giovedì 26 luglio 2012

JONATHAN GIBSON RESTA A BRINDISI


La tanto sospirata notizia è finalmente arrivata. Jonathan Gibson resta a Brindisi e vestirà la canotta bianco-azzurra anche per il prossimo campionato. Tutti i tifosi brindisini l’hanno attesa a lungo, consapevoli di aver trovato nella giovane guardia statunitense il nuovo simbolo del proprio amore per la pallacanestro, il giocatore che ha riportato Brindisi in serie A e che ha attirato su di sé la passione e l’entusiasmo di tutti, l’erede dei grandi cecchini del recente passato brindisino, Crispin e Thomas per ultimi.

Molti di loro, quelli più accesi e appassionati, hanno atteso la mezzanotte di ieri – quando scadevano i termini della clausola liberatoria – per gioire ed esultare per la conferma automatica della firma sul contratto che legherà Gibson ancora per una stagione all’Enel Brindisi. Come ben si sapeva, infatti, il californiano aveva firmato sì il contratto per Brindisi, ma aveva pure posto il vincolo contrattuale del cosiddetto “escape”, cioè di poter uscire dal contratto entro il 25 luglio se una squadra professionistica della NBA lo avesse richiesto.
Ciò non è avvenuto, per la fortuna dell’Enel Brindisi e dei suoi tifosi, che hanno a lungo sperato che Gibson non disputasse un’eccellente Summer League con la squadra dei Boston Celtics. Infatti, Jonathan è stato piuttosto alterno nel rendimento offerto con la canotta dei “verdi” bostoniani perdendo, almeno per quest’anno, la possibilità di essere scelto tra i tanti atleti USA che sognano di partecipare, anche per una sola volta, al massimo campionato professionistico americano.
Più felice di tutti, però, immaginiamo possa essere Piero Bucchi, che così si è tolto di dosso il gran dubbio di come eventualmente sostituire Gibson, l’uomo attorno al quale egli dovrà far ruotare l’intero complesso. Infatti, il coach bolognese di Brindisi, insieme al “vecchio saggio” Santi Puglisi, aveva già costruito un bel mosaico con l’arrivo dei vari Robinson, Viggiano, Fultz e Grant, che completavano discretamente il roster già composto dai confermati ‘Ndoja, Borovnjak, Zerini e Formenti. Mancavano due sole pedine al completamento di questo bel manufatto, Gibson e la combo-guard, l’uomo che doveva rappresentare poi la ciliegina sulla torta. Ma tutto ciò era vincolato alla presenza di Gibson. Ora che questo è avvenuto, Bucchi  potrà finalmente chiudere il cerchio e annunciare il nome del giocatore designato, che per altro aveva già scelto da tempo.
Nella giornata odierna, Bucchi dovrebbe incontrarsi a Rimini in un briefing decisivo insieme con Santi Puglisi e con il nuovo direttore tecnico Renato Niccolai, per fare il punto della situazione e, probabilmente, per annunciare già oggi il nome della combo-guard, l’ultima pedina del roster definitivo che affronterà il prossimo torneo di Lega A.
Il nome più diffuso, corso sulla bocca di tutti nelle ultime ore, è quello di Malcom Delaney, 23enne play-guardia americano, che ha vinto di recente il campionato francese con la squadra di Chalon. Tra qualche ora ne sapremo probabilmente di più.

2 commenti:

  1. Molto puntuale e preciso come al solito... spero che ci rivedremo presto, magari proprio al palazzetto... buona serata
    Vincenzo Di Summa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Vincenzo! L'appuntamento al palasport è scontato, con la speranza che quest'anno, differentemente da due campionati fa, Bucchi e la sua squadra ci faranno divertire e apprezzare quanto sia bella la Lega A.

      Elimina