domenica 7 maggio 2017

CON MOORE INFORTUNATO, BRINDISI CEDE A VENEZIA E ABBANDONA IL SOGNO DEI PLAY-OFF

Nella foto, Nic Moore insieme al presidente Nando Marino

Anche nell'ultima occasione, buona per cercare una possibile chance di riscatto per la qualificazione ai play-off, Brindisi è stata bersagliata ancora una volta dalla cattiva sorte, presentatasi sotto la forma del serio infortunio al suo miglior giocatore, quel Nic Moore che è venuto prepotentemente alla ribalta nell'ultima parte di questa stagione sfortunata. Moore ha dovuto essere accompagnato in ospedale a Mestre per una forte contusione ad una spalla, subita dal possente pivot veneziano Batista. Così, senza il proprio regista e già priva dell'apporto di capitan Cardillo, Brindisi non ha più potuto continuare a credere nella possibilità di battersi fino alla fine, come stava facendo discretamente nei primi due quarti della gara, terminati con i parziali di 22-23 e di 43-36. Brindisi ha continuato a battersi fino al 50-55 della 3^ frazione di gioco, ma poi ha dovuto cedere progressivamente alla forza e alla grinta dei veneziani, che non hanno ceduto di una spanna lottando fino all'86-65 finale.

sabato 6 maggio 2017

BRINDISI E' PARTITA PER VENEZIA CON UN SOLO RISULTATO DA CONSEGUIRE: LA VITTORIA!

Nella foto, la singolare richiesta fatta ieri dai tifosi alla squadra

Siamo ormai alla resa dei conti. Domani sera si disputerà l'ultima partita della stagione regolare, la 30^ giornata della Lega A. Un appuntamento che per l'Enel Basket Brindisi varrà una stagione intera, visto che giocherà contro la Reyer Venezia nel palasport del Taliercio mestrino. Mentre la squadra lagunare si è matematicamente assicurato il 2° posto della graduatoria dietro Milano, per Brindisi non ci sarà via d'uscita se non quella della vittoria: infatti, dovrà vincere necessariamente, altrimenti resterà fuori dalle prime otto squadre che si disputeranno i play-off per lo scudetto tricolore. Un'eventuale sconfitta segnerà per la squadra di Meo Sacchetti la fine immediata del campionato con il consequenziale "tutti a casa". D'altro canto, non sarà neppure pensabile che Pistoia e Orlandina - appaiate con Brindisi a 28 punti in classifica - possano perdere in casa rispettivamente contro Brescia e Pesaro, avversari che ormai nulla hanno più da chiedere a questo campionato.

mercoledì 3 maggio 2017

IL CAMPIONATO PREMIA PHIL GOSS CON I SUOI 3002 PUNTI IN CARRIERA E NIC MOORE CON LA MIGLIOR PERCENTUALE NEL TIRO DA TRE PUNTI



Nonostante il cammino dell'Enel Basket Brindisi nel corso di questo campionato sia sempre piuttosto altalenante e non proprio esaltante, due componenti essenziali della squadra hanno trovato il modo per mettersi in grande evidenza e balzare in questi giorni all'attenzione della critica dal punto di vista della tecnica e della statistica. Parliamo di Phil Goss e di Nic Moore, i due registi della squadra, che però hanno pure saputo trovare il modo di funzionare non solo come la "mente " del team bianco-azzurro, ma anche come il "braccio". Quando se n'è presentata la necessità, infatti, sia Goss che Moore hanno funzionato assai bene anche come cecchini di ottimo rilievo con le proprie iniziative, soprattutto quanto si è presentato il bisogno di punire le difese avversarie più chiuse con il tiro dalla media e lunga distanza, come hanno fatto pure vedere entrambi tre giorni fa.

domenica 30 aprile 2017

BRINDISI CACCIA VIA LE STREGHE E SUPERA CON DECISIONE UNA FORTE ORLANDINA

Nella foto, Nic Moore spicca contro Milano il suo ormai acclarato tiro da tre punti

Battendo oggi Capo d'Orlando (87-75), Brindisi ha vinto la partita più importante della sua stagione, quella che la terrà in piedi ancora per una settimana prima di recarsi a Venezia domenica prossima, dove si giocherà le ultime chances di qualificazione per i play-off. L'impegno di questo pomeriggio era per niente facile, anzi si trattava di un autentico spareggio, perchè la squadra siciliana si è dimostrata dovunque sia andata un team tosto, forte e completo, in grado di infastidire chiunque anche sui campi esterni. C'è voluta, infatti, tutta la concentrazione necessaria da parte di Cardillo e dei suoi compagni, per tenere distanti nel punteggio le velleità dei siciliani. Brindisi c'è riuscita per quasi tutta la gara (23-21, 52-41, 67-59 i primi tre quarti di gioco), tenendo un buon grado di determinazione e di continuità di gioco.

sabato 29 aprile 2017

TRA BRINDISI E CAPO D'ORLANDO DOMANI CONTERA' UN SOLO RISULTATO: CHI VINCE ANDRA' AI PLAY-OFF, CHI PERDE RISCHIA DI RESTAR FUORI

Nella foto, Kris Joseph vola a canestro contro Milano

La gara di domani tra Brindisi e Capo d'Orlando si prospetta ormai come un vero e proprio spareggio all'ultimo sangue, un confronto dai contorni sportivi veramente drammatici. Infatti, la squadra perdente delle due verrà automaticamente esclusa dai play-off. Se questo risultato dovesse castigare la squadra siciliana, si commenterebbe come un episodio abbastanza prevedibile, visto che, all'inizio delle ostilità, Capo d'Orlando veniva presentata come una formazione da ultimi posti della classifica. Se a perdere, invece, dovesse essere Brindisi, lascerebbe dietro di sè una lunga serie di rimpianti e di delusioni, considerato che la squadra di Sacchetti era stata giudicata un po' da tutti come la possibile sorpresa del campionato di Lega A, una squadra assai dotata sul piano tecnico e, quindi, capace di
conseguire risultati imprevedibili.

domenica 23 aprile 2017

UN BRINDISI SENZA CUORE SI LASCIA STRAPPARE LA VITTORIA DA UN CASERTA GRINTOSO E MAI DOMO

Nella foto, Nic Moore cerca di mettere ordine nella sua squadra

Brindisi perde un'occasione più unica che rara per conquistare la vittoria contro un Caserta malandato e in forti difficoltà economiche, ma non aveva fatto i conti con il "cuore" e la grinta dei casertani. Si riteneva a torto, come spesso è accaduto in questo campionato alla squadra di Sacchetti, che le assenze per infortunio e i malanni societari della squadra di coach Dell'Agnello le avrebbero impedito di mettersi alla pari con Brindisi. Sul campo, però,  questi nostri giocatori, così belli a vedersi, ma poco impegnati sul piano della forza d'animo e della determinazione, hanno trovato "una squadra" pugnace e coraggiosa, non un'accozzaglia di giocatori rassegnati alla sconfitta. Il campo, alla fine, racconta sempre la verità, e ha proclamato che Brindisi non merita il traguardo di cui oggi si parla ancora nell'ambiente bianco-azzurro, cioè la qualificazione ai play-off. Questa squadra ha poco cuore, gioca come e quando le piace, battendo alla grande la squadra più forte del campionato, ma facendo mettersi sotto otto giorni dopo dal povero Caserta, che ha tanti problemi da risolvere.

sabato 22 aprile 2017

CASERTA E BRINDISI DOMANI VOGLIONO ENTRAMBE LA VITTORIA IN QUESTO NUOVO " DERBY DEL SUD"

Nella foto, la squadra dell'Enel Basket Brindisi esulta dopo una vittoria

Domani pomeriggio, l'Enel Basket Brindisi andrà a Caserta per giocarsi uno dei più importanti e decisivi "derby del Sud" per l'immediato futuro di entrambe le squadre. Più che quello con Avellino è questo il vero derby, fin da quando, quarant'anni fa, andavano in campo per Caserta Gavagnin e Maggetti, ex star dell'Ignis Varese, mentre per Brindisi figuravano Calderari, Sangiorgio e i due fratelli del basket brindisino per antonomasia, Pino ed Enzo Giuri. E - guarda un po' come vanno le cose - domani sera ci sarà in campo un altro Giuri, ma questa volta dall'altra parte. Il figlio di Enzo Giuri, il 29enne Marco, brindisino doc, è a Caserta già da due stagioni e di questa squadra, ora che è andato via Sosa, è diventato ormai la guida essenziale in campo.