopo l’allenamento di domani pomeriggio a Brindisi, la squadra partirà in aereo martedì mattina e potrà effettuare soltanto una seduta di rifinitura nella breve sgambata di mercoledì mattina. 

Nessun commento:

Posta un commento