domenica 29 luglio 2012

QUANTI VECCHI AMICI RITROVEREMO QUEST'ANNO IN SERIE A


Sono davvero tanti i giocatori che rivedremo in serie A nel prossimo torneo, volti per lo più rimasti simpatici ai tifosi brindisini, ma pure più di qualcuno che non sarà ben visto appena metterà piede sul parquet del Pentassuglia.
Tutto dipenderà da quanto gli ex beniamini della “gens brundusina” avranno prodotto nel periodo trascorso nella nostra città vestendo la canotta bianco-azzurra.
Con la maglia oro-granata della Reyer Venezia, ad esempio, ne vedremo addirittura tre di giocatori che hanno indossato la maglia dell’Enel Brindisi: Sylvere Bryan, Yakouba Diawara ed Eric Williams. Il primo ha lasciato certamente un buon ricordo nei brindisini avendo ben figurato nell’anno della promozione in Lega A con coach Giovanni Perdichizzi; Diawara è stato a lungo il beniamino più amato nella prima parte della stagione, fino a quando si è poi lasciato andare anche lui come tutti gli altri, finendo con l’essere addirittura fischiato nell’ultima gara casalinga con Avellino; Williams, poi, è stato il “frutto proibito” dei brindisini, che non lo hanno neppure visto giocare a causa della sua esclusione dal roster già nel “buen retiro” di Cisternino. Saranno certamente contrastanti i pareri e gli atteggiamenti dei tifosi nei confronti dei tre ex brindisini di Venezia.
Giuliano Maresca non solleverà certo peana di entusiasmo quando entrerà nell’impianto di contrada Masseriola con la Juve Caserta, ma il suo rapporto con i tifosi è stato tutto sommato abbastanza felice, dopo aver contribuito alla promozione in serie A nel primo anno in Legadue, cui ha poi fatto seguito l’amara retrocessione l’anno successivo.
Applausi sinceri riceverà certamente Mauro Pinton, come li ebbe già due stagioni fa, quando venne a Brindisi con la maglia di Sassari. Nessuno dei tifosi brindisini ha dimenticato il suo buon campionato in regia al fianco di Joe Crispin nell’anno del ritorno nel massimo campionato del 2010.
Di Janis Porzingis probabilmente non se ne accorgerà nessuno, quando verrà con Cremona, soprattutto perché a Brindisi fece una breve apparizione (appena 7 partite), senza rimpianti, al primo anno di Legadue con Giovanni Perdichizzi in panchina.
Se verrà confermato, alla fine della partita con la Virtus Bologna, Kris Lang dovrà molto probabilmente sottoporsi ad una visita dall’otorino dell’Ospedale Perrino di Brindisi, perché saranno tali e tanti i fischi che lo accoglieranno prima, durante e dopo la gara, che gli creeranno sicuramente grossi problemi all’udito. Il comportamento tenuto dal lungo americano di Gastonia, nel corso di quel campionato, lasciò molto a desiderare soprattutto sul piano dell’impegno e della serietà professionale, allorchè dovette lasciare la squadra nel momento più delicato del campionato per correre negli States e salvare il suo matrimonio dal divorzio a causa delle sue intemperanze extraconiugali.
Allargando la forbice ad alcuni giocatori saliti con noi in serie A dalla Legadue, vedremo con piacere, invece, il ritorno al Pentassuglia di Aaron Johnson e di Dane Di Liegro, due ragazzi americani che, nello scorso campionato di Legadue, vestirono con grande onore la maglia di Ostuni. Il primo verrà a Brindisi con la Juvi Cremona e lo ricordiamo come  degno avversario di Renfroe, soprattutto nei playoff per la promozione; Di Liegro, invece, verrà con il Sassari di coach Sacchetti e darà certamente gran fastidio ai lunghi brindisini, come fece già in Legadue l’anno scorso.
Con poca simpatia, a causa della sua maliziosa cattiveria sul campo, rivedremo l’ex pistoiese Bobby Jones nelle file della squadra della capitale, mentre tutta da applaudire sarà quella del suo ex compagno di squadra Dwight Hardy, miglior giocatore di Legadue di quest'anno, vero talento, che da Pistoia si è trasferito ad Avellino. Si riproporrà così il bel confronto con Jonathan Gibson della finale di play-off.
E’ dell’ultima ora pure la notizia del ritorno in Italia di Marcellus Kemp, preso al volo da Siena: di lui ricorderemo sempre quel gran canestro non convalidato nella semifinale di Coppa Italia di Legadue con Sassari, all’ultimo secondo del tempo supplementare. Lo rivedremo a Brindisi molto volentieri, allora, con la maglia verde di Siena.





2 commenti:

  1. Hong Kong Soul Brother29 luglio 2012 10:16

    Innanzitutto complimenti per il blog. Simpatico il pezzo, ma purtroppo non credo che quel ... di Kris Lang sarà confermato da Bologna, così come reputo difficile che qualche altro team di A si carichi un bidone del genere: peccato, meritava sicuramente di essere sepolto dai fischi del PalaElio, visto che all'ultima contro Avellino si rese - molto opportunamente - uccel di bosco. Bryan non è stato confermato da Venezia mentre Kemp è una specie di talismano per noi, visto che tre volte è sceso a BR con tre maglie diverse e tre volte ha perso!

    RispondiElimina
  2. Grazie per le tue belle espressioni nei miei confronti. Mi sta davvero piacendo questa diversificazione del modo di fare giornalismo, dialogando con i miei amici e con i lettori che apprezzano il mio modo di scrivere, magari pure di contestare o di criticare quanto scrivo.
    Quanto a Lang, credo anch'io che avrà terminato di prendere in giro dirigenti creduloni, perchè lui è un vero imbelle e un mercenario della peggior specie. Spero anch'io che Kemp vorrà confermare ancora una volta la buona tradizione di lasciare i due punti quando incontrerà Brindisi.

    RispondiElimina